Maradona, l'eroe immortale del Sud del mondo

Maradona, l'eroe immortale del Sud del mondo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dopo la vittoria di Javier Milei in Argentina, sembra che alcuni tornino sulla scena senza alcun pudore e che le maschere stiano cadendo, rivelando il volto del fascismo neoliberista in purezza. È quanto accaduto in un'intervista all'ex presidente Mauricio Macri in cui ha proferito la frase: "L'era di Maradona è finita", con l'intenzione di fare una similitudine con la sconfitta della sinistra.

In un maldestro tentativo di paragonare il calciatore Lionel Messi alla figura di Diego Maradona e a quanto rappresenta per il popolo argentino, Macri ha affermato nella sua intervista: "Messi, un leader totalmente positivo e pro-famiglia. Lui, sua moglie e i suoi figli sono impressionanti… È umile, il ragazzo più amato al mondo. È un modello che il popolo argentino ha iniziato a valorizzare: non abbiamo il 'vivace' e il 'trasgressivo' come idolo. È finita un'epoca, con tutto l'amore del mondo perché è un idolo. Maradona era così; dirompente e trasgressivo".

La destra fanatica e ultra-liberista che ora governerà l'Argentina ha deciso di andare contro tutti coloro che non la pensano come loro e su questo si è basata la campagna di Milei. Ha affermato chiaramente che avrebbe sradicato tutto ciò che sembrava "di sinistra" e in una sorta di isteria lo ha gridato senza trattenersi su qualsiasi piattaforma. Attaccare la figura di chi era Maradona nella vita, le sue convinzioni, i suoi valori e le sue amicizie come Fidel Castro, Hugo Chávez e i Kirchner lo hanno reso oggetto del loro odio. Come dimostrano le dichiarazioni di una figura meschina come Macri.

Asso mondiale del calcio, leader politico e simbolo di resistenza

Maradona, l'iconico calciatore argentino, non è solo una figura leggendaria nel mondo dello sport ma anche un leader politico e un simbolo di resistenza. Nel corso della sua carriera, ha messo in mostra le sue eccezionali capacità sul campo di calcio, portando la sua nazionale alla vittoria e affascinando milioni di appassionati in tutto il mondo. Tuttavia, la sua influenza è andata oltre il regno dello sport poiché si è scagliato senza paura o calcoli di ogni sorta contro le ingiustizie sociali, ha sfidato l’autorità ed è quindi divenuto un simbolo di speranza per gli emarginati e gli oppressi di tutto il mondo.

L'ascesa alla celebrità di Maradona iniziò negli anni '80, quando guidò l'Argentina a vincere la Coppa del Mondo nel 1986. Le sue prestazioni straordinarie, tra cui il famigerato gol della "Mano de Dios” e il gol mozzafiato contro l'Inghilterra, lo elevarono a uno status divino agli occhi degli appassionati di calcio. L'abilità, l'agilità e la capacità di Maradona di dribblare più difensori senza sforzo gli sono valsi numerosi riconoscimenti e lo hanno reso il più grande calciatori di tutti i tempi.

Al di là dei suoi successi in campo, Maradona ha utilizzato la sua notorietà e il suo indiscusso carisma per affrontare importanti questioni politiche e promuovere la giustizia sociale. Ha criticato apertamente i regimi oppressivi al potere e ha espresso il suo sostegno ai progetti socialisti. Il suo forte sostegno al governo cubano di Fidel Castro e la sua amicizia con Hugo Chavez, l'ex presidente del Venezuela, hanno ribadito il suo impegno nella lotta per i diritti degli svantaggiati e degli emarginati e nella lotta all’imperialismo statunitense per la sovranità nazionale dei paesi latinoamericani.

Lo spirito ribelle di Maradona e il rifiuto di accettare le ingiustizie lo hanno reso un simbolo di resistenza. Si è spesso trovato in contrasto con l'establishment calcistico, sfidando l'autorità e difendendo ferocemente i suoi compagni di squadra e i suoi tifosi. Il suo atteggiamento intransigente, sia dentro che fuori dal campo, ha avuto risonanza presso coloro che si sentivano inascoltati e oppressi. Maradona è diventato una voce per chi non ha voce, un simbolo di speranza per coloro che lottano per la giustizia in un mondo segnato dalla disuguaglianza.

Nonostante le sue lotte personali contro la dipendenza e varie controversie, l'immagine di Maradona è rimasta intatta agli occhi di milioni di persone che lo vedevano come un eroe. L'amore e l'adorazione che ha ricevuto dai suoi tifosi trascendono il calcio, evidenziando il suo immenso impatto sulla coscienza pubblica. Il suo viaggio da un'infanzia colpita dalla povertà alla fama internazionale e alla successiva caduta in disgrazia non ha fatto altro che amplificare il suo status di simbolo di resistenza e trionfo sulle avversità.

Anche dopo il ritiro dal gioco professionistico, Maradona ha continuato a impegnarsi nell'attivismo e nel lavoro umanitario. Ha combattuto instancabilmente contro l’ingiustizia, la povertà e la disuguaglianza, parlando costantemente a favore di coloro le cui voci erano state messe a tacere. La sua dedizione a cause di beneficenza, come la costruzione di ospedali e scuole, consolidò ulteriormente la sua eredità di leader che usò la sua influenza per il miglioramento della società. Senza dimenticare, come rivelato dal presidente Maduro dopo la morte di Maradona, il suo grande impegno per aiutare la popolazione venezuelana ferocemente colpita dal criminale blocco economico e finanziario imposto dagli Stati Uniti a un paese che aveva avuto l’unico torto di scegliere un percorso autonomo e rifiutato di assoggettarsi ai diktat di Washington

Dunque, al contrario di quanto afferma un personaggio squalificato, patetico e ridicolo come Mauricio Macri, l'eredità di Maradona va ben oltre la sua bravura come calciatore ed è ancora viva e vegeta. Non solo ha affascinato il mondo con la sua abilità e talento, ma ha anche combattuto per la giustizia sociale ed è diventato un simbolo di resistenza contro l’ingiustizia. Il suo spirito incrollabile e il suo impegno nello sfidare l’autorità lo hanno reso un faro di speranza per coloro che desideravano vedere un mondo più equo. Maradona sarà per sempre venerato come un calciatore leggendario, un leader politico e un simbolo di resistenza contro la tracotanza imperialista degli Stati Uniti.

Maradona e Napoli: dove la leggenda è ancora viva

Una trattazione a parte merita il rapporto tra Diego Maradona e il Napoli, che va ben oltre il calcio. Quando Maradona sbarcò sotto il Vesuvio nel 1984, in una città piegata dal terremoto del 1980, divenne immediatamente una figura leggendaria. Tuttavia, il suo impatto sulla città di Napoli fu immenso e andò ben oltre le sue prestazioni in campo.

L'arrivo di Maradona a Napoli fu particolarmente significativo perché la squadra era sempre stata messa in ombra dai club del ricco e privilegiato nord nella gerarchia calcistica italiana. Ma con Maradona alla guida, il Napoli si trasformò in una forza da non sottovalutare. Le sue doti ineguagliabili e il suo carisma conquistano rapidamente il cuore del popolo napoletano, che desiderava un eroe, dentro e fuori il campo da calcio.

Oltre a portare a Napoli due scudetti, una Coppa UEFA, e altri trofei, Maradona abbracciò veramente la città e la sua gente. Adottò rapidamente la lingua napoletana, immergendosi nella cultura locale. Divenne un simbolo di speranza e di orgoglio per una città che era stata emarginata, sostanzialmente dall’Unità d’Italia, dopo essere stata la Capitale del Regno delle Due Sicilie nonché una delle più importanti città europee. Ma che poi si era trovata a lottare contro difficoltà economiche.

L'impatto di Maradona su Napoli andò ben oltre il campo di calcio. Usò la sua fama e la sua influenza per sensibilizzare l'opinione pubblica sul razzismo del nord contro i ‘terroni’ napoletani. Lui che che da ‘sudaca’ sudamericano aveva conosciuto sulla sua pelle la crudezza del razzismo. Ma anche su questioni sociali e cause benefiche. Spesso visitava ospedali, orfanotrofi e altre istituzioni, donando tempo e denaro. Gli sforzi di Maradona per restituire alla comunità lo hanno ulteriormente avvicinato alla gente di Napoli, consolidando il loro legame al di là del calcio.

Dunque, il rapporto tra Maradona e il Napoli trascende i confini dello sport. L'arrivo di Maradona ha portato un successo senza precedenti alla squadra, ma ha anche rivitalizzato lo spirito di una città e della sua gente. Il suo amore e la sua dedizione per Napoli andavano ben oltre i suoi doveri di calciatore, rendendolo una vera e propria icona sia dentro che fuori dal campo. Nonostante il passare del tempo, il legame tra Maradona e il Napoli rimane indissolubile, impresso per sempre nel cuore della gente di Napoli che adesso lo venera come un Dio.

Diego Armando Maradona è vivo e vegeto nel cuore della gente di Napoli, del popolo argentino, nel cuore dei popoli del Sud del Mondo. Maradona vive nelle lotte degli oppressi. Maradona continuerà a vivere nel nuovo mondo multipolare. Personaggi gretti e meschini come Mauricio Macri e Javier Milei sono inesorabilmente destinati a finire nella pattumiera della storia insieme all’imperialismo statunitense e la cosiddetta ‘civiltà occidentale’.

 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti