OPEC in Venezuela per discutere dell'agenda energetica. Maduro: "Sanzioni illogiche"

OPEC in Venezuela per discutere dell'agenda energetica. Maduro: "Sanzioni illogiche"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In una fase molto delicata e segnata da sanzioni occidentali verso il petrolio e il gas russo che diversi osservatori definiscono incomprensibili sbarca in Venezuela Il segretario generale dell'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC), Haitham Al Ghais, per affrontare un'agenda di lavoro sulle "questioni energetiche".

Il Venezuela è infatti un paese ricco di risorse naturali ma anch’esso finito sotto la mannaia delle criminali sanzioni imposte da Stati Uniti e vassalli europei. 

Il ministro degli Esteri venezuelano, Carlos Faría, ha riferito sul suo account Twitter che il massimo rappresentante dell'OPEC avrà un incontro con il ministro del Petrolio, Tareck El Aissami, durante il suo soggiorno nel Paese sudamericano.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha dichiarato che l'OPEC "acquisisce maggiore importanza come meccanismo di difesa e di equilibrio del mercato petrolifero" di fronte alla crisi globale dei carburanti. "I Paesi membri sono più uniti che mai, rafforzando principi e dottrine", ha aggiunto.

In precedenza, Al Ghais si è recato in Guinea Equatoriale, il primo Paese del suo tour di contatto con i Paesi membri dell'organizzazione. Il Paese africano avrà la presidenza annuale dell'organizzazione nel 2023.

Le visite internazionali del segretario generale arrivano una settimana dopo che l'OPEC e i Paesi produttori di petrolio alleati, tra cui la Russia, hanno concordato di tagliare le loro forniture all'economia globale di 100.000 barili al giorno per sostenere il calo dei prezzi.

Il 23 agosto scorso, il responsabile del ministero del Petrolio venezuelano ha scritto una serie di tweet a sostegno dell'OPEC+, composta da 23 Paesi, in cui afferma che la Dichiarazione di cooperazione dell'OPEC "è stata un meccanismo virtuoso che ci ha permesso di superare momenti complessi".

Questa dichiarazione si propone di "affrontare" le "sfide", tra cui lo "stato di schizofrenia" in cui si trova attualmente il mercato petrolifero, e di "fornire una guida", tra cui il taglio della produzione, ha recentemente dichiarato a Bloomberg il ministro dell'energia dell'Arabia Saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, in un'intervista.

In un altro dei suoi tweet, El Aissami ha incolpato gli Stati Uniti e tutte le potenze e i Paesi occidentali "per la profonda crisi energetica dell'umanità, per la loro politica di sanzioni irrazionale e criminale", che a suo avviso "ha causato gravi danni all'industria petrolifera e al mercato del petrolio".

In ogni caso, il Presidente della Repubblica Bolivariana, Nicolás Maduro, ha ribadito nuovamente che il Venezuela è pronto a esportare il gas e il petrolio necessari per stabilizzare e rafforzare l'economia mondiale.

"Il Venezuela è pronto e preparato a svolgere il suo ruolo e a fornire al mercato del petrolio e del gas, il petrolio e il gas di cui l'economia mondiale ha bisogno, in modo stabile e sicuro", ha dichiarato Maduro.

In particolare, il capo di Stato Bolivariano ha sottolineato l'importanza di avanzare nella difesa della stabilità del mercato del greggio e dei suoi benefici diretti e indiretti per l'economia dei Paesi. A tal fine, ha affermato che è necessario mantenere il prezzo del petrolio intorno ai 100 dollari.

"Di fronte alle terribili minacce dell'autunno e dell'inverno occidentale (...), l'OPEC+ può inviare un messaggio molto forte di stabilità e di equilibrio e muovere tutte le mosse e le azioni corrispondenti affinché il prezzo del petrolio si mantenga in modo equo, necessario ed equilibrato intorno ai 100 dollari".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra