Maduro: "Il sionismo è il nuovo fascismo"

Maduro: "Il sionismo è il nuovo fascismo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente Nicolás Maduro ha commentato le intenzioni del presidente argentino Javier Milei di promuovere nuove sanzioni contro il Venezuela.

Durante una nuova edizione del Maduro Podcast, il capo di Stato venezuelano ha affermato che ciò che è salito al potere in Argentina con Milei è "il fascismo, il sionismo, che è il nuovo fascismo". 

"Ora Milei sta parlando di come condurrà una crociata in modo che il Venezuela sia sanzionato, assediato e sconfitto. Io dico da Caracas, dai ‘barrios’ di Caracas, dico a Milei, a te e a molti altri, Milei, guardati allo specchio di Bolsonaro, guardati allo specchio di Macri, chi si mette contro il Venezuela, ci rimane secco", ha detto.

Il presidente si è intrattenuto con la prima combattente, la moglie Cilia Flores, e con il governatore dello Stato di Carabobo, Rafael Lacava, con il quale ha parlato della stella del calcio argentino, Diego Armando Maradona.

"Ho una tesi sulla morte di Maradona, l'ho già detto in passato. Credo che Maradona sia stato ucciso (...) Gli ho parlato il giorno del suo compleanno, giorni prima che morisse, e gli ho detto 'Diego, vieni in Venezuela, qui ci prenderemo cura di te. Sono preoccupato per te", perché a gennaio gli avevo detto personalmente ‘Abbi cura di te, Diego. Ci sono persone molto cattive, fascisti, e sanno che tu sei la voce della ribellione popolare, colui che dice quello che nessuno osa dire in Argentina e nel mondo’. Penso che sia stata un'operazione per eliminare i simboli dell'Argentina ribelle, dell'Argentina profonda, e prima hanno eliminato Diego, ne sono certo, e poi volevano eliminare Cristina (Fernández), la volevano uccidere in diretta televisiva", ha denunciato il leader bolivariano.

Ha anche commentato che "uccidendo Diego e Cristina, l'Argentina sarebbe rimasta senza voci profonde e potenti. Credo in questo piano per l'arrivo del fascismo" e che è sicuro che un giorno la verità verrà alla luce.

D'altra parte, il presidente ha ricordato diverse situazioni vissute durante il periodo parlamentare 2000-2005, sottolineando che l'Assemblea Nazionale "è stata una grande scuola" in cui si sono apprese "grandi lezioni", come la capacità di tolleranza e di dialogo "nelle peggiori circostanze, vedendosi in faccia, parlando" con settori dell'opposizione.

"L'Assemblea nazionale dal 2000 al 2005 è stata straordinaria perché abbiamo attraversato la cospirazione del 2001, i colpi di Stato del 2002, il lento processo di ripresa economica e sociale del 2003, il processo referendario di richiamo e la brutale cospirazione del 2004, la violenza, la prima guarimba", ha ricordato.

Nel corso della conversazione, il il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela ha proposto al governatore Lacava di far parte dei principali membri del Comando della campagna per le elezioni presidenziali del 28 luglio.

"Voglio che lei chieda al popolo di Carabobo il permesso di essere uno dei principali portavoce e membri del comando della campagna elettorale vittoriosa del 28 luglio, è una proposta che le faccio qui pubblicamente", ha affermato il presidente.

Il governatore Lacava ha accettato e ha assicurato che "sarebbe un privilegio e un onore per me e so che il nostro popolo di Carabobo comprende l'importanza di questo nuovo compito che mi state affidando".

Un altro punto sollevato nello scambio è stata l'affermazione dell'esecutivo secondo cui ci sarebbe stato un tentativo di sabotare il festival di Waikiki durante le vacanze di Pasqua.

"Hanno cercato di sabotare il festival di Waikiki. Abbiamo raccolto alcune comunicazioni quattro giorni prima per sabotarlo, sono state prese delle misure e la gente è rimasta in pace", ha reso noto Maduro.

A questo proposito, il governatore Lacava ha espresso la sua gratitudine alle forze di sicurezza che hanno garantito la protezione delle oltre 150.000 persone venute a celebrare l'evento.

Il Presidente Maduro ha anche colto l'occasione per informare che il 1° Festival Internazionale Viva Venezuela, Mi Patria Querida, sarà inaugurato il 10 maggio con un grande concerto che si terrà allo Stadio Monumental Simón Bolívar, situato a Caracas.

"Il 10 maggio, qui al Monumental, si terrà il concerto inaugurale del Grande Festival Mondiale della Grande Missione Viva Venezuela, mia amata Patria", ha dichiarato.

Nel suo annuncio, il Presidente ha affermato che quel giorno si prevede la partecipazione di oltre 60.000 persone per godere delle diverse espressioni culturali del Venezuela.

A questo proposito, ha spiegato che "60.000 persone parteciperanno a questo grande concerto della nostra musica, del nostro ritmo, del nostro modo di ballare, della nostra poesia, della nostra musica popolare, della nostra cultura tradizionale; è qui che inizierà la grande festa, il 10 maggio, non mancate".

Ha aggiunto che dopo il concerto inaugurale, questo primo festival farà il giro del Paese, per risvegliare la speranza del popolo e unirlo "perché il 28 luglio vinceremo!”.

Il 1° Festival Internazionale Viva Venezuela, Mi Patria Querida, si svolgerà dal 10 al 19 maggio a Caracas, La Guaira e Miranda, per poi spostarsi in tutto il Paese.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti