/ Mosca: "Sembra che gli Stati Uniti vogliano mantenere una parte d...

Mosca: "Sembra che gli Stati Uniti vogliano mantenere una parte del territorio della Siria"

 

Il ministero degli Esteri russo ha ricordato che l'esercito statunitense è in Siria "contro la volontà" del governo siriano, quindi si comportano da "invasori".


La Russia è preoccupata per i tentativi degli Stati Uniti di "stabilirsi nella casa di qualcun altro", cioè in Siria, ha dichiarato oggi la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, e ha aggiunto che questo "ovviamente non porterà la pace lì".
 
"Sembra che gli Stati Uniti stiano cercando di tenere sotto controllo una parte della Siria per tutto il tempo che vogliono, al fine di ottenere un risultato necessario per loro sulla soluzione [del conflitto siriano]" ha assicurato la portavoce. In questo senso, Zakharova ha indicato che l'esercito nordamericano è in Siria "contro la volontà" del governo legittimo di questo paese, quindi si comportano come se fossero "invasori".
 
Washington "copre" lo Stato islamico
 
Zakharova ha anche fatto riferimento alla liberazione della città siriana di Abu Kamal, in cui la Russia ha partecipato con attacchi aerei contro i terroristi dell'ISIS. "Il ministero degli Esteri russo ha accusato la coalizione guidata dagli Stati Uniti di coprire la partenza dei terroristi dell'ISIS dopo la liberazione di Abu Kamal", ha dichiarato.
 
Inoltre, la portavoce ha specificato che "gli alleati" non solo si sono rifiutati di attaccare i terroristi, ma "hanno ostacolato il lavoro dell'Aviazione russa" in quella zona.
 

 
Per il momento, i jihadisti si stanno dirigendo verso la sponda occidentale del fiume Eufrate, verso l'Iraq.
"Ci sono informazioni sugli Stati Uniti che coprono gli estremisti", ha ribadito Zakharova che ha invitato la comunità internazionale a pensare "dove sono adesso i terroristi che gli Stati Uniti hanno lasciato scappare". "Quali saranno le conseguenze?".
 
Quale legittimità ha Washington in Siria?
 
Mosca si chiede anche la legittimità esercitata dagli Stati Uniti per giustificare la sua presenza nel paese arabo. "Siamo stati sorpresi nel sentire le dichiarazioni del segretario alla Difesa statunitense James Mattis il 13 novembre, in una conversazione con rappresentanti della stampa americana, sul fatto che l'esercito statunitense stava in Siria" con il permesso dell'ONU ", ha affermato la portavoce.
 
Secondo Zakharova, la Russia vorrebbe capire il mandato dell'ONU a cui si è riferito Mattis, dal momento che l'organismo internazionale non ha concesso a Washington il diritto di entrare in Siria. "L'ONU è l'unico organismo internazionale che può autorizzare l'uso della forza", ha sottolineato.
 
D'altra parte, Mosca si aspetta che gli Stati Uniti seguano gli accordi "rigorosamente" per combattere il terrorismo, presentati in una dichiarazione congiunta dei presidenti Trump e Putin dopo la riunione tenutasi nel quadro del vertice APEC dell'11 novembre scorso, ha ribadito la portavoce del ministero degli Esteri russo.
 
 
 
Fonte: Rupty
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa