/ Ministro degli Esteri iraniano: la porta del negoziato è "aperta"...

Ministro degli Esteri iraniano: la porta del negoziato è "aperta" se Trump rimuove le sue sanzioni

 

Zarif crede che Trump abbia intorno a sé diverse persone in cerca del conflitto tra Teheran e Washington.


Il Ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, ha dichiarato, ieri, in un'intervista con la NBC che l'Iran non vuole una guerra con gli Stati Uniti, precisando che il presidente Donald Trump deve togliere le sanzioni economiche dure contro Teheran per aprire la strada al dialogo.

 
"Una volta che tali sanzioni vengono sollevate, poi (...) il margine di negoziazione è completamente aperto", ha spiegato Zarif durante la sua visita a New York per partecipare a una conferenza sullo sviluppo sostenibile, e ha aggiunto che è stata Washington a infliggere un duro colpo alla diplomazia ritirandosi dallo storico accordo nucleare del 2015 unilateralmente.
 
"Sono gli Stati Uniti ad aver abbandonare il tavolo dei negoziati e il loro ritorno sarà sempre il benvenuto", ha precisato Zarif, affermando che nessuno dei due governi sta cercando un conflitto armato.

 
"Non penso che il Presidente Trump voglia la guerra, ma penso che ci siano persone intorno a lui che non sarebbero contrarie, ma non penso che ci riusciranno perché credo che alla fine prevarrà la prudenza. Non prenderemo un attacco militare alla leggera. Penso che gli Stati Uniti stiano giocando con il fuoco", ha avvertito.
 
Per quanto riguarda il programma nucleare iraniano, Zarif ha ribadito che l'Iran non ha interesse ad ottenere un arsenale nucleare, anche se avrebbe potuto costruire la bomba se lo avesse voluto. "Se fossimo interessati allo sviluppo di armi nucleari, avremmo potuto farlo molto tempo fa", ha detto.
 
Fonte: NBC - Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa