/ L'olocausto europeo ha radici in Africa. Ora la Namibia persegue ...

L'olocausto europeo ha radici in Africa. Ora la Namibia persegue legalmente la Germania

 

Senza capire cosa sia successo agli Herero e ai Nama, è impossibile capire cosa sia successo prima e durante la seconda guerra mondiale.



di Andre Vltchek* - JournalNeo.org


 
Nel 2014, dopo aver pubblicato il mio reportage sulla Namibia, in cui denunciavo la "semi-negazione" tedesca che aveva commesso un Olocausto nella sua ex colonia dell'Africa sud-occidentale; una rinomata università tedesca mi ha mandato una lettera. Parafraso, ma il contenuto della lettera è mantenuto intatto:

 
"Caro professore Vltchek, siamo impressionati dalla tua ricerca e dalle tue conclusioni e vorremmo tradurre e pubblicare le sie analisi pionieristiche in lingua tedesca. Purtroppo, non possiamo permetterci alcun pagamento ... "
 

Era una delle principali università del paese, con enormi budget e una reputazione internazionale.
 

Ho risposto, chiedendo perché, con tutti quegli studiosi e accademici, con dottorandi e esperti, non avevano mai inviato un team di esperti in Namibia, per indagare su uno dei più orrendi crimini commessi nel XX secolo? Volevo sapere, perché avrebbero improvvisamente voluto fare affidamento sul lavoro di uno straniero, un estraneo, un internazionalista che si rifiuta di definirsi un accademico (per me ora è un termine totalmente screditato)? Assassinare il popolo Herero e Nama nell'Africa sudoccidentale dai tedeschi era, dopotutto, la chiave per comprendere ciò che accadde alcuni decenni dopo, proprio in Europa, durante l'Olocausto che la Germania continuò a commettere contro ebrei e rom.
 

L'università non ha mai risposto. Suppongo che sentissero che li stavo "trascinando" in acque estremamente pericolose. Non volevano "essere lì"; preferivano le acque tranquille e sicure, dove qualche intellettuale straniero di sinistra scrive qualcosa, lo traducono e lo pubblicano, mettendo un disclaimer che questo non riflette necessariamente la posizione del loro rispettato periodico e dell'università. Per quanto li riguardava, i tabù dovevano rimanere tabù, e le dune della Namibia dovevano essere mosse un po ', solo per una discussione intellettuale limitata. Nessuna tempesta, per favore!
 
*
 
Non ci vuole una scienza missilistica per scoprire cosa ho fatto in Namibia. Lì ho incontrato gente comune, nelle baraccopoli e nelle università. Ho incontrato esperti delle Nazioni Unite e funzionari del governo namibiano. Ho scovato vari documenti di archivio. Ho consultato studiosi nel vicino Sudafrica.
 

In Africa, la storia della Namibia non è un segreto. Niente è tabù. E’ noto a Windhoek o a Città del Capo nel vicino Sudafrica:
 

I tedeschi entrarono nel deserto, e poi sterminarono, oltre l'80% dell'intera nazione: l'Herero. Il popolo dei Nama ha perso circa il 50% della sua popolazione. Furono costruiti i campi di concentramento e di sterminio; esperimenti medici mostruosi su esseri umani furono perpetrati. "Medici" tedeschi che includono coloro che stavano lavorando sulla "dottrina della razza pura" in Namibia (la dottrina usata in seguito dai nazisti in Europa), successivamente "educarono" molti medici razzisti tedeschi, incluso il famigerato "Angelo della Morte" - Mengele. Il dottore più famoso, che ha sperimentato su esseri umani in Africa, è stato Eugen Fischer.
 

Non sorprende che il primo governatore tedesco della colonia fosse il padre del deputato di Hitler, Herman Goering.
 

L'olocausto in Africa è direttamente collegato all'olocausto in Europa.
 

La menzogna ufficiale ripetuta mille volte in relazione alla nascita del nazismo tedesco - una bugia che viene persino insegnata in molte scuole europee - crollerebbe come un castello di carte se la storia della Namibia venisse esaminata attentamente.
 

La menzogna, in diverse varianti, suona così: "La Germania, profondamente umiliata dopo la prima guerra mondiale, di fronte a terribili crisi economiche, è improvvisamente impazzita, si è radicalizzata e ha finito per portare al potere i bigotti nazionalisti di estrema destra". Quasi non ci si capacita nella linea ufficiale occidentale di come la "pacifica Germania, terra di studiosi e filosofi; una nazione che ha scioccato se stessa e il mondo, trasformandosi all'improvviso in violenza estrema e omicidi di massa, abbandonando le sue nobili tradizioni? "Tale ragionamento sarebbe valido solo se gli Altri (non bianchi, non europei) non fossero considerati come esseri umani.
 

L'olocausto namibiano (ma anche in parte, l'omicidio di massa che la Germania ha commesso contro il popolo della Tanzania odierna) mostra che la Germania ha chiaramente una storia di comportamento genocida e che si è impegnata, negli anni '30 e '40, nel proprio continente, esattamente in quello che aveva fatto molto prima, in Africa.
 

Ovviamente, tutto ciò non riguardava solo il nazismo (non c'erano ancora nazisti durante l'olocausto in Africa), ma tutta la cultura e la mentalità del popolo tedesco.
 

Fortunatamente, il silenzio non è totale. Sporadicamente, la verità sul passato dell'horror namibiano è apparso, anche nella stampa ufficiale.
 

Il 21 ottobre 2012, il quotidiano canadese The Globe and Mail, ha riferito:
 

"Nella boscaglia e nella macchia della Namibia centrale, i discendenti dei sopravvissuti Herero vivono in squallide baracche e piccoli appezzamenti di terra. Nella porta accanto, i discendenti dei coloni tedeschi possiedono ancora vaste proprietà di 20.000 ettari o più. È un contrasto che fa infuriare molti Herero, alimentando qui un nuovo radicalismo. Ogni anno gli Herero tengono cerimonie solenni per ricordare il primo genocidio del secolo più sanguinoso della storia, quando le truppe tedesche li hanno cacciati nel deserto a morire, annientando l'80 per cento della loro popolazione attraverso la fame, la sete e la schiavitù nei campi di concentramento. Il Nama, un gruppo etnico più piccolo, perse metà della popolazione dalla stessa persecuzione.
 Una nuova ricerca suggerisce che il genocidio razziale tedesco in Namibia dal 1904 al 1908 ebbe un'influenza significativa sui nazisti durante la seconda guerra mondiale. Molti degli elementi chiave dell'ideologia nazista - dalla scienza razziale all'eugenetica, alla teoria del Lebensraum (creazione di "spazio vitale" attraverso la colonizzazione) - sono stati promossi da veterani e scienziati militari tedeschi che avevano iniziato la loro carriera nell'Africa sudoccidentale, ora Namibia, durante il genocidio ... "
 


A Windhoek, la capitale della Namibia, un esperto europeo che lavora per l'ONU, un mio amico, mi ha parlato, come quasi tutti, con passione, ma senza osare rivelare il suo nome:
 
"I primi campi di concentramento sulla terra furono costruiti in questa parte dell'Africa ... Furono costruiti dall'impero britannico in Sudafrica e dai tedeschi qui, in Namibia. Shark Island on the coast è stato il primo campo di concentramento in Namibia, usato per uccidere il popolo Nama, ma ora è solo una destinazione turistica - non indovinerai mai che c'erano persone sterminate lì.
Qui nel centro di Windhoek c'era un altro campo di sterminio ... "
 


Riconoscendo i suoi crimini contro gli ebrei (ma non sempre contro i Rom), la Germania ha trasformato in monumenti per la memoria, tutti gli ex campi di concentramento, tra cui Buchenwald e Dachau. Ma non c'è assolutamente nulla che faccia onore alla memoria delle sue vittime in altre parti del mondo, in particolare in Africa.
 

Il razzismo è una delle caratteristiche essenziali del nazismo. Non è una chiara espressione del razzismo trattare diversamente le vittime dello stesso crimine, semplicemente a causa del colore della loro pelle?

---- 
 
Ora il popolo namibiano denuncia la Germania in un tribunale di New York.
 

Sembra che ne abbiano avuto abbastanza. Basta con l'attesa, l'umiliazione. Per anni non c'è stato alcun risarcimento per le famiglie delle vittime e nessun serio risarcimento alla nazione.

 
Per anni, il governo namibiano ha negoziato almeno per il ritorno di tutti i teschi della popolazione locale, che sono stati utilizzati nei laboratori tedeschi e dagli scienziati tedeschi per dimostrare la superiorità della razza bianca, così come la "sub-umanità" di altre razze, compresi i neri. I colonialisti tedeschi hanno decapitato innumerevoli persone di Herero e Nama, e almeno 300 capi sono stati trasportati nei laboratori tedeschi per "ricerca scientifica". Molti furono successivamente "scoperti" nel Museo di storia medica dell'ospedale Charite di Berlino e all'Università di Friburgo.
 

Gli insulti sono stati aggiunti alla ferita. Fino ad ora, i coloni tedeschi godono di uno stile di vita ripugnante e sontuoso su una terra che è stata rubata agli Herero e ai Nama. Molti discendenti delle vittime dell'olocausto dell'Africa sudoccidentale vivono ora in quartieri sovraffollati.
 

I turisti tedeschi e di altri paesi dell'Europa centrale sono "innamorati della Namibia"; per le sue dune, la costa spettacolare e incontaminata, così come per le enclaves bianche tedesche. Ho chiesto a molti di loro del passato. Molti di loro non sapevano dell’Olocausto e sembravano non essere interessati a imparare.
 

Ma il mondo potrebbe 'scoprire' il passato della Namibia, molto presto, mentre l'imperialismo occidentale si sta sgretolando e le persone oppresse si stanno rialzando.
 

Le richieste di risarcimento e riconoscimenti per l'orribile passato colonialista stanno ora fluendo dal Pakistan, dall'India e da altri paesi che sono stati devastati dal razzismo e dall'imperialismo europei. Il caso namibiano potrebbe mettere in moto l'intero pianeta, poiché è quasi il mondo intero che è stato devastato dal colonialismo europeo.
 

Le corti americane potrebbero non risolvere molto, ma ciò che sta accadendo là è simbolico, e solo un inizio.
 

AFP ha riferito il 31 luglio:
 
"Il giudice distrettuale degli Stati Uniti, Laura Taylor Swain, ha presieduto l'udienza di un'ora in un tribunale federale di New York, ma ha concluso la sessione dicendo che non avrebbe governato immediatamente. Inoltre, non ha fissato una data per una decisione.
Il governo tedesco vuole che la causa venga respinta sulla base dell'immunità dello stato dall'accusa. I gruppi Herero e Nama cercano riparazioni per il genocidio dei loro popoli sotto il dominio coloniale tedesco ... Il popolo Herero e Nama ha intentato la causa  l'anno scorso, cercando riparazioni per le decine di migliaia di persone uccise nei massacri ".
 
Non ci sarà facile vittoria per il popolo Herero e Nama. Non hanno lobby negli Stati Uniti, e anche in Namibia sono poveri. Non possiedono media internazionali, banche internazionali o società.
 
Ma hanno ragione nel chiedere giustizia!
 
Il famoso avvocato internazionale canadese, Christopher Black, ha dichiarato per questo saggio:
 
"Le potenze coloniali europee imposero il loro dominio su altri popoli attraverso la guerra e il terrore e commisero violenze su vasta scala. Le loro azioni costituiscono il crimine di guerra di aggressione e crimini contro l'umanità, assalto omicida e schiavitù. Molte di queste nazioni stanno ancora cercando di fuggire e di riprendersi dall'occupazione e dalla distruzione imposte loro e dovrebbero essere compensate da quei poteri coloniali per il danno fatto. Le scuse insignificanti non sono sufficienti. Esiste un precedente legale per il requisito che le potenze coloniali paghino riparazioni a quei popoli, come la Germania ha dovuto fare per quanto riguarda il suo genocidio contro gli ebrei. La determinazione della somma e in quale forma dovrebbe essere pagata sarebbe una questione controversa, ma le vittime del colonialismo hanno un diritto morale e legale al risarcimento per i crimini commessi contro di loro e il danno duraturo fatto ".
 
Per quanto riguarda le percentuali, le nazioni Herero e Nama hanno perso più persone di qualsiasi altra razza, nazione o gruppo etnico durante tutto il XX secolo.
 
Senza capire cosa hanno sofferto, cosa è stato fatto a loro, non c'è modo di capire cosa è successo prima e durante la seconda guerra mondiale.
 
L'intero mondo anti-imperialista ha un chiaro obbligo di sostenere la causa del popolo Herero e Nama nella loro ricerca di giustizia. Basta con 'link non funzionanti' e menzogne. La giustizia deve essere la stessa per tutti. Le nazioni che erano, o sono vittime di genocidi occidentali, massacri e saccheggio colonialista, dovrebbero unirsi e dichiarare forte e chiaro: "Mai più!"

Traduzione de l'AntiDiplomatico


*Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Three of his latest books are his tribute to “The Great October Socialist Revolution” a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The EmpireView his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa