OPEC in Venezuela per discutere dell'agenda energetica. Maduro: "Sanzioni illogiche"

OPEC in Venezuela per discutere dell'agenda energetica. Maduro: "Sanzioni illogiche"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In una fase molto delicata e segnata da sanzioni occidentali verso il petrolio e il gas russo che diversi osservatori definiscono incomprensibili sbarca in Venezuela Il segretario generale dell'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC), Haitham Al Ghais, per affrontare un'agenda di lavoro sulle "questioni energetiche".

Il Venezuela è infatti un paese ricco di risorse naturali ma anch’esso finito sotto la mannaia delle criminali sanzioni imposte da Stati Uniti e vassalli europei. 

Il ministro degli Esteri venezuelano, Carlos Faría, ha riferito sul suo account Twitter che il massimo rappresentante dell'OPEC avrà un incontro con il ministro del Petrolio, Tareck El Aissami, durante il suo soggiorno nel Paese sudamericano.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha dichiarato che l'OPEC "acquisisce maggiore importanza come meccanismo di difesa e di equilibrio del mercato petrolifero" di fronte alla crisi globale dei carburanti. "I Paesi membri sono più uniti che mai, rafforzando principi e dottrine", ha aggiunto.

In precedenza, Al Ghais si è recato in Guinea Equatoriale, il primo Paese del suo tour di contatto con i Paesi membri dell'organizzazione. Il Paese africano avrà la presidenza annuale dell'organizzazione nel 2023.

Le visite internazionali del segretario generale arrivano una settimana dopo che l'OPEC e i Paesi produttori di petrolio alleati, tra cui la Russia, hanno concordato di tagliare le loro forniture all'economia globale di 100.000 barili al giorno per sostenere il calo dei prezzi.

Il 23 agosto scorso, il responsabile del ministero del Petrolio venezuelano ha scritto una serie di tweet a sostegno dell'OPEC+, composta da 23 Paesi, in cui afferma che la Dichiarazione di cooperazione dell'OPEC "è stata un meccanismo virtuoso che ci ha permesso di superare momenti complessi".

Questa dichiarazione si propone di "affrontare" le "sfide", tra cui lo "stato di schizofrenia" in cui si trova attualmente il mercato petrolifero, e di "fornire una guida", tra cui il taglio della produzione, ha recentemente dichiarato a Bloomberg il ministro dell'energia dell'Arabia Saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, in un'intervista.

In un altro dei suoi tweet, El Aissami ha incolpato gli Stati Uniti e tutte le potenze e i Paesi occidentali "per la profonda crisi energetica dell'umanità, per la loro politica di sanzioni irrazionale e criminale", che a suo avviso "ha causato gravi danni all'industria petrolifera e al mercato del petrolio".

In ogni caso, il Presidente della Repubblica Bolivariana, Nicolás Maduro, ha ribadito nuovamente che il Venezuela è pronto a esportare il gas e il petrolio necessari per stabilizzare e rafforzare l'economia mondiale.

"Il Venezuela è pronto e preparato a svolgere il suo ruolo e a fornire al mercato del petrolio e del gas, il petrolio e il gas di cui l'economia mondiale ha bisogno, in modo stabile e sicuro", ha dichiarato Maduro.

In particolare, il capo di Stato Bolivariano ha sottolineato l'importanza di avanzare nella difesa della stabilità del mercato del greggio e dei suoi benefici diretti e indiretti per l'economia dei Paesi. A tal fine, ha affermato che è necessario mantenere il prezzo del petrolio intorno ai 100 dollari.

"Di fronte alle terribili minacce dell'autunno e dell'inverno occidentale (...), l'OPEC+ può inviare un messaggio molto forte di stabilità e di equilibrio e muovere tutte le mosse e le azioni corrispondenti affinché il prezzo del petrolio si mantenga in modo equo, necessario ed equilibrato intorno ai 100 dollari".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti