/ Perché potrebbe esserci il Mossad dietro gli attacchi alle petrol...

Perché potrebbe esserci il Mossad dietro gli attacchi alle petroliere nel Golfo di Oman. La spiegazione di un ex generale francese

 

L'Ex generale dei servizi segreti francesi Dominique Delawarde offre una sua spiegazione dei fatti avvenuti nel Golfo persico come gli attacchi alle petroliere nel Golfo di Oman avendo, in passato, avuto contatti con le parti in conflitto, ovvero, Francia, USA, Israele, Iran, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito.


Secondo Dominique Delawarde, ex generale dei servizi segreti francesi, che in passato ha avuto lunghi contatti con le parti in conflitto, nel Golfo Persico(Francia, USA, Israele, Iran, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito), "non c'è dubbio, dico 'senza dubbio' che il Mossad è direttamente coinvolto nel caso dell'attacco delle petroliere dell'Oman (con o senza l'aiuto della CIA e degli americani).
 
E aggiunge: "Al momento è vitale per Israele sbarazzarsi del regime dei Mullah in Iran e, come parte dell'espansione dell'influenza di Israele nel Vicino e Medio Oriente, per sbarazzarsi di tutti i 'regimi nemici' (Siria , Iraq, Yemen)."
 
A seguire, l'ex generale spiega la trama di Israele.
 
Quando si tratta di sopravvivere, Israele non si ferma  davanti a nulla. Sa di essere supportato dalla "banda di tre" (USA, UK, FR), dai media di questi paesi che controlla e dai leader di questi tre paesi le cui elezioni ha finanziato attraverso lobby che agiscono a favore di Israele.
 
C'è stato un precedente israeliano provato nel terrorismo internazionale sotto falsa bandiera o nel terrorismo internazionale del tutto?La risposta è SÌ!
 
Ci fu il caso della nave USS Liberty attaccata l'8 giugno 1967. 34 marinai americani persero la vita. Inizialmente doveva far ricadere la colpa sull'Egitto. Essendo stati scoperti con le mani nel sacco, gli israeliani si sono scusati e hanno finto "un errore" ....
 
Il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, McNamara, ha poi detto all'ammiraglio USA che voleva reagire: "Il presidente Johnson non inizierà una guerra o imbarazzerà un alleato degli americani" (sic) per alcuni marinai. Vediamo .......
 
Non menziono nemmeno l'esplosione del King David Hotel il 22 luglio 1946, i suoi 91 morti e i 46 feriti per la maggior parte britannici.
 
Né faccio menzione dell'assassinio dell'inviato speciale delle Nazioni Unite (Svezia) Folke Bernadotte il 17 settembre 1948 e del colonnello francese André Sérot, comandante degli osservatori ONU in Palestina.
 
Non cito infine il triste caso del massacro di Deir Yassin del 9 aprile 1948 ......
 
Oggi, anche più di ieri, Israele ha la garanzia dell'impunità.
Trump, May e Macron sono totalmente sotto il controllo delle lobby filo-israeliane nei loro rispettivi paesi. Tutti coloro che, come me, osano riportare le lezioni del passato e che hanno familiarità con la parte "israeliana" per aver partecipato, corrono il rischio di essere accusati di "antisemitismo".

 
Questo tipo di terrorismo "intellettuale" funziona ancora, poiché pochi hanno menzionato Israele come il sospettato numero uno di attacchi di petroliere nel o attorno al Golfo, con l'obiettivo di cercare di trascinare la "coalizione occidentale" in una nuova "crociata anti-iraniana".
 
Negli indizi che supportano questa tesi, ci sono le reazioni politiche e meditative piuttosto sbrigative e maldestre che provengono dagli Stati Uniti e dal Regno Unito, complici eterni di Israele e accusano l'Iran.
Questi due paesi, come Israele, non si fermeranno davanti a nulla e prenderanno per idioti i cittadini del mondo pensando che crederanno che proprio il giorno della visita amichevole del primo ministro giapponese in Iran, gli iraniani avrebbero cercato di affondare due petroliere ..., legate al Giappone .... sotto gli occhi delle telecamere fuori dalle due barche, che erano lì "per caso" a filmare "l'attacco iraniano del secolo".
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa