Pur di celebrare il settantesimo anniversario della NATO il Corriere ci racconta una storia surreale

Pur di celebrare il settantesimo anniversario della NATO il Corriere ci racconta una storia surreale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Persino una edificante, quanto surreale, “Storia a Lieto Fine” pur di celebrare il settantesimo anniversario della NATO. Ce la rifila il Corriere della Sera che intervista l’ex profugo vietnamita Lapthe Chau Flora diventato generale, vice comandante del U.S. Army Africa “che sovrintende alle centinaia di soldati a Stelle e Strisce che hanno l’incarico di proteggere gli interessi Usa al di là del Mediterraneo.”


«Mi si spezza il cuore quando alla tivù vedo le immagini dei barconi e mi dispiace pensare che a quelle persone non vengano offerte le stesse opportunità che ho avuto io» dichiara il generale ricordando quando, nel 1979, stava lui su un barcone per scappare dal Vietnam del Sud. Ma perché scappava? «Ho sei fratelli e la mia era una famiglia che apparteneva alla media borghesia della città. (…) Quando avevo due anni, papà morì in battaglia e in pochissimo tempo ci ritrovammo a vivere in assoluta povertà, al punto che mia madre fu costretta a dare in adozione la mia sorellina più piccola (….) Nel 1975, quando i comunisti presero il potere, le cose peggiorarono ulteriormente. Non vivevamo più in un Paese democratico».


Ovviamente, neanche una parola su una guerra condotta dagli USA che ha ucciso quasi due milioni di vietnamiti, condannato all’invalidità un milione (per conteggiare solo quelli esposti all'Agente Orange), compromesso per secoli la produzione agricola… Neanche una parola di condanna, solo sperticati ringraziamenti per gli Americani che lo accolsero in America: «Li resi orgogliosi di avere fiducia in me (….) e capii subito una cosa: grazie alla cultura, in America, si può arrivare ovunque


E Lapthe Chau Flora, finalmente, è arrivato a coronare i suoi sogni. Ora dirige l’US Arm Africa Command, da dove potrà infliggere a qualche paese africano le stesse distruzioni e sofferenze toccate alla sua ex patria. E se qualche sopravvissuto approderà sulle nostre coste, speriamo almeno che non faccia la sua stessa carriera.

 

Francesco Santoianni

 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO