Putin: "L'aereo Il-76 è stato abbattuto da un sistema Patriot statunitense"

Putin: "L'aereo Il-76 è stato abbattuto da un sistema Patriot statunitense"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un'indagine ha stabilito che l'aereo militare russo Il-76 precipitato nella provincia di Belgorod la scorsa settimana con 65 prigionieri di guerra ucraini a bordo è stato abbattuto da un sistema Patriot statunitense, secondo quanto reso noto dal presidente russo Vladimir Putin.

"L'aereo è stato abbattuto da un sistema Patriot statunitense, questo è stato accuratamente stabilito dalla perizia", ha detto Putin durante un incontro nel quartier generale della sua campagna elettorale.

Il Presidente ha ricordato che le autorità ucraine avevano chiesto un'indagine internazionale sull'accaduto.

"Abbiamo chiesto e insistito affinché venisse condotta un'indagine internazionale. Ma non ci sono organizzazioni internazionali interessate a farlo".

Tuttavia, Putin ha ribadito il suo appello affinché "esperti internazionali vengano, svolgano un'analisi e valutino le prove materiali che l'aereo è stato abbattuto da un sistema Patriot da un luogo specifico in un momento specifico".

"Ho già detto che alle 11:10 ci sono stati due lanci dal territorio controllato dall'Ucraina", ha detto.

Il presidente ha riconosciuto di non sapere perché le forze ucraine abbiano abbattuto l'aereo con i propri prigionieri a bordo.

"Non ho una risposta sul perché. Si può pensare che l'abbiano fatto casualmente. In ogni caso, si tratta di un crimine".

Ha inoltre sottolineato che il Comitato Investigativo russo ha aperto un caso con accuse di terrorismo e ha ricordato che le forze ucraine avevano precedentemente attaccato un centro di detenzione con militari ucraini catturati nella zona di controllo russa, a Olenovka, nel luglio 2022.

Per quanto riguarda i piani della Russia per ottenere il rilascio dei propri militari, ha affermato che non saranno influenzati da quanto accaduto.

"Non fermeremo gli scambi. Dobbiamo riavere i nostri ragazzi", ha dichiarato.

Mercoledì scorso, Russia e Ucraina hanno scambiato 195 prigionieri per parte, una settimana dopo l'abbattimento dell'aereo che trasportava prigionieri ucraini.

D'altra parte, il presidente ha attirato l’attenzione sugli sforzi del regime di Kiev per coprire quanto accaduto.

"Cercano di insabbiare i fatti, non c'è nulla nei media occidentali, tutto viene rimosso dal campo informatico, ma non dimenticheremo i crimini che commettono contro i nostri cittadini".

Il velivolo Il-76 si è schiantato nella regione di Belgorod la mattina del 24 gennaio. Il ministero della Difesa russo ha immediatamente affermato che l'aereo era stato abbattuto dalle forze armate ucraine (AFU) utilizzando due missili e definito l'incidente un atto terroristico del regime di Kiev. A bordo dell'aereo c'erano sei membri dell'equipaggio, 65 prigionieri di guerra ucraini destinati allo scambio e tre militari russi che li accompagnavano. Sono morti tutti. Il dipartimento ha quindi osservato che Kiev aveva l’obiettivo di accusare Mosca.

Subito dopo l'incidente, i media ucraini hanno affermato che l'aereo era stato abbattuto dalle forze armate ucraine. Tuttavia, in seguito le pubblicazioni cancellarono quanto scritto, rimuovendo le informazioni sulla responsabilità di Kiev per quanto accaduto. Il principale dipartimento di intelligence del Ministero della Difesa ucraino dichiarava che il Paese non sapeva chi fosse a bordo dell'aereo, mentre confermavano che quel giorno avrebbe dovuto avere luogo uno scambio di prigionieri di guerra tra le parti.

Successivamente, il 27 gennaio, i media riferivano che il quartier generale del coordinamento ucraino per il trattamento dei prigionieri di guerra aveva riconosciuto l'autenticità dell'elenco del personale militare a bordo dell'Il-76.

Il 30 gennaio si è anche saputo che i dati dei registratori di volo dell'aereo abbattuto dalle forze armate ucraine vicino a Belgorod confermavano un'interferenza esterna.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti