OPEC+ mantiene la politica di riduzione produzione greggio

OPEC+ mantiene la politica di riduzione produzione greggio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, gli Stati membri dell'OPEC+ hanno concordato di attenersi ai loro obiettivi di riduzione della produzione di petrolio, a causa dei timori di un rallentamento dell'economia cinese, del prezzo massimo sul petrolio russo stabilito dal G7 e dei crescenti aumenti dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense (FED).

All'inizio di ottobre, il blocco produttore di petrolio ha accettato di ridurre la sua produzione complessiva di 2 milioni di barili al giorno (bpd), una mossa che è stata pesantemente criticata dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden poiché la sua nazione ha lottato con un'inflazione al di sopra dell'obiettivo del due percento, nonostante i forti aumenti dei tassi da parte della FED.

Inoltre, le sanzioni occidentali contro il mercato energetico russo e un prezzo massimo di $ 60 al barile sul petrolio russo imposto dalle nazioni del G7 hanno aggiunto ulteriore stress ai mercati energetici globali.

Dopo l'annuncio dell'OPEC+ in ottobre, la Casa Bianca è arrivata al punto di minacciare una rivalutazione del rapporto tra Stati Uniti e Arabia Saudita.

“Per quanto riguarda il rapporto [con Riyad] in futuro, stiamo rivedendo una serie di  opzioni di risposta . Ci stiamo consultando strettamente con il Congresso”, aveva dichiarato il 6 ottobre il Segretario di Stato americano Antony Blinken .

Secondo quanto riferito, Biden ha anche rifiutato di incontrare il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman all'ultimo vertice del G20 in Indonesia.

Nel frattempo, Mosca ha annunciato che non consegnerà più petrolio all'Europa in risposta al tetto massimo, mentre diversi ministri dell'OPEC valutano che una tale politica non avrebbe alcun impatto a prescindere, poiché la Russia sta vendendo la maggior parte del suo petrolio ai mercati asiatici.

L’agenzia Reuters ha anche riferito che la mossa dei membri del G7 ha scosso molti stati membri dell'OPEC+, poiché le misure "potrebbero essere utilizzate dall'Occidente contro qualsiasi produttore".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti