L'Unione Africana condanna i crimini di Israele

L'Unione Africana condanna i crimini di Israele

Una protesta che chiede il boicottaggio di Israele a Johannesburg, in Sudafrica, il 31 maggio 2019. (Photo credit: Afro-Palestine Newswire Service)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nella dichiarazione di chiusura della trentaseiesima sessione ordinaria dell'Assemblea dell'Unione Africana (UA) tenutasi ad Addis Abeba, in Etiopia, il blocco regionale ha confermato il suo “pieno sostegno” allo Stato di Palestina.

L'UA ha condannato i crimini israeliani in corso contro i palestinesi, inclusi sgomberi forzati, detenzioni extragiudiziali, espansione illegale degli insediamenti e apartheid.

Questa dichiarazione è arrivata appena un giorno dopo che una delegazione israeliana è stata espulsa senza tante cerimonie dalla cerimonia di apertura del vertice.

 

Domenica scorsa, il capo della commissione dell'UA Moussa Faki Mahamat ha confermato che lo status di osservatore di Israele è stato sospeso dall'anno scorso e che nessun funzionario israeliano era stato invitato al vertice di quest'anno.

“L'anno scorso abbiamo discusso la questione dello status di Israele come osservatore nell'Unione Africana. A seguito di queste varie discussioni, la conferenza ha deciso di istituire un comitato ad hoc di capi di stato sulla questione, il che significa che lo statuto è sospeso fino a quando questo comitato non potrà deliberare. E quindi non abbiamo invitato i funzionari israeliani al nostro vertice", ha dichiarato Mahamat.

“Abbiamo scoperto che c'è un personaggio che è entrato nella stanza con un badge e, naturalmente, gli abbiamo chiesto di uscire dalla sala. Stiamo facendo le indagini necessarie perché non risiede qui, viene da Israele, e ogni volta che qualcuno arriva qui, è invitato, è invitato dal presidente della Commissione dell'Unione Africana. Il funzionario non è stato invitato", ha aggiunto il funzionario dell'UA.

Nel 2021, Mahamat ha concesso lo status di osservatore israeliano all'UA, provocando un putiferio in tutto il blocco panafricano e scatenando proteste, in particolare da Algeria e Sudafrica.

Tel Aviv ha incolpato l'Iran e quello che ha definito una "manciata di stati estremisti come l'Algeria e il Sud Africa" per l'umiliazione pubblica di sabato dei suoi funzionari.

Il ministero degli Esteri israeliano ha annunciato che prevede di convocare l'ambasciatore sudafricano per un rimprovero, sottolineando in una dichiarazione che Tel Aviv "guarda con durezza all'incidente".

Il ministero ha anche ricordato che l'incaricato d'affari sudafricano sarà convocato per rimprovero dal direttore generale del ministero israeliano, Ronen Levy.

"Non c'è alcuna base nelle regole dell'organizzazione per il tentativo di annullare lo status di osservatore di Israele", ha aggiunto il ministero degli Esteri israeliano.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti