World Affairs/Pagati 2000 dollari al mese, "ribelli" siriani appoggiati dalla T...

Pagati 2000 dollari al mese, "ribelli" siriani appoggiati dalla Turchia saranno schierati in Libia

 

I miliziani siriani sostenuti dalla Turchia verranno riassegnati in Libia per assistere il governo di accordo nazionale (GNA) riconosciuto dalle Nazioni Unite, secondo quanto riferito da Bloomberg oggi.

 
 
Prima di questo rapporto, la giornalista investigativa Lindsey Snell ha scritto sil suo profilo Twitter che la Turchia offre ai combattenti dell'Esercito siriano libero (FSA) uno stipendio di $ 2.000 al mese per questi miliziani da schierare in Libia.
 
 
 
 
Mentre le autorità turche non hanno commentato queste affermazioni, ci sono state voci per anni su gruppi come ISIS e altre fazioni di jihadisti che viaggiano dalla Siria, attraverso la Turchia, la Libia o viceversa.
 
La Turchia è riuscita a garantire il proprio posto in Siria costruendo posti di osservazione in tutta la regione settentrionale del paese; tuttavia, i suoi miliziani alleati non sono stati in grado di ottenere alcun vero successo sul campo, al di fuori della loro breve Operazione Peace Spring.
 
L'esercito nazionale siriano (SNA), che comprende l'esercito siriano libero e altre fazioni ribelli, ha subito un addestramento rigoroso, motivo per cui la Turchia potrebbe usare le proprie forze in Libia.
 
Inoltre, le fazioni più potenti nel nord della Siria sono probabilmente Hay'at Tahrir Al-Sham (HTS) e il Partito islamico del Turkestan (TIP).
 
Questi jihadisti sono i principali gruppi che combattono l'Esercito arabo siriano nel Governatorato di Idlib.
 
 
Fonte: Foto AFP repertorio
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa