Perché la Russia non ha posto il veto alla risoluzione ONU che l’Occidente ha sfruttato per attaccare gli Houthi?

Perché la Russia non ha posto il veto alla risoluzione ONU che l’Occidente ha sfruttato per attaccare gli Houthi?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Gli attacchi occidentali guidati dagli Stati Uniti contro i ribelli Houthi dello Yemen giovedì sera erano del tutto prevedibili dopo l'ultima risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sul Mar Rosso approvata il giorno precedente. Il rappresentante permanente russo presso le Nazioni Unite, Vassily Nebenzia, aveva addirittura avvertito che questo blocco della Nuova Guerra Fredda avrebbe probabilmente sfruttato il passaggio di tale documento ancor prima che fosse avvenuta la votazione, motivo per cui aveva proposto diverse emendamenti che avrebbero compromesso la credibilità occidentale in caso di sua approvazione, ma essi non sono stati accettati. Ecco cosa ha dichiarato:

"Non dovremmo avere illusioni sulle vere intenzioni degli autori della risoluzione. Questo non riguarda affatto la sicurezza della navigazione nel Mar Rosso, ma è un tentativo di legittimare (dopo il fatto) le azioni della suddetta 'coalizione' e ottenere l'approvazione del Consiglio di Sicurezza per un tempo illimitato.

Questa conclusione deriva chiaramente dal linguaggio attuale dell'OP3, che introduce un certo 'diritto degli Stati di difendere le proprie navi dagli attacchi', il quale non esiste nel diritto internazionale. Questa innovazione appare estremamente dubbia sia dal punto di vista legale che politico".

Successivamente, ha aggiunto quanto segue dopo che il documento è stato approvato a causa del rifiuto del suo paese di porre il veto:

"Vogliamo sottolineare ancora una volta che questa risoluzione non può essere considerata come legittimazione delle azioni nel Mar Rosso della cosiddetta 'coalizione' composta dagli Stati Uniti e dai suoi satelliti. Notiamo che l'OP3 non può creare un 'diritto degli Stati di difendere le proprie navi dagli attacchi', che non esiste. Tutte le attività in base a questo paragrafo, come indicato nello stesso paragrafo, devono essere svolte rigorosamente nel quadro del diritto internazionale".

“Il Rappresentante Permanente degli Stati Uniti ci ha accusato di fare politica. Non c’è bisogno di ricordare una serie di interpretazioni errate delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a cui Washington si è lasciata andare. Dietro il pretesto di proteggere i civili, le truppe NATO guidate dagli Stati Uniti hanno distrutto la sovranità dello stato libico. Distorcendo le disposizioni delle risoluzioni sulle sanzioni del Consiglio di Sicurezza riguardanti lo Yemen, hanno intercettato armi nel Mar Arabico, inviate successivamente alle forze armate ucraine.

Dalle parole del Rappresentante Permanente degli Stati Uniti emerge che gli Stati Uniti equiparano la difesa delle navi commerciali alla legittima difesa. In realtà, gli Stati Uniti si sono esposti votando insieme alla Gran Bretagna contro gli emendamenti a PP9 (sui non creare precedenti) e a OP3, dimostrando che lo scopo per cui hanno promosso questa bozza di risoluzione era quello di avere mano libera nell'interpretare il 'diritto di difendere le navi' con riferimento alla legittima difesa".

In altre parole, la Russia aveva intuito cosa stesse per accadere, ma ha comunque scelto l'astensione dal voto invece di porre il veto.

Le ragioni sono complesse e non ci si aspetta che la maggior parte dei membri della Comunità Media Alternativa (AMC) le sostenga, specialmente coloro che sono fortemente appassionati della Palestina, ma dovrebbero comunque essere condivise per chiarire le sue considerazioni nella formulazione delle politiche. Per cominciare, è falso affermare che la Russia sostiene gli Houthi, come dimostrato dal suo precedente sostegno alla dichiarazione congiunta del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che condannava gli attacchi del gruppo contro le navi civili, analizzata in quel momento.

Ciò è accaduto meno di una settimana dopo che un importante influencer dell’AMC aveva fortemente lasciato intendere l’esatto contrario, suggerendo che il presidente Putin approvava questi attacchi come un modo per reindirizzare più spedizioni globali verso la rotta del Mare del Nord, con tutto ciò che comporterebbe nel rafforzare la posizione geoeconomica del suo paese. Il sostegno della Russia al precedente comunicato stampa congiunto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e l’astensione dall’ultima risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, nonostante avesse previsto accuratamente le conseguenze militari della sua approvazione, smentiscono tale insinuazione.

Il secondo punto è che, mentre la Russia riconosce che gli attacchi degli Houthi sono una risposta all’ultima guerra tra Israele e Hamas, che Nebenzia ha ricordato a tutti dopo il precedente comunicato stampa congiunto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e in seguito all’ultima risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, è anche falso affermare che sostiene la Palestina rispetto a Israele. Questa analisi “Chiarire il confronto di Lavrov tra l’ultima guerra Israele-Hamas e l’operazione speciale della Russia” sfata quella falsa percezione che è stata spinta anche dal suddetto principale influencer dell’AMC.

Questi due falsi dogmi sulla politica russa nei confronti dei suddetti conflitti interconnessi hanno avuto l’effetto di fuorviare molti membri dell’AMC dopo che importanti influencer come quello menzionato in precedenza e altri li hanno riciclati attraverso i loro lavori negli ultimi tre mesi e mezzo. Ecco perché è stato così scioccante per loro che la Russia si sia astenuta dall’ultima risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che l’Occidente ha sfruttato per attaccare gli Houthi nonostante Mosca avesse previsto accuratamente le conseguenze in anticipo, invece di porre il veto.

Solo dopo che questi dogmi saranno stati sfatati si potrà comprendere meglio il punto finale sul perché la Russia non ha avuto la volontà politica di porre il veto su quel documento. Il fatto “politicamente scomodo” è che la Russia non potrebbe realisticamente fermare quegli attacchi anche se fosse filo-Houthi e filo-palestinese come l’AMC la dipinge falsamente, così come non poteva fermare la guerra della NATO contro la Libia nel 2011. Un intervento militare diretto contro l’Occidente avrebbe portato alla Terza Guerra Mondiale.

Dato che in entrambi i casi la Russia aveva le mani legate, e soprattutto considerando che nel precedente comunicato stampa congiunto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite aveva ufficialmente condannato gli attacchi degli Houthi contro le navi civili, dal punto di vista del soft power della Russia era meglio astenersi piuttosto che porre il veto e farsi prendere in giro dall'Occidente. Una cosa è astenersi perché si è parzialmente d’accordo con parte di un certo testo al punto da non porre il veto, e un’altra è porre il veto totale su quel testo ma poi non essere in grado di garantire il rispetto del diritto internazionale.

Se la Russia avesse posto il veto a una delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e poi non avesse punito con la forza l’Occidente per aver sfruttato entrambi i documenti per attaccare la Libia e gli Houthi, allora apparirebbe incomparabilmente più debole agli occhi del mondo. Mentre con l’astensione e avendo messo in guardia sulle intenzioni occidentali, è stato poi dimostrato che aveva ragione. Coloro che recentemente si aspettavano che la Russia iniziasse la terza guerra mondiale a sostegno degli Houthi erano sotto l’influenza di illusioni (“scacchi 5D”) che non avrebbero mai dovuto essere pubblicate. 

Come è stato spiegato l'estate scorsa in "Analizzando l'arresto del teorico della cospirazione 'Doom & Gloom' Igor Girkin", "gli 'scacchi 5D' infondono ai credenti la sensazione che la loro squadra è 'invincibile' e che 'la vittoria è imminente', che quindi inevitabilmente porta alla dissonanza cognitiva ogni volta che si verificano innegabili battute d'arresto e possono quindi provocare una profonda delusione nel tempo. Coloro che sperimentano quest’ultima situazione diventano molto più suscettibili alle teorie del complotto “doom & gloom” (“D&G”)”.

L’aspetto rilevante di questa intuizione rispetto all’astensione della Russia dall’ultima risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che è stata sfruttata dall’Occidente per attaccare gli Houthi, è che coloro che erano precondizionati ad aspettarsi erroneamente che la Russia ponesse il veto a tale documento potrebbero ora cadere più facilmente sotto l’influenza di coloro che che affermano falsamente che “la Russia si è esaurita”. Tuttavia, la Russia non è mai stata segretamente alleata con la Resistenza guidata dall’Iran, come affermavano i teorici della cospirazione degli “scacchi 5D”, né si è “svenduta a Israele” o qualunque cosa sostengano quelli di “D&G”.

La realtà è sempre stata che la Russia ha un partenariato strategico con l’Iran, ma non è alleata, proprio come con la Cina, e non si è mai “svenduta” a Israele perché i suoi interessi si sono sempre largamente, ma ancora imperfettamente, allineati su molte questioni che i media mainstream e l’AMC hanno vissuto con disagio. Dissipando il dogma precedente, si può quindi capire meglio perché la Russia non ha posto il veto all’ultima risoluzione anche non essendo d’accordo con la sua decisione, il che aiuta a chiarire i suoi calcoli politici.

(Articolo pubblicato in inglese sulla newsletter di Andrew Korybko)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti