Prestigioso organo di controllo liberale (CJR) condanna la copertura del Russiagate da parte del New York Times

Prestigioso organo di controllo liberale (CJR) condanna la copertura del Russiagate da parte del New York Times

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Columbia Journalism Review (CJR), organo liberale di controllo dei media (watchdog), ha pubblicato un'ampia retrospettiva sulla copertura del Russiagate da parte dei media, che ha esaminato diverse società giornalistiche durante la saga Trump-Russia, rivolgendo le critiche maggiori al New York Times.

"Nessun racconto ha plasmato i rapporti di Trump con la stampa più del Russiagate. La storia, che ha incluso il dossier Steele e il rapporto Mueller tra gli altri momenti totemici, ha portato a premi Pulitzer, ma anche a imbarazzanti ritrattazioni e carriere danneggiate", ha scritto il direttore esecutivo del CJR Kyle Pope in una nota. 

Pope ha spiegato che CJR ha trascorso gli ultimi 18 mesi "esaminando la copertura dei media USA su Trump e la Russia in dettaglio" per determinare cosa significhi per gli statunitensi avvicinarsi alle elezioni del 2024.

Dalla valutazione della copertura mediatica è emerso che il New York Times ha agito in malafede.

Ma non solo questo quotidiano. Le conclusioni della CJR riflettono accuratamente ciò che la maggior parte dei pensatori obiettivi ha sempre saputo: tutti operavano in malafede.

In ogni caso le maggiori critiche vanno al NYT. I risultati sono stati pubblicati in una lunga serie di quattro parti. La prima sezione inizia con la storia della reazione dell'allora direttore esecutivo del New York Times, Dean Baquet, quando scoprì che il consigliere speciale Robert Mueller non aveva intenzione di perseguire la destituzione di Trump, dicendo al suo staff: "Santo cielo, Bob Mueller non lo farà”, riporta Fox News. 

Baquet, parlando ai suoi colleghi in una riunione subito dopo la conclusione della testimonianza, ha riconosciuto che il New York Times era stato colto "un po' alla sprovvista" dall'esito dell'indagine di Mueller", secondo Jeff Gerth, autore della lunga retrospettiva della Columbia Journalism Review.

"Questo si sarebbe rivelato più che un eufemismo", prosegue Gerth. "Ma né Baquet né il suo successore, né alcun giornalista del giornale, offrirebbero qualcosa di simile a un esame autoptico della saga Trump-Russia del giornale, a differenza dell'esame che il Times fece della sua copertura prima della guerra in Iraq".

Secondo Gerth, il New York Times ha distrutto la sua credibilità al di fuori della sua "bolla".

Inoltre, il NYT è sembrato legittimare l'ex spia britannica Christopher Steele, che è stato indirettamente pagato dalla campagna della Clinton per fabbricare il famigerato "dossier" su cui si è basato gran parte del Russiagate e la finta indagine del Dipartimento di Giustizia.

Il New York Times sembrava legittimare Christopher Steele, l'ex spia britannica del famigerato dossier, affermando che aveva "un curriculum credibile" mentre la cosiddetta fonte "primaria" di Steele diceva all'FBI che Steele aveva "sbagliato o esagerato" nel suo rapporto e che le informazioni provenienti dalla Russia erano "voci e speculazioni".

La terza parte offre esempi della copertura del Times nei confronti di Trump rispetto ad altre testate ostili. Ad esempio, Trump ha spiegato la sua decisione di licenziare il direttore dell'FBI James Comey, menzionando la "questione Russia" come una "storia inventata" a Lester Holt della NBC, ma ha riconosciuto che il licenziamento avrebbe probabilmente "allungato l'indagine".

“I media si sono concentrati sulla citazione del ‘Russiagate’; il New York Times ha pubblicato cinque articoli nella settimana successiva citando le osservazioni sul ‘Russiagate’ ma tralasciando il contesto completo. Il Post e la CNN, in confronto, hanno incluso un linguaggio aggiuntivo nel loro racconto", ha scritto Gerth.

In un altro caso, il NYT ha evitato di trattare alcuni dei testi più compromettenti di Peter Strzok, che scrisse "non c'è un granché” poco dopo la nomina del consigliere speciale Robert Mueller, cosa che Gerth ha notato essere stata trattata dal Wall Street Journal e dal Washington Post. 

Gerth ha quindi concluso che "l'erosione delle norme giornalistiche e la mancanza di trasparenza dei media sul loro lavoro" sono responsabili dell'ampia sfiducia nei media.

"Nel gennaio 2018, ad esempio, il New York Times ha ignorato un documento disponibile pubblicamente che mostrava come il principale investigatore dell'FBI non ritenesse, dopo dieci mesi di indagini sui possibili legami Trump-Russia, che ci fosse molto. Questa omissione non ha soddisfatto i lettori del NYT. Il giornale afferma che il suo reportage è stato approfondito e "in linea con i nostri standard editoriali", ha scritto Gerth. "Un altro assioma del giornalismo che a volte è stato trascurato nella copertura su Russia-Trump è stato l'incapacità di cercare e riportare i commenti di persone che sono oggetto di critiche serie. Le linee guida del New York Times lo definiscono un "obbligo speciale". Eppure, in storie del NYT che coinvolgevano figure disparate come Joseph Mifsud (l'accademico maltese che avrebbe dato il via all'intera indagine dell'FBI), Christopher Steele (l'ex spia britannica autrice del dossier) e Konstantin Kilimnik (il consulente citato da alcuni come la migliore prova della collusione tra la Russia e Trump), i reporter del giornale non hanno incluso un commento della persona criticata".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti