Quello che il popolo non deve sapere sul dibattito del MES

Quello che il popolo non deve sapere sul dibattito del MES

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Thomas Fazi 

 

La battaglia sul MES, se non si fosse capito, ha una valenza puramente simbolica: 30-40 miliardi sono briciole a fronte delle necessità di finanziamento dell'Italia, e comunque parliamo di una cifra che un paese come il nostro, in regime di sovranità monetaria, non avrebbe alcun problema a reperire sui mercati o direttamente dalla propria banca centrale a tasso zero.


 

Anzi, anche oggi, con l'euro, l'Italia potrebbe tranquillamente reperire quella stessa cifra sui mercati (per quanto al tasso più penalizzante fissato dalla BCE, ma questo fa ovviamente parte del disegno): basti ricordare che a una recente asta dei BTP quinquennali, il tesoro ne ha emessi 14 miliardi a fronte di una richiesta di più di 100 miliardi. Ci sarebbe bastato soddisfare la richiesta che c’era per avere da subito più liquidità di quella offerta dal MES.


E allora perché il governo non l'ha fatto? Perché altrimenti tutta la narrazione sul MES sarebbe crollata. Il messaggio che si vuol far passare - "il futuro della sanità pubblica italiana dipende dalla linea di credito del MES" - è quello secondo cui l'Italia sarebbe spacciata senza l'aiuto finanziario dell'Europa.


Come abbiamo visto, non è affatto vero. Anche col cappio dell'euro, l'Italia potrebbe tranquillamente reperire quei soldi - proprio perché sono relativamente pochi - con le normali aste collocamento dei titoli di Stato; e a maggior ragione potrebbe farlo - a tassi di interesse molto più convenienti e senza subire il ricatto della BCE - nel momento in cui recuperasse la propria sovranità monetaria.


Ma questo il popolo non deve capirlo. Oggi, nel momento in cui il consenso nella popolazione italiana per l'euro e la UE è ai minimi storici, è fondamentale per le oligarchie economico-finanziarie nostrane - di cui il PD è il braccio armato politico - rinsaldare l'ideologia del vincolo esterno, secondo cui l'Italia sarebbe spacciata senza l'Europa, quando ormai dovrebbe essere chiaro che è vero l'esatto opposto.


Il dibattito sul MES - orchestrato ad arte, come detto, attraverso un'asfissia finanziaria auto-indotta dal governo - serve solo a questo. Non ha nulla a che vedere con i soldi in sé, e men che meno, ovviamente, con la salvaguardia del sistema sanitario nazionale, picconato proprio dal PD, su richiesta dell'Europa, nell'ultimo decennio.

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti