Mosca all'Onu: "Con il trattamento dei migranti latinoamericani sono gli Usa gli esperti delle 'deportazioni'"

Mosca all'Onu: "Con il trattamento dei migranti latinoamericani sono gli Usa gli esperti delle 'deportazioni'"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le accuse degli Stati Uniti contro la Russia sulla creazione di "campi di detenzione" in Ucraina non corrispondono ai fatti e alle statistiche, ha dichiarato ieri il rappresentante permanente della Russia all'Onu, Vasili Nebenzia, durante la sessione del Consiglio di sicurezza.

"L'incontro di oggi, convocato su richiesta di Usa e Albania, ha tutte le possibilità di diventare una nuova pietra miliare nella campagna di disinformazione lanciata dall'Ucraina e dai suoi sponsor occidentali contro il nostro Paese", ha esordito Nebenzia.

Secondo l'ambasciatore, "particolarmente cinici" sono i tentativi degli iniziatori di queste accuse di far credere al pubblico non informato "l'esistenza di terribili campi in cui i civili ucraini vengono torturati, ingannati e costretti ad andare in Russia".

Nebenzia ha paragonato questa idea a un film dell'orrore: "Vorrei fare una domanda al collega americano [...] Di quale film dell'orrore ci avete appena parlato? Perché non l'abbiamo visto. È un film girato dal ministero della propaganda Ucraina? Allora, quando arriverà sugli schermi?"


"Gli Stati Uniti potrebbero rivelare di più sulle misure di dispersione"

Ha osservato che i colleghi americani "potrebbero rivelare di più sulle misure di fuga". "Si tratta, ad esempio, del programma lanciato dalla precedente amministrazione per espellere in Messico decine di migliaia di migranti forzati che avevano chiesto asilo negli Stati Uniti", ha ricordato.

Nebenzia ha anche sottolineato che i migranti "sono stati trattenuti in condizioni disumane, privati del diritto alla rappresentanza legale dei loro interessi e alla giustizia". Ha aggiunto che le autorità statunitensi spesso separavano le famiglie dei migranti, mandando i genitori e i loro figli minori in diversi centri di detenzione.

Inoltre, il rappresentante russo ha sottolineato che i detenuti del carcere statunitense di Guantanamo, sull'isola di Cuba, sono detenuti illegalmente senza processo per molti anni, il che rappresenta probabilmente "la macchia più oscura" sulla situazione dei diritti umani degli Stati Uniti.

Ha concluso che "finora nessuno è stato ritenuto responsabile delle torture e dei maltrattamenti dei prigionieri nelle carceri segrete della CIA", che all'inizio di questo secolo operavano anche nei paesi europei.


Rifugiati ucraini in fuga dal conflitto in Russia

Su come Mosca tratta i profughi delle zone di conflitto ucraine, Nebenzia ha chiesto a cosa si riferiscano esattamente le accuse di "fuga".

"Non è chiaro di cosa stiamo parlando, dal momento che il termine 'leak' non ha una definizione chiara nel diritto umanitario internazionale. Perché se si tratta dell'identificazione di combattenti nazionalisti o soldati delle Forze armate ucraine implicati in crimini contro la popolazione civile tra gli ucraini che vogliono entrare in Russia, questa è una pratica normale per qualsiasi esercito nel mondo", ha spiegato.

L'ambasciatore ha anche precisato che, secondo le statistiche internazionali, la Russia "è il più grande Paese di accoglienza per i rifugiati ucraini", aggiungendo che gli oltre 2,4 milioni di ucraini che sono arrivati nel Paese "non sono confinati in carceri come Guantanamo, ma vivono liberamente e volontariamente in Russia nessuno vieta loro di trasferirsi o lasciare il Paese. "Pensate seriamente di poter trasferire con la forza un numero così elevato di persone e metterle a tacere?", ha concluso.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti