L'Iran rivendica la prima vittoria ai colloqui di Vienna sul nucleare

L'Iran rivendica la prima vittoria ai colloqui di Vienna sul nucleare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nell'ambito del settimo round dei colloqui a Vienna (Austria), iniziati il 1 dicembre scorso, l'Iran ha presentato alle parti europee dell'accordo nucleare due bozze sulla sua posizione e proposte in merito all'eliminazione delle sanzioni, che gli Stati Uniti hanno reintrodotto dopo essere usciti dall'accordo nucleare firmato nel 2015, così come gli impegni nucleari di Teheran.

Una fonte vicina alla vicenda ha spiegato ieri che i tre paesi europei che hanno firmato il patto nucleare, PIAC o JCPOA, ovvero Regno Unito, Francia e Germania, che in prima istanza hanno rifiutato di scommettere su queste bozze, hanno deciso di condurre i negoziati sulla base delle proposte dell'Iran.

"Questo cambiamento nell'approccio dei tre Stati membri europei del PIAC nei negoziati è la prima vittoria dell'Iran nella battaglia di Vienna", ha affermato la fonte.

In questo round di negoziati, ha aggiunto, le parti occidentali sono state colpite dagli sforzi dell'Iran e sono state costrette ad accettare la verità e il pragmatismo del Paese persiano.

Riferendosi ai tentativi di alcune parti di minare i colloqui, la fonte ha precisato di averlo fatto con l'obiettivo di ottenere concessioni da Cina, Russia e Iran.

L'Iran e il Gruppo 4+1 (Regno Unito, Francia, Russia e Cina, più Germania) hanno  ripreso il settimo round di negoziati a Vienna (Austria) il 29 novembre con l'obiettivo di eliminare le sanzioni anti-iraniane e rivitalizzare il patto nucleare.

Questo ciclo di colloqui è presieduto congiuntamente da Baqeri Kani e dal Vice Segretario Generale del Servizio per l'Azione Estera dell'Unione Europea (UE), Enrique Mora, e vede la partecipazione delle delegazioni degli altri Paesi che hanno firmato il patto. Anche gli Stati Uniti partecipano indirettamente ai colloqui.

Le autorità iraniane hanno già chiarito in più occasioni che la cosa principale  in questi nuovi colloqui è l'effettiva revoca delle sanzioni e la normalizzazione delle relazioni commerciali ed economiche con l'Iran; pertanto, qualsiasi accordo deve soddisfare queste richieste di Teheran. Inoltre, hanno chiesto ad altri parti del PIAC di tornare al pieno rispetto degli impegni previsti dal patto.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti