Pneumologo e psichiatra Francesco Oliviero: "Perché nel 2019 con 8 mila persone morte non c'è stata nessuna psicosi? Erano morti di serie B?"

Pneumologo e psichiatra Francesco Oliviero: "Perché nel 2019 con 8 mila persone morte non c'è stata nessuna psicosi? Erano morti di serie B?"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.




Vi consigliamo di ascoltare con molta attenzione questa intervista radio di di Marcello Pamio al dottor Francesco Oliviero, medico con specializzato in psichiatria e pneumologia. "Le due specificità più importanti per capire quello che sta accadendo oggi", sottolinea subito il medico.



"Noi siamo non solo un corpo fisico, ma abbiamo una mente, abbiamo emozioni e a livello più profondo siamo anche delle anime. Tutto questo Siamo collegati con l'ambiente e l'informazioni che diamo e riceviamo."

E così, prosegue il dott. Oliviero, "Quando si riceve una diagnosi di Covid 19 oggi si instaurano tutta una serie di meccanismi legati a conflitti biologici personali, il più grave è il conflitto di morte che si va a scaricare su un organo bersaglio che è il polmone. Per questo mi sono arrivate informazioni da Reparti di Bergamo, Brescia con persone che arrivano in ospedale con sintomologia di influenza, subito dopo accertato il tampone covid 19 positivo, il caso clinico si aggrava in pochissimo tempo e diventa polomonite interstiziale nell'arco delle 12-24 ore. Non c'era prima."

"Questo conferma che interagendo con l'ambiente noi siamo sottoposti informazioni dall'esterno. Quello che ci fornisce paura e Panico, viene somatizzata nell'organo bersaglio che oggi è il polmone.", prosegue nella sua analisi Oliviero.

Ed ecco perché si sta verificando un grosso problema di polomoniti interstitiziali, ma avveniva anche in passato se si considera che ci sono stati oltre 60 mila morti ultimi 4 anni maggior parte complicanze cardio-respiratorie, in particolare per insufficienza respiratoria da polmoniti interstiziali. "Per uscire da questa situazione di panico dobbiamo levare le nostre paure ataviche, che ci portiamo dal passato e dalla nostra vita collegate ad informazioni destabilizzanti e legate alla paura della morte e si va a scaricare sul polmone."

Però, sottolinea poi Oliviero, "l'anno scorso, nel 2019, durante l'epidemia stagionale di influenza sono morte oltre 8 mila persone. Io mi auguro che non muoiano quest'anno 8 mila persone - non per ma con il coronavirus - ma perché l'anno scorso non c'è stata nessuna psicosi? Non si comprende perché non c'era questa psicosi. Erano forse morti di serie B quelli del 2019?"

"Certamente non intasavano le terapie intensive perché non venivano mandati lì. Il discorso qui è politico: non si può avere una nazione di 60 milioni di persone 5 mila posti letto terapia intensiva, 6 volte meno che in Germania.
 In un paese che ha tagliato quasi 50 miliardi alla sanità negli ultimi 10 anni hai infermieri con retribuzioni misere con quelle responsabilità e in situazioni senza concorso da anni. Per questo si sono degli eroi i medici e infermieri che stanno lavorando nelle aree più colpite perché lo stanno facendo in condizioni drammatiche."

Qui tutto il video dell'intervista in cui il dott. Oliviero spiega bene che cosa sia un virus e come affrontare al meglio questi giorni:

 

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti