Perù, il governo formato da Castillo ottiene fiducia al Congresso. Ma l'ex ministro Bejar lancia allarme golpe

Perù, il governo formato da Castillo ottiene fiducia al Congresso. Ma l'ex ministro Bejar lancia allarme golpe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il governo formato dal presidente Pedro Castillo ha incassato il voto di fiducia del Parlamento del Perù, dopo un lungo e teso dibattito, ricevendo il sostegno anche di deputati appartenenti al centrodestra. 

Il risultato è stato di 73 voti a favore della fiducia, 50 contrari e nessuna astensione. A questo punto, i titolari dei diversi dicasteri scelti dal presidente continueranno nelle loro posizioni.

Il governo ha ricevuto il sostegno del partito che esprime il presidente Castillo, Perù Libre, Juntos por el Perú (sinistra) e Acción Popular (centro-destra), oltre ai voti della maggioranza dell'Alleanza per il Progresso e una frazione di Somos Peru (centro-destra). Hanno votato contro Fuerza Popular (fujimorista), i parlamentari della destra di Avanza País e Renovación Popular, insieme a due legislatori dell'Alleanza per il Progresso e ai 3 del Partido Morado. 

Secondo la legge peruviana, per ottenere la fiducia al governo Castillo occorreva la metà più uno dei 130 legislatori complessivi, quindi almeno 66 voti. 

Il dibattito ha avuto inizio giovedì, ma una trentina di legislatori non erano riusciti a parlare alla chiusura della sessione, che è stata rinviata al giorno successivo.

A seguito della decisione dei legislatori, la Presidenza del Consiglio dei ministri ha pubblicato un messaggio sul proprio account Twitter per ringraziare del voto di fiducia. "Salutiamo il Congresso per averci aiutato a promuovere il progresso, la giustizia e l'equità che il Paese richiede, ancora di più in tempi di pandemia”, recita il messaggio.

In precedenza, il presidente del Consiglio del Perù, Guido Bellido, aveva chiesto il sostegno dei parlamentari in un lungo discorso in cui esortava la plenaria a "porre fine alle divergenze", come passo preliminare per "risolvere una delle più gravi crisi politiche, economica e sanitaria degli ultimi decenni”.

Nel suo ultimo discorso, Bellido ha affermato che "è ora di cambiare e che tutti gli abitanti di questo Paese" possano considerarsi "alla pari, senza alcuna discriminazione".

Ha avvertito che "l'attuale sistema politico finirà comunque" e il partito al governo intende “realizzare questo cambiamento indispensabile in democrazia e in pace".

Guido Bellido ha sollevato polemiche perché ha iniziato il suo discorso nelle lingue quechua e aymara, lingue ancestrali che sono ancora parlate quotidianamente da cinque dei 33 milioni di peruviani nell'area andina, ma è stato interrotto dalla presidente del Parlamento, María del Carmen Alva, che gli ha chiesto di tradurre, poiché molti non capivano quello che diceva. Il primo ministro a quel punto ha ricordato che è un suo diritto utilizzare l’idioma quechua e aymara, come recita la costituzione peruviana che classifica come ufficiali tali lingue ancestrali. 

Golpe blando?

La Costituzione peruviana stabilisce che i nuovi governi debbano ricevere un voto di fiducia dal Congresso 30 giorni dopo la loro nomina.

Se fosse stato bocciato, Castillo avrebbe dovuto nominare un altro primo ministro, in sostituzione dell'ingegner Bellido, e riarmare la sua squadra con altri funzionari, cosa che avrebbe indebolito il nuovo governo.

A metà agosto, il ministro degli Esteri nominato da Castillo appena salito al potere, Héctor Béjar, si è dimesso per le critiche dell'opposizione rispetto ad alcune dichiarazioni sul ruolo della Marina peruviana in alcuni attentati in quelli che potremmo definire i tempi della strategia della tensione peruviana. Quindi Bejar venne sostituito da Óscar Maúrtua, diplomatico di carriera senza legami con la sinistra, che aveva già ricoperto la carica 15 anni prima.

Dal centrodestra avevano messo in discussione altre nomine del presidente nel suo gabinetto, compresa quella di Bellido, ma Castillo si è rifiutato di apportare ulteriori cambiamenti.

Nel caso in cui i legislatori neghino due volte il voto di fiducia allo stesso governo, la Costituzione autorizza il presidente a sciogliere il Congresso e a indire nuove elezioni parlamentari straordinarie, cosa che è successa due anni fa, quando l'allora presidente Martín Vizcarra ha dovuto chiedere nuove elezioni.

L’ex ministro degli Esteri Bejar in un’intervista ha dichiarato: “Il Congresso vuole costruire un governo di chi ha perso le elezioni, cioè, vale a dire, un golpe. Ci sono molti modi per fare un colpo di Stato. Quello che è successo ieri [si riferisce al suo licenziamento] è stato un golpe blando. I vertici delle istituzioni armate, che devono obbedire al presidente, si incontrano con lui per avallare la rinuncia di un ministro degli Esteri. È un golpe blando o l'inizio di esso. Spero non continui”.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO