Lula è libero, ma cosa succede adesso?

Lula è libero, ma cosa succede adesso?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ex presidente del Brasile e leader latinoamericano, Luiz Inacio Lula da Silva, è stato rilasciato l'8 novembre dopo la dichiarazione di incostituzionalità della prigionia di una persona in secondo grado da parte della Corte Suprema Federale del Brasile (STF). Tuttavia, la sua libertà non è ancora definitiva.

 

Cosa succede adesso?

 

Il prossimo passo nella difesa dell'ex presidente brasiliano è quello di continuare con gli appelli, incluso un habeas corpus l’ex giudice di Lava Jato, l’attuale ministro della Giustizia Sergio Moro, per aver avuto un comportamento parziale e alieno allo stato di diritto durante il caso Lula. Questo ricorso è stato respinto il 26 giugno dalla Seconda Sezione della Corte Suprema del Brasile.

 

Se la Corte Suprema Federale accettasse l'habeas corpus contro Moro, il leader brasiliano verrebbe dichiarato innocente e recupererebbe i suoi diritti politici.

 

La denuncia contro Moro è nata dopo un'indagine pubblicata dal portale The Intercept, con messaggi scambiati tra l’ex giudice e i procuratori del caso Lava Jato al momento del processo attraverso la rete di messaggistica di Telegram.

 

I messaggi mostrano che Moro ha guidato le indagini dei pubblici ministeri della Procura, circostanza che è espressamente vietata dalla legge.

 

Inoltre, gli avvocati di Lula hanno indicato che la parzialità di Moro è stata dimostrata l'anno scorso, con la nomina dell'ex giudice a ministro nel governo del presidente Jair Bolsonaro, che era il principale contendente dell'opposizione nelle elezioni presidenziali, in cui la candidatura di Lula è stata bandita dal processo giudiziario.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico