"Pronti a combattere per difendere il nostro paese". Video dell'Esercito di Liberazione cinese diventa virale

"Pronti a combattere per difendere il nostro paese". Video dell'Esercito di Liberazione cinese diventa virale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I soldati dell’Esercito Popolare di Liberazione si dichiarano pronti a combattere per difendere il proprio paese nel caso dovesse scoppiare una guerra. Così un video pubblicato dall'Esercito Popolare di Liberazione cinese (PLA) è diventato virale, alimentando la passione dei netizen cinesi. 

 

Il video, che si rivolge al pubblico nazionale in mezzo alle crescenti tensioni militari nello Stretto di Taiwan e lungo il confine tra Cina e India, mostra la prontezza del PLA al combattimento, ma non indica che la Cina sia un paese bellicoso o che sia ansioso di iniziare una guerra, secondo quanto spiegato dagli analisti che hanno visionato il video. 

 

Il comando del teatro orientale e il comando del teatro meridionale del PLA hanno pubblicato lunedì il video musicale intitolato "Se scoppia una guerra oggi" sui loro account Sina Weibo.

 

Il video mostra scene di soldati del PLA che marciano nel deserto, nella giungla e sulle montagne, e la forza missilistica PLA che lancia missili.

 

La canzone che accompagna il video dice: "Ogni giorno sono preparato, ogni minuto sono pronto per andare", e "Giuro al mio dovere con la mia vita: se scoppia una guerra, questa sarà la mia risposta".

 

Nella sezione commenti del video, l'Eastern Theatre Command si è impegnato con i netizen cinesi. Ad esempio, un netizen ha detto: "Rispetto all'esercito popolare!" E il comando ha risposto con: "Patria e Popolo, state tranquilli!"

 

Sabato, anche l'Air Force del PLA ha rilasciato un video sul suo account Sina Weibo, che ha introdotto il bombardiere H-6K. Reuters ha detto lunedì che include una scena di bombardieri H-6 che simulano un attacco a quella che sembra essere la base aerea di Andersen a Guam.

 

Gli analisti cinesi di affari militari hanno affermato che i cittadini cinesi sono il pubblico di destinazione e che i video non hanno lo scopo di inviare un messaggio ad altri paesi che la Cina sta cercando di iniziare una guerra.

 

Il popolo cinese non è mai un popolo bellicoso, ha detto martedì al Global Times l'esperto militare cinese e commentatore televisivo Song Zhongping.

 

"Ma la Cina sta affrontando una crescente pressione esterna e viviamo in un mondo che non è pacifico, in particolare quando paesi come gli Stati Uniti continuano a provocare la sovranità, la sicurezza e gli interessi nazionali della Cina", ha affermato Song, sottolineando che questo non ha lasciato altra scelta alla Cina che considerare l'autodifesa con mezzi militari.

 

I video hanno anche mostrato le capacità militari della Cina, e altri paesi e i secessionisti di Taiwan non dovrebbero sottovalutare la determinazione del PLA di salvaguardare la sovranità nazionale, hanno spiegato gli analisti.

 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti