Lotta di classe in Italia? Una pennellata degli ultimi 50 anni

Lotta di classe in Italia? Una pennellata degli ultimi 50 anni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Pubblico la recensione di Sergio Calzolari, manager, al mio libro 50 anni di guerra al salario, che ringrazio:




-----------------------------

Il libro di Pasquale ha un pregio importante. E vado subito al punto. Pasquale è coerente. E questo per me è più che sufficiente oggi.

Non si vende. Non cambia idea. Non si muove come una foglia al vento.

La sua dote é quella di un pittore. Con poche pennellate poetiche sa indicare uno stato. Una sensazione. Sa evocare una visione del mondo. 

Il titolo del libro NON lo condivido affatto.

Mi rendo conto che oggi conta anche il marketing. Ma non ne condivido la iperbole, soprattutto in un tempo, nel quale la vera guerra fa migliaia di morti ai confini europei.

Si è dato scontro sociale in Italia, ma mai guerra di classe o di altro tipo. Il realismo è sempre la base di ogni analisi teorica. La politica forse necessita di toni forti

Ma la teoria no, o almeno non dovrebbe. 

Nel libro vi sono molti limiti teorici. Il discorso sul medioevo economico verso il quale vengono spinti i lavoratori, e sul ritorno al passato sono problematiche più da comizio politico che da teoria economica, in quanto il capitalismo non può tornare indietro,...mai. Nell'epoca della sottomissione reale del lavoro al capitale  (sussunzione totale reale)  la centralità è sempre del plusvalore relativo; non può esserci alcun ritorno al plusvalore assoluto.

Altra cosa, per esempio, che non condivido è l'impianto operaista di fondo nella analisi dello sviluppo storico sociale: le lotte spingono al rinnovo del ciclo poiché portano sempre alla sua messa in crisi ed al suo superamento. Questo assunto non lo condivido, ritengo Tronti ed i suoi amici dei confusionari chiacchieroni. E non è un caso secondario che Il Tronti sia stato uomo interno al PCI ed alle sue metamorfosi varie. La teoria non va separata dalla pratica sociale. Mai. 

Io preferisco Weber e Shumpeter, per cui ritengo che sia l'innovazione del e nel processo a spingere la frazione dominante ai cambiamenti e che le lotte siano una causale secondaria, quindi un meccanismo intermodale di sviluppo del capitalismo e NON la direzione e motivazione ultima del moto. 

Ma questi sono dettagli per un libro che va letto di un fiato. Di corsa. Come un quadro va visto nel suo insieme e va goduto nelle emozioni che muove. 

Quindi evviva Pasquale, per la sua indomita  coerenza, e per la sua capacità e facilità di pennellare un'epoca lunga 50 anni appunto.

Pasquale è il nostro pittore della lotta di classe. "Credo che per certi versi abbia ragione, ma guardiamo l'Italia e non altri paesi. Quanto all'operaismo sono stato profondamente influenzato dal 77 ma soprattutto dall'unione tra ebraismo e marxismo di Benjamin e ne ho sempre fatto un connubio. Quello che Elisa, la traduttrice spagnola di  Piano contro mercato, chiama epica o Sergio pittore della lotta di classe. Forse il film Giu' la testa di Sergio Leone, che vidi a 15 anni, ha influito non poco in questa mia visione della storia del nostro Paese. Sergio vive in Asia, dove respira la modernità e dove nasce l'alba. Noi in fondo siamo il tramonto da sempre, tranne alcune epoche gloriose. E quindi respira il plusvalore relativo, l'innovazione, ma come scrive Max ormai 34 su 44 settori tecnologici sono in mano ai cinesi e qualcosa vorrà dire. Nell'introduzione al libro si scrive di macerie, di distruzione, come scrisse Benjamin a proposito dell'Europa nazista, forse ripetuta in epoca presente. La distruzione del salario sociale globale di classe e l'affermazione dell'oligarchia finanziaria. In Usa c'è innovazione, ma anche zombie, l'altra faccia della medaglia, non presente in Asia. Mi si parla di futuro, ma solo per me la reminiscenza del passato potrà farci trovare le radici per risorgere. Ed in questo, al momento, non vedo segni, tutt'altro."

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti