"Prendi i soldi e scappa all'estero". Il caso Embraco e l'"energia creativa" di Confindustria

"Prendi i soldi e scappa all'estero". Il caso Embraco e l'"energia creativa" di Confindustria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giorgio Cremaschi


La guardia di finanza indaga sulla società Ventures, che avrebbe dovuto salvare l’EMBRACO di Torino e che invece avrebbe sottratto fondi per trasferirli all’estero. Mentre i 400 operai sono a casa. 

Il padrone di Bluetec, che  pavrebbe dovuto salvare i 600 operai della ex FIAT di Termini Imerese, è stato di nuovo arrestato, anch’egli con l’accusa di sottrazione di fondi aziendali e pubblici. 

Il presidente della Confindustria Bonomi ha intimato al governo di sostenere l’energia creativa degli imprenditori e qui abbiamo un chiaro esempio dell’impulso irresistibile di questa energia: prendersi i soldi. 

I casi EMBRACO E BLUETEC non solo squalificano  la classe imprenditoriale italiana e ancora di più la sua rappresentanza confindustriale, che dovrebbe parlare solo per chiedere scusa al paese. Questi casi, che non sono isolati ma rappresentano la normalità della conclusione delle crisi aziendali, mettono anche sotto accusa governi e complicità sindacali. Che hanno affrontato tutte queste crisi con lo stesso modello distruttivo e truffaldino: accettare la chiusura delle fabbriche da parte della multinazionale di turno, promettere ai lavoratori una ricollocazione lavorativa, fare ponti d’oro al nuovo padrone salvatore reclutato chissà come. E tutte queste crisi si sono risolte allo stesso modo: i soldi spariti, le fabbriche chiuse, i lavoratori in mezzo alla strada. 

Governi e CGILCISLUIL hanno continuato ad illudere i lavoratori che alla fine sarebbe stato possibile trovare un imprenditore capace, quando oramai sapevano di vendere fumo. Le chiamavano reindustrializzazioni ma erano devastazioni. 

Noi nel marzo del 2018 avevamo subito denunciato  l’accordo EMBRACO come una porcata elettorale, perché già allora si poteva capire benissimo come sarebbe finita. Ma per la loro subalternità ai padroni,   classe politica e dirigenti sindacali complici hanno continuato ad esaltare la soluzione delle crisi affidata ai privati, quando era chiaro che il privato era fallito e fallimentare. Ed era altrettanto chiaro che solo colpendo le delocalizzazioni delle multinazionali, usando l’intervento pubblico per rilanciare la produzione, nazionalizzando, si sarebbero tutelato il lavoro. 

Ancora oggi con ARCELOR MITTAL governo e CGILCISLUIL fanno finta di non vedere i disegni devastanti della multinazionale, e continuano a chiederle di rispettare impegni che non rispetterà mai, invece che cacciarla. Ancora oggi la WHIRLPOOL , stessa proprietà  di EMBRACO, annuncia la chiusura autunnale dello stabilimento di Napoli ed il governo balbetta. 

Insomma nessuno faccia il finto tonto, EMBRACO e BLUETEC sono emblemi di un modello politico e sociale fallimentare che ora viene riproposto con sfacciata arroganza da Bonomi: il saccheggio privato sostenuto dai soldi pubblici. E solo per la subalternità dei palazzi politici e sindacali il presidente della Confindustria non viene sommerso di pernacchie mentre esalta l’energia creativa degli imprenditori.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti