Pepe Escobar - Le ripercussioni geopolitiche del Diluvio di Al-Aqsa

Pepe Escobar - Le ripercussioni geopolitiche del Diluvio di Al-Aqsa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – The Cradle

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

L'attenzione globale si è appena spostata dall'Ucraina alla Palestina. Questa nuova arena di confronto accenderà un'ulteriore competizione tra il blocco atlantista e quello eurasiatico. Queste lotte sono sempre più a somma zero; come in Ucraina, solo un polo può uscire rafforzato e vittorioso.

 

L'operazione "Al-Aqsa Flood" di Hamas è stata pianificata meticolosamente. La data di lancio è stata condizionata da due fattori scatenanti.

Il primo è stato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che a settembre ha sfoggiato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite la sua mappa del "Nuovo Medio Oriente", in cui ha completamente cancellato la Palestina e si è fatto beffe di ogni singola risoluzione delle Nazioni Unite sull'argomento.

In secondo luogo, le provocazioni in serie alla sacra Moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme, compresa la goccia che ha fatto traboccare il vaso: due giorni prima del Diluvio di Al-Aqsa, il 5 ottobre, almeno 800 coloni israeliani hanno lanciato un assalto intorno alla moschea, picchiando i pellegrini e distruggendo i negozi palestinesi, il tutto sotto l'osservazione delle forze di sicurezza israeliane.

Chiunque abbia un cervello funzionante sa che Al-Aqsa è una linea rossa definitiva, non solo per i palestinesi, ma per l'intero mondo arabo e musulmano.

Ma c'è di peggio. Gli israeliani hanno ora invocato la retorica di una "Pearl Harbor". Questo è quanto di più minaccioso possa esistere. La Pearl Harbor originale fu la scusa americana per entrare in una guerra mondiale e nuclearizzare il Giappone, e questa "Pearl Harbor" potrebbe essere la giustificazione di Tel Aviv per lanciare un genocidio a Gaza.

I settori dell'Occidente che plaudono all'imminente pulizia etnica – compresi i sionisti che si atteggiano ad "analisti" dicendo ad alta voce che i "trasferimenti di popolazione" iniziati nel 1948 "devono essere completati" – credono di poter ribaltare la situazione in breve tempo, annientando la resistenza palestinese e lasciando indeboliti gli alleati di Hamas come Hezbollah e l'Iran.

Il loro progetto sull'Ucraina si è arenato, non solo facendo fare figuracce ai potenti, ma lasciando in rovina intere economie europee. Eppure, mentre una porta si chiude, un'altra si apre: Passare dall'alleato Ucraina all'alleato Israele e puntare sull'avversario Iran invece che sull'avversario Russia. 

Ci sono altre buone ragioni per andare a tutto spiano. Un'Asia occidentale pacifica significa: la ricostruzione della Siria – in cui la Cina è ora ufficialmente coinvolta; un risanamento attivo per l'Iraq e il Libano; l'Iran e l'Arabia Saudita come parte dei BRICS 11; il partenariato strategico Russia-Cina pienamente rispettato e interagente con tutti gli attori regionali, compresi i principali alleati degli Stati Uniti nel Golfo Persico.

 

Incompetenza. Una strategia deliberata. O entrambe.

Questo ci porta al costo del lancio di questa nuova "guerra al terrorismo". La propaganda è in pieno svolgimento. Per Netanyahu a Tel Aviv, Hamas è l'ISIS. Per Volodymyr Zelensky a Kiev, Hamas è la Russia. In un fine settimana di ottobre, la guerra in Ucraina è stata completamente dimenticata dai media mainstream occidentali. La Porta di Brandeburgo, la Torre Eiffel, il Senato brasiliano sono ora tutti israeliani.

L'intelligence egiziana sostiene di aver avvertito Tel Aviv di un imminente attacco da parte di Hamas. Gli israeliani hanno scelto di ignorarlo, come hanno fatto con le esercitazioni di Hamas osservate nelle settimane precedenti, compiaciuti della loro superiore consapevolezza che i palestinesi non avrebbero mai avuto l'audacia di lanciare un'operazione di liberazione.

Qualunque cosa accada in seguito, il Diluvio di Al-Aqsa ha già irrimediabilmente infranto la massiccia mitologia pop sull'invincibilità di Tsahal, del Mossad, dello Shin Bet, del carro armato Merkava, di Iron Dome e delle Forze di “Difesa Israeliane”.

Anche se ha abbandonato le comunicazioni elettroniche, Hamas ha approfittato del crollo clamoroso dei sistemi elettronici multimiliardari di Israele che monitorano il confine più sorvegliato del pianeta.

I droni palestinesi a basso costo hanno colpito diverse torri di sensori, hanno facilitato l'avanzata di una fanteria in parapendio e hanno spianato la strada a squadre d'assalto con magliette e AK-47 per infliggere fratture nel muro e attraversare un confine che nemmeno i gatti randagi osano.

Israele, inevitabilmente, passò a colpire la Striscia di Gaza, una gabbia circondata di 365 chilometri quadrati con 2,3 milioni di persone. È iniziato il bombardamento indiscriminato di campi profughi, scuole, condomini civili, moschee e baraccopoli. I palestinesi non hanno una marina, né un'aviazione, né unità di artiglieria, né veicoli da combattimento blindati, né un esercito professionale. Hanno un accesso limitato o nullo alla sorveglianza ad alta tecnologia, mentre Israele può richiamare i dati della NATO se li vuole.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha proclamato "un assedio totale sulla Striscia di Gaza. Non ci sarà elettricità, né cibo, né carburante, tutto sarà chiuso. Stiamo combattendo contro bestie umane e agiremo di conseguenza".

Gli israeliani possono allegramente impegnarsi in una punizione collettiva perché, con tre veti garantiti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite in tasca, sanno di poterla fare franca.

Non importa che Haaretz, il più autorevole quotidiano israeliano, ammetta apertamente che "in realtà il governo israeliano è l'unico responsabile di ciò che è accaduto (il Diluvio di Al-Aqsa) per aver negato i diritti dei palestinesi".

Gli israeliani non sono altro che coerenti. Già nel 2007, l'allora capo dell'intelligence della Difesa israeliana Amos Yadlin aveva dichiarato: "Israele sarebbe felice se Hamas prendesse il controllo di Gaza, perché così l'IDF potrebbe trattare Gaza come uno Stato ostile".

 

L'Ucraina invia armi ai palestinesi

Solo un anno fa, il comico nella felpa sudata di Kiev parlava di trasformare l'Ucraina in un "grande Israele", e veniva debitamente applaudito da una banda di bot del Consiglio Atlantico.

Beh, le cose sono andate diversamente. Come mi ha appena informato una fonte del Deep State della vecchia scuola:

    "Le armi marchiate Ucraina stanno finendo nelle mani dei palestinesi. La domanda è quale Paese le stia pagando. L'Iran ha appena concluso un accordo con gli Stati Uniti per sei miliardi di dollari ed è improbabile che lo metta a rischio. Ho una fonte che mi ha fornito il nome del Paese, ma non posso rivelarlo. Il fatto è che le armi ucraine stanno andando nella Striscia di Gaza e vengono pagate, ma non dall'Iran".


Dopo l'incursione sbalorditivo dello scorso fine settimana, Hamas si è già assicurata una leva negoziale maggiore di quella che i palestinesi hanno esercitato per decenni. Significativamente, mentre i colloqui di pace sono sostenuti da Cina, Russia, Turchia, Arabia Saudita ed Egitto, Tel Aviv si rifiuta. Netanyahu è ossessionato dall'idea di radere al suolo Gaza, ma se ciò accadesse, una guerra regionale più ampia sarebbe quasi inevitabile.

Gli Hezbollah del Libano – un fedele alleato dell'Asse della Resistenza della resistenza palestinese – preferirebbero non essere trascinati in una guerra che potrebbe essere devastante dalla loro parte del confine, ma le cose potrebbero cambiare se Israele perpetrasse un genocidio de facto di Gaza.

Hezbollah possiede almeno 100.000 missili balistici e razzi, dai Katyusha (gittata: 40 km) ai Fajr-5 (75 km), Khaibar-1 (100 km), Zelzal 2 (210 km), Fateh-110 (300 km) e Scud B-C (500 km). Tel Aviv sa cosa significa e rabbrividisce di fronte ai frequenti avvertimenti del leader di Hezbollah Hassan Nasrallah che la prossima guerra con Israele sarà condotta all'interno del Paese.  

Il che ci porta all'Iran.

 

Negabilità geopolitica plausibile

La principale conseguenza immediata del Diluvio di Al-Aqsa è che il sogno bagnato dei neocon di Washington di una "normalizzazione" tra Israele e il mondo arabo svanirà semplicemente se questa si trasformerà in una Lunga Guerra.

Ampie fasce del mondo arabo, infatti, stanno già normalizzando i loro legami con Teheran – e non solo all'interno dei nuovi BRICS 11.

Nella spinta verso un mondo multipolare, rappresentato dai BRICS 11, dall'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO), dall'Unione Economica Eurasiatica (UEEA) e dall'Iniziativa Belt and Road (BRI) della Cina, tra le altre istituzioni innovative dell'Eurasia e del Sud Globale, non c'è posto per uno Stato di Apartheid etnocentrico appassionato di punizioni collettive.   

Proprio quest'anno, Israele si è visto disinvitato dal vertice dell'Unione Africana. Una delegazione israeliana si è presentata comunque ed è stata espulsa senza tanti complimenti dalla sala grande – un'immagine che è diventata virale. Il mese scorso, durante le sessioni plenarie delle Nazioni Unite, un singolo diplomatico israeliano ha cercato di interrompere il discorso del presidente iraniano Ibrahim Raisi. Nessun alleato occidentale si è schierato al suo fianco, e anche lui è stato espulso dalla sede.

Come ha detto diplomaticamente il presidente cinese Xi Jinping nel dicembre 2022, Pechino "sostiene fermamente la creazione di uno Stato palestinese indipendente che goda di piena sovranità sulla base dei confini del 1967 e con Gerusalemme Est come capitale. La Cina sostiene la Palestina nel diventare un membro a pieno titolo delle Nazioni Unite".

La strategia di Teheran è molto più ambiziosa – offrire consulenza strategica ai movimenti di resistenza dell'Asia occidentale, dal Levante al Golfo Persico: Hezbollah, Ansarallah, Hashd al-Shaabi, Kataib Hezbollah, Hamas, Jihad islamica palestinese e innumerevoli altri. È come se tutti facessero parte di una nuova Grande Scacchiera di fatto supervisionata da Grande Maestro Iran.

I pezzi della scacchiera sono stati accuratamente posizionati da nientemeno che il defunto comandante della Forza Quds del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche, il generale Qassem Soleimani, un genio militare irrepetibile. È stato determinante nel creare le basi per i successi cumulativi degli alleati iraniani in Libano, Siria, Iraq, Yemen e Palestina, oltre a creare le condizioni per un'operazione complessa come Al-Aqsa Flood.

Altrove nella regione, la spinta atlantista di aprire corridoi strategici attraverso i Cinque Mari – il Caspio, il Mar Nero, il Mar Rosso, il Golfo Persico e il Mediterraneo orientale – si sta arenando.

La Russia e l'Iran stanno già demolendo i progetti statunitensi nel Caspio – attraverso il Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INSTC) – e nel Mar Nero, che sta per diventare un lago russo. Teheran sta prestando molta attenzione alla strategia di Mosca in Ucraina, anche se sta affinando la propria strategia su come debilitare l'Egemone senza un coinvolgimento diretto: chiamiamola una negabilità geopolitica plausibile.  

 

Addio corridoio UE-Israele-Saudita-India

L'alleanza Russia-Cina-Iran è stata demonizzata come il nuovo "asse del male" dai neocon occidentali. Questa rabbia infantile tradisce un'impotenza cosmica. Si tratta di Veri Sovrani con i quali non si può scherzare e, se lo si fa, il prezzo da pagare è impensabile.

Un esempio chiave: se l'Iran, attaccato da un asse USA-Israele, decidesse di bloccare lo Stretto di Hormuz, la crisi energetica globale salirebbe alle stelle e il collasso dell'economia occidentale sotto il peso di quadrilioni di derivati sarebbe inevitabile.

Ciò significa, nell'immediato futuro, che il Sogno Americano di interferire attraverso i Cinque Mari non si qualifica nemmeno come un miraggio. Il Diluvio di Al-Aqsa ha appena seppellito anche il corridoio di trasporto UE-Israele-Arabia Saudita-India, annunciato di recente e tanto sbandierato.

La Cina è ben consapevole di tutta questa incandescenza che si sta verificando solo una settimana prima del suo terzo Belt and Road Forum a Pechino. In gioco ci sono i corridoi di connettività BRI che contano: attraverso l'Heartland, attraverso la Russia, oltre alla Via della Seta marittima e alla Via della Seta artica.

Poi c'è l'INSTC che collega Russia, Iran e India – e, per estensione accessoria, le monarchie del Golfo.

Le ripercussioni geopolitiche del Diluvio di Al-Aqsa accelereranno le connessioni geoeconomiche e logistiche interconnesse di Russia, Cina e Iran, aggirando l'Egemone e il suo Impero di Basi. L'aumento degli scambi commerciali e la movimentazione di merci senza interruzioni sono una questione di (buoni) affari. In condizioni di parità, con rispetto reciproco – non esattamente lo scenario del Partito della Guerra per un'Asia occidentale destabilizzata. 

Ah, le cose che può ad un tratto accelerare una mera fanteria in parapendio lento che sorvola un muro.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti