Paolo Maddalena - La nuova idea di un partito ‘no alla guerra’

Paolo Maddalena - La nuova idea di un partito ‘no alla guerra’

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Paolo Maddalena - Il Fatto Quotidiano

Leggo su il manifesto del 16 febbraio 2024 che “il mondo si riarma a passi forzati: il segretario della Nato Stoltenberg preme l’acceleratore, l’Europa è nel pieno della corsa in difesa dell’Ucraina, la Germania si avvia verso l’economia di guerra e apre il dibattito sull’atomica. La pace resta fuori dai discorsi”.

Per fortuna, come contraccolpo a queste tristi notizie, leggo anche un messaggio del 14 febbraio u.s., di Maurizio Acerbo, che reca, con sincero compiacimento, una buona novella: “Raniero La Valle, Michele Santoro e Benedetta Sabene hanno annunciato di voler andare avanti con il progetto di una lista che metta al centro la questione epocale del no alla guerra”. Una notizia che ha molto interessato anche l’ex benemerito Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. Aggiungo che in serata ho avuto la possibilità di sentire su La7 le bellissime parole che in proposito ha espresso Michele Santoro, il quale ha parlato del “no alla guerra” in modo quasi istintivo, e per questo più facilmente comprensibile da parte di chi ascolta.

Egli non si è soffermato su problemi o programmi. Ha soltanto sottolineato che, per raggiungere grandi obiettivi e per rafforzare la coesione tra più persone di buona volontà, è indispensabile che l’annuncio che si vuol dare sia semplice ed efficace e soprattutto provenga dal cuore. Mentre alla coscienza di ognuno occorre richiedere una sola, grande virtù: “l’umiltà”. Peraltro, ha notato Santoro, le “cose da fare” sono innumerevoli, e la loro “previsione” non può mai essere l’effetto di un pensiero singolo ed individuale, ma della dialettica di molti, avendoci insegnato l’esperienza che sono privi di incidenza sull’agire umano, sia le idee personalissime di qualche venerabile giurista, sia quelle che si sostanziano, per così dire, in un improvviso e banale “colpo di genio”.

Si è trattato insomma di una sorta di “rivelazione”, che, improvvisamente, ha riportato in primo piano la complessità della persona umana, quella che davvero fa la Storia, prescindendo da interessi personali o di gruppo e finalizzando la propria azione al progresso materiale e spirituale della società.

In sostanza, si è ritenuto che l’orrore delle guerre in atto e la probabilità di altri conflitti più prossimi a noi abbiano fatto sorgere nell’animo dei più almeno un barlume di ”solidarietà”, e si è voluto cogliere questa occasione nella speranza di estendere questo sentimento ai vari settori della nostra società. Non si è proposto la creazione di un ennesimo inutile partito che ponga, come fine essenziale, la concorrenza, la competitività e l’accaparramento della ricchezza, aiutando i ricchi e impoverendo i poveri. Ma si è proposta molto più semplicemente una inversione di marcia, che riesca a mettere in primo piano nell’animo degli italiani la necessità di una vita fondata sui “principi fondamentali” dell’eguaglianza economica e sociale, nonché della “pace e della giustizia fra le Nazioni”.

E molto opportunamente, in questo quadro, non si è fatto cenno a programmi e a tabelle di marcia, certamente ritenendo che quella che deve essere l’organizzazione politica, economica e sociale della nostra “Comunità” è già scritta nella vigente Costituzione, repubblicana e democratica. Insomma, è proprio nella Costituzione che deve ravvisarsi lo “Statuto” di questo nascente, nuovo partito.

 

Paolo Maddalena

Paolo Maddalena

Giurista e magistrato, è vicepresidente emerito della Corte costituzionale e autore di importanti studi e sentenze sulla tutela dell'ambiente

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti