"Irresponsabile". L'UE si spacca sulla proposta Merkel-Macron di un summit con Putin

"Irresponsabile". L'UE si spacca sulla proposta Merkel-Macron di un summit con Putin

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal Financial Times

 

Il ministro degli Esteri lituano ha definito “irresponsabile” e un caso di “miopia storica” l'iniziativa franco-tedesca per spingere per un vertice tra l'UE e il presidente russo Vladimir Putin, segno delle profonde divergenze all'interno del blocco su come affrontare il peggioramento rapporti con il Cremlino.

Gabrielius Landsbergis ha parlato al Financial Times dopo che Berlino e Parigi hanno sorpreso i loro alleati dell'UE avanzando nuove proposte su come il blocco potrebbe interagire meglio con Mosca.

I diplomatici hanno affermato che Angela Merkel, il cancelliere tedesco, ha chiesto che l'UE prendesse in considerazione l'opportunità di invitare Putin a un vertice con i leader dell'UE e che l'iniziativa è stata sostenuta dal presidente francese Emmanuel Macron.

L'iniziativa franco-tedesca ha spiazzato i diplomatici a Bruxelles mercoledì alla vigilia di un vertice del Consiglio dell'UE e ha innescato una reazione da parte di altri stati dell'UE, compresi quelli nelle immediate vicinanze della Russia.

Landsbergis ha affermato che riavviare gli incontri con la Russia quando Mosca "è il più vicino al totalitarismo dell'Unione Sovietica che è stato per oltre tre decenni è irresponsabile". E ha aggiunto: “Cadere in una trappola una o due volte può essere considerato una disgrazia, ma continuare a farlo decennio dopo decennio sembra una miopia storica”.

Nel frattempo, Toomas Hendrik Ilves, l'ex presidente dell'Estonia, ha dichiarato su Twitter: "Merkel e Macron sono all'oscuro o non hanno imparato nulla da 80 anni di storia e dalle nazioni tradite dai tedeschi".

La proposta franco-tedesca segue l'incontro tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il suo omologo russo a Ginevra la scorsa settimana, progettato per stabilizzare il deterioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Russia.

Parlando giovedì al Bundestag, la Merkel ha affermato che l'UE dovrebbe cercare un "contatto diretto" con la Russia nello stesso modo in cui ha fatto Biden. "Non è abbastanza quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden parla al presidente russo", ha detto ai legislatori tedeschi. “Lo accolgo con favore, ma l'UE deve anche creare formati per il dialogo. Altrimenti, non saremo in grado di risolvere i conflitti".

Il Cremlino si è anche detto "positivo" sulla proposta di un vertice tra Putin e l'UE, e attende un segno di accordo dai suoi 27 membri.

"Valutiamo positivamente l'iniziativa", ha detto giovedì ai giornalisti il ??portavoce di Putin Dmitry Peskov. “Il presidente Putin è un sostenitore del ripristino del meccanismo di dialogo e contatti tra Bruxelles e Mosca”.

I difensori dell'iniziativa franco-tedesca hanno sottolineato gli elementi più duri del loro testo proposto per il vertice, che ha promesso di cercare una "risposta ferma e coordinata" a qualsiasi ulteriore "attività maligna, illegale e distruttiva" da parte della Russia.

Il duo tedesco-francese ha lanciato la possibilità di sanzioni economiche come parte dell'armeria dell'UE quando si tratta di trattare con la Russia. Ma dopo un incontro a tarda notte tra gli ambasciatori mercoledì sera volto a appianare le differenze, i punti più difficili saranno lasciati ai leader da risolvere al vertice di Bruxelles di giovedì sera.

Il testo proposto includeva in particolare una "revisione" dei "formati esistenti di dialogo con la Russia, anche a livello di leader" e implicano anche un dibattito su un lungo elenco di aree destinate da Germania e Francia per "l'impegno selettivo" con la Russia.

Tra i temi indicati vi è l'ambiente, l'Artico, la cooperazione transfrontaliera, l'energia, la salute, lo spazio e la lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata. Nella lista c'è anche una selezione di questioni di politica estera, compresi i tentativi di rilanciare l'accordo nucleare iraniano, nonché Siria e Libia.

Giovedì Merkel ha affermato che l'UE deve "definire un'agenda di interessi strategici comuni" con la Russia, in aree come "cambiamento climatico, pace e sicurezza" e sulla risoluzione dei conflitti in Siria e Libia. Ma ha anche cercato di dissipare l'impressione che stesse cercando di avvicinarsi a Putin. Ha affermato che i singoli Stati membri dell'UE stavano reagendo in un "modo scoordinato" alla "moltitudine di provocazioni russe" e avevano bisogno di armonizzare meglio il loro approccio.

"Dobbiamo creare meccanismi che ci permettano di reagire in modo unito e collettivo a [tali] provocazioni", ha aggiunto. "Solo in questo modo impareremo ad affrontare gli attacchi ibridi della Russia". Merkel, che ha tenuto il suo ultimo discorso al Bundestag come cancelliere in vista delle elezioni federali di settembre, ha sottolineato che, a causa della sua speciale "responsabilità" nei confronti dell'Ucraina, della Bielorussia e dei paesi dei Balcani occidentali, l'UE "deve dare un'adeguata risposta alle attività russe” in quei paesi.

 

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti