L'Analisi/Perché la Cina è meglio preparata rispetto ad altre potenze econo...

Perché la Cina è meglio preparata rispetto ad altre potenze economiche per qualsiasi crisi globale

 

Mentre la seconda economia più grande del mondo, la Cina, ha subito la sua prima contrazione da record a causa della pandemia di Covid-19, alcuni esperti sostengono che il paese era già preparato da molto tempo a una possibile crisi.

RT ha interpellato alcuni economisti per scoprire se Pechino avrebbe potuto prevedere il crollo economico e la risposta del governo cinese.

 
“Nessuno, compresa Pechino, avrebbe potuto prevedere la profondità e la gravità di questa pandemia, in particolare i parametri di trasmissione criptici attraverso i quali si diffonde il virus Covid-19. È davvero un evento pandemico che capita ogni 100 anni, "ha affermato Sourabh Gupta, Professore associato presso l'Institute for China-America Studies.
 
Secondo lui, la Cina era meglio preparata perché "è in una posizione fiscale molto più sana rispetto alle economie più avanzate e anche a molte economie emergenti".
 
Gupta ha spiegato che il livello del debito del governo centrale in percentuale del PIL è abbastanza modesto, il che significa che c'è un ampio spazio nel bilancio del governo per aumentare il sostegno politico. Inoltre, i livelli di debito dei consumatori in relazione al reddito sono modesti, quindi non sono neppure troppo indebitati e possono aprire i loro portafogli.
 
Gli ha fatto eco Andrew Leung, stratega cinese indipendente, che ha affermato che "la Cina è sempre orientata alla strategia da molto tempo" ed è meglio preparata per qualsiasi crisi grazie al suo capitalismo di stato.
 
"Lo stato può dirigere ingenti fondi e mobilitare imprese e persone in modo più efficace rispetto all'occidente. La stessa capacità è stata dimostrata durante la crisi finanziaria asiatica del 1997-98 e la crisi finanziaria mondiale del 2008-2009 ", ha affermato Leung.
 
Secondo Temur Umarov, esperto di Cina e Asia centrale presso il Carnegie Moscow Centre, ogni paese si trova in una situazione economica diversa, quindi anche la loro risposta alla pandemia di coronavirus è diversa. Mentre numerosi pacchetti di incentivi economici sono stati annunciati da alcuni paesi, la Cina si è concentrata sulla ripresa dei consumi interni, nonché sull'aiuto per le piccole e medie imprese, ha affermato.
 
Tutti gli analisti hanno concordato sul fatto che né la Cina né altri paesi avrebbero potuto prevedere l'entità dell'attuale crisi.
 
"Esiste uno tsunami di opinioni negative sulla Cina a seguito della crescente crisi del coronavirus. Anche il mostro americano ha aiutato. Ma la Cina rimane di gran lunga la seconda più grande economia, più grande del resto dei paesi BRIC messi insieme ”, ha affermato Leung.
 
Ha osservato che molti più paesi hanno la Cina come principale partner commerciale rispetto agli Stati Uniti.
 
"Nonostante il disaccoppiamento degli Stati Uniti, la complessità dei moderni processi produttivi rende praticamente impossibile eliminare tutto dalla Cina, che va da materiali come terre rare a componenti e parti, persino la logistica, poiché la maggior parte dei più grandi porti per container del mondo si trovano in Cina." Il paese sta inoltre rapidamente aggiornando le sue tecnologie all'avanguardia, tra cui 5G e Intelligenza Artificiale, ha affermato lo stratega.
 
Non è necessario cercare alcune azioni mirate da parte del governo cinese per preparare l'economia del paese alla prossima crisi, ha affermato Sergey Lukonin dell'Istituto di economia mondiale e relazioni internazionali. L'economista, specializzato in studi cinesi, ha sottolineato il fatto che l'economia cinese è diventata più stabile negli ultimi dieci anni. "Ora capiscono dove andare oltre", in particolare durante questa crisi quando tutto è collegato a Internet e ai servizi digitali.
 
Secondo Gupta, l'economia cinese sarà nella colonna della crescita entro la fine dell'anno e finirà addirittura l'anno, nel complesso, con una crescita positiva. “Non ci sarà una ripresa a forma di V e sicuramente la crescita non sarà in nessun luogo vicino all'obiettivo del sei percento pre-Covid-19. Sarà più simile all'1-2% ", ha spiegato, aggiungendo: " Ma anche con questo basso standard, quest'anno la Cina sarà l'economia in più rapida crescita tra le principali economie e l'Asia orientale / Asia-Pacifico, la più veloce crescente regione economica del mondo ".
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa