Per Istituto Superiore di Sanità, al momento 3,4% di morti sono per Coronavirus. Perché la Protezione civile non si attiene a questi dati?

Per Istituto Superiore di Sanità, al momento 3,4% di morti sono per Coronavirus. Perché la Protezione civile non si attiene a questi dati?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Solo 12 i decessi per Coronavirus. Lo rivela con il titolo "Coronavirus, l’Istituto Superiore di Sanità: “Solo 12 le persone decedute senza patologie pregresse” non già qualche sito “complottista”, ma il quotidiano La Stampa riportando uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità che evidenzia come su 355 cartelle cliniche esaminate, su un totale di 2.003 pervenute, solo 12 decessi sono avvenuti in assenza di gravi patologie che potrebbero, verosimilmente, avere determinato la morte.


Quindi, proiettando il risultato dello studio, solo il 3,4 del numero di “Decessi” comunicati ogni giorno senza nessun’altra indicazione dalla Protezione civile (se non una farisaica dicitura “In attesa di conferma da parte dell’Istituto di Sanità”) sono ascrivibili al Coronavirus. Per capirci, il numero dei deceduti fino a oggi per Coronavirus non sarebbe 2.503 ma (3.4 % di 2.503) 85.


Tra l’altro, ci sarebbe da chiedersi perché la Protezione civile, per evitare il diffondersi di un terrore che sta paralizzando l’Italia, non si fosse preso la briga, ben prima della pubblicazione di questo studio dell’Istituto Superiore di Sanità, di dare una occhiata a quello che è al momento il più accurato studio sulla effettiva mortalità da Coronavirus condotto su 1099 corpi, con COVID-19 confermato in laboratorio, provenienti da 552 ospedali cinesi; studio certificato da colui che è unanimemente considerato il maggior esperto al mondo della questione, Antony Fauci, al quale faceva riferimento in Prof. Giulio Tarro in una nostra intervista di qualche giorno fa. Studio dal quale esce fuori che il tasso di letalità (numero dei morti sul numero degli infettati) del Coronavirus è circa dello 0,1%.

Anche per questo, ci aspettiamo che la Protezione Civile, visto che l’Istituto Superiore della Sanità è la struttura che ufficialmente supporta il Governo, faccia sparire il “numero dei deceduti, in attesa di conferma da parte dell’Istituto Superiore di Sanità” sostituendolo con un più veritiero “numero dei deceduti per Coronavirus, stimati dell’Istituto Superiore di Sanità”. E, visto che ci siamo, faccia sparire anche quel “numero di contagiati”. Sono certamente di più considerato che le Regioni - alla rinfusa, senza alcun coordinamento da parte del Governo e senza rispettare nessuno standard nazionale - i tamponi li ha fatti solo a persone considerate “a rischio” (e cioè che manifestavano sintomi “sospetti” o che dichiaravano di aver potuto subire il contagio). Fossero stati fatti, come in molte nazioni del mondo, tamponi a campioni indiscriminati di popolazione per fini meramente statistici, forse oggi ne sapremmo di più sul Coronavirus e sul contagio in Italia.

 

Francesco Santoianni

 

 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti