Mosca: I servizi segreti ucraini dietro l'omicidio della figlia del filosofo russo Alexander Dugin

Mosca: I servizi segreti ucraini  dietro l'omicidio della figlia del filosofo russo Alexander Dugin

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'omicidio della giornalista Daria Dúguina, figlia dell'influente filosofo russo Alexander Dugin, è stato orchestrato dai servizi segreti ucraini e giustiziato da una cittadina ucraina identificata come Natalia Vovk, fuggita in Estonia dopo aver commesso il crimine, hanno riferito oggi i servizi segreti russi (FSB), considerando il caso risolto.

Vovk è arrivata in territorio russo insieme alla figlia di 12 anni il 23 luglio per organizzare l'omicidio di Dúguina e "ottenere informazioni sul suo stile di vita". La donna ha affittato un appartamento a Mosca nello stesso edificio in cui viveva la vittima.

Per entrare in Russia ha utilizzato un'auto con targa della Repubblica popolare di Donetsk, scambiata con una kazaka per spostarsi a Mosca. Vovk ha lasciato la Russia con lo stesso veicolo ma con targa ucraina.

Il giorno dell'omicidio, Vovk e sua figlia hanno visitato il festival di musica e letteratura "Tradizione", a cui Dúguina ha partecipato come ospite d'onore. Dopo aver fatto esplodere la Toyota Land Cruiser Prado che Dúguina stava guidando, sebbene appartenesse a suo padre, Vovk e sua figlia sono fuggite in Estonia attraverso la regione russa di Pskov, ha precisato l'FSB.

Un mandato di perquisizione sarà emesso contro l'autrice del crimine per la sua estradizione in Russia.

Allo stesso modo, il portale Baza ha rilasciato una foto del documento di identità di Vovk, noto anche con il cognome di Shaban. Secondo i dati preliminari, la donna era stata un membro del reggimento Azov.

 

 

 

L’attentato

Dúguina è morta questo sabato nella regione di Mosca. Testimoni dell'esplosione, avvenuta alle 21:45 ora locale, affermano che una forte deflagrazione ha scosso il veicolo in mezzo alla strada, spargendo detriti in tutta l'area. L'auto si è poi schiantata contro una recinzione prima di essere completamente avvolta dalle fiamme, secondo i video e le foto della scena.

Successivamente, la commissione investigativa russa ha riferito che un ordigno esplosivo con 400 grammi di tritolo è stato posizionato nella parte inferiore dell'auto, dal lato del conducente, e che Dúguina, che era al volante, è morto sul colpo.

È stato stabilito che l'ordigno è stato fatto esplodere a distanza. Secondo una fonte delle forze dell'ordine russe, è possibile che gli autori abbiano seguito l'auto e ne abbiano controllato i movimenti.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti