World Affairs/Mosca denuncia: "La Nato sta pericolosamente aumentando la sua at...

Mosca denuncia: "La Nato sta pericolosamente aumentando la sua attività militare ai nostri confini"

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


"Il ministero della Difesa russo monitora e registra costantemente un alto grado di attività militare da parte degli Stati Uniti e dei suoi partner NATO vicino ai confini del nostro paese", ha dichiarato Rudskói alla stampa.
 
Sebbene ad aprile, ha specificato l'alto comando, un solo volo dei bombardieri americani B-1B è stato effettuato vicino ai confini russi, a maggio sono stati 5 quelli registrati.
 
In particolare, ha spiegato, gli aerei da guerra statunitensi si sono avvicinati a 10 chilometri dal confine di Kaliningrad, la città più occidentale della Russia.
 
In tutti gli episodi, ha sottolineato, i sistemi di difesa antiaerea hanno rilevato i bombardieri e hanno preso provvedimenti per prevenire incidenti.
Rudskói ha sottolineato che i missili antiaerei erano pronti a colpire immediatamente qualsiasi intruso.
 
Spionaggio americano nel Mediterraneo
 
Lo stato maggiore delle forze armate russe ha definito "aggressivo" lo spionaggio degli Stati Uniti nella regione del Mar Mediterraneo e ha indicato che contraddice gli accordi sulla Siria.
 
"Gli aerei Poseidon delle forze navali statunitensi si avvicinano periodicamente alle basi militari russe a Hmeymim e Tartus [Siria] e dobbiamo inviare jet da combattimento intercettori per fermare questo aggressivo spionaggio", ha ricordato Rudskói.

Ha osservato che sette di questi casi sono stati registrati tra aprile e il 17 maggio, sottolineando che questa pratica statunitense "contraddice gli accordi sulla prevenzione di incidenti nello spazio aereo siriano".

"Ha inoltre aumentato l'intensità dello spionaggio aereo nelle regioni del Mar Baltico e del Mar Nero", ha affermato Rudskói.

In un mese 10 aerei spia hanno sorvolato il Mar Baltico e sei sul Mar Nero, e inoltre è stato rilevato un drone spia americano RQ-4B sul territorio della Georgia, ha precisato il capo della direzione delle operazioni dello Stato maggiore russo.
 
Adeguamento delle zone di esercitazione militare
 
La Russia è pronta ad adattare le zone di esercitazione militare sulla base della parità con la NATO , ha spiegato Rudskói.

"In futuro siamo pronti ad adeguare le regioni di esercizio in base alla parità con l'Alleanza".
 
Rudskói ha aggiunto che la Russia è anche disposta a determinare determinati standard di distanza minima da mantenere tra aeromobili e navi.
 
"Al fine di specificare le fasi per eliminare gli incidenti relativi alle azioni degli aeromobili e delle navi, siamo pronti a stabilire regole comuni che determinano la distanza minima di avvicinamento per aeromobili e navi, nonché le regole per l'interazione tra gli equipaggi", ha precisato.
 
Il capo della direzione delle operazioni dello stato maggiore russo ha proposto queste misure dopo il recente aumento delle operazioni di intelligence aerea degli Stati Uniti nel Mar Baltico, nel Mar Nero e nel Mediterraneo, aggiungendo che la Russia è costretta a inviare i suoi combattenti per prevenire qualsiasi attacco nelle vicinanze. dalle sue basi militari in Siria.
 
Inoltre, è stato riferito che le navi da guerra degli Stati Uniti e del Regno Unito hanno condotto esercitazioni nel Mare di Norvegia il 1 maggio scorso .
 
Manovre vicino ai confini della NATO
 
Ha anche osservato che la Russia non prevede di effettuare manovre militari su larga scala vicino ai confini della NATO nel 2020.

"Continueremo il nostro percorso verso la riduzione delle attività in Europa. Quest'anno, le forze armate non prevedono esercitazioni su larga scala vicino ai confini dei paesi membri della NATO", ha annunciato.
 
Ha aggiunto che la Russia sposterà attività su larga scala nel quadro delle manovre del Caucaso 2020 all'interno del paese.
 
Ha anche sottolineato che la Federazione Russa è pronta ad adeguare le aree di esercizio alla pari della NATO.
 
Alla fine di maggio, il ministro della Difesa russo Sergey Shoigú ha dichiarato che la pandemia del nuovo coronavirus non ha avuto un forte impatto sulle attività delle forze armate russe, quindi le sue esercitazioni non saranno annullati.

Il ministro ha quindi precisato che "avranno luogo le manovre del Caucaso 2020, il forum dell'esercito e i giochi militari dell'esercito".

Gli esercizi strategici del Caucaso 2020 si terranno a settembre, mentre i giochi dell'esercito sono programmati per agosto o settembre.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa