Nuova apertura di Erdogan per incontrare Bashar al-Assad

Nuova apertura di Erdogan per incontrare Bashar al-Assad

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

C’è speranza che ci sia una riconciliazione fra Turchia e Siria. Sarebbe l’ennesima sconfitta, dopo quella militare, anche politica dell’occidente che ha tentato, e tenta ancora, di rovesciare Bashar al Assad.

Certamente, i giri della diplomazia sono molto ampi. C’è la guerra in Ucraina, l’adesione della Svezia alla NATO, l’accordo sul grano, tutte questioni che si intrecciano, soprattutto, tra Turchia e Russia e che dovranno confluire in un riavvicinamento tra Ankara e Damasco.

Intanto, arriva un segnale positivo. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha nuovamente espresso la sua disponibilità per incontrare il presidente siriano Bashar al-Assad, secondo quanto riferito dall’agenzia Reuters.

Il presidente turco ha rilasciato la dichiarazione prima di intraprendere il suo tour delle nazioni del Golfo per promuovere gli investimenti in Turchia, poiché la nazione continua a soffrire di stagnazione economica e inflazione.

"Sono aperto all'incontro con Assad e la posizione della Siria nei confronti di Turchia è importante", ha dichiarato Erdogan, precisando: "Possiamo tenere un vertice a quattro parti (con Siria, Russia e Iran), e sono anche aperto a un incontro con Assad. Ciò che conta qui è il loro approccio nei nostri confronti".

Erdogan ha aggiunto, tuttavia, che "Assad chiede l'uscita delle forze turche dal nord della Siria, ma l'uscita della Turchia dal nord della Siria non è possibile perché lì stiamo combattendo il terrorismo".

Il capo di stato turco aveva espresso per la prima volta interesse a incontrare Assad alla fine dello scorso anno, mentre la Russia ha cercato di facilitare una riconciliazione tra i due paesi.

La Turchia occupa pezzi della Siria settentrionale a seguito di tre distinti interventi militari negli ultimi anni per impedire la creazione di un'enclave autonoma contigua dominata dai curdi che si estende dalla regione di Hasakah nel nord-est della Siria alla regione di Afrin nel nord-ovest della Siria. Le Unità di protezione del popolo (YPG) attualmente governano due enclavi a maggioranza curda non collegate nel nord della Siria. L'YPG è una propaggine del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), che Ankara considera un'organizzazione terroristica.

Tuttavia, il presidente siriano Assad ha confermato lo scorso marzo che la possibilità di tenere un incontro con il suo omologo turco è legata al ritiro delle forze di occupazione turche dal territorio siriano, cessando il loro sostegno al terrorismo e riportando la situazione a quella che era prima dell'inizio della guerra del 2011 in Siria.

L'intervento di Erdogan arriva tre settimane dopo che la capitale kazaka ha ospitato il ventesimo round dei colloqui di Astana il 20-21 giugno. I colloqui, cui partecipano rappresentanti di Russia, Turchia, Iran, governo siriano, opposizione e l'inviato speciale delle Nazioni Unite, Geir Pedersen, mirano a raggiungere una fine negoziata del conflitto siriano. 

 

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti