Raffaella Carrà: "Siempre voto Comunista"

Raffaella Carrà: "Siempre voto Comunista"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Riproponiamo un articolo del giornale spagnolo El Diario.es quando Raffaella Carrà compì 75 anni, dal titolo "Raffaella Carrà, la diva que vota comunista". Oltre la sua brillante carriera, si sottolinea la sua spontaneità, qualità rara nel mondo dello spettacolo, così come il suo impegno, lo spessore umano, politico e sociale che ha fatto di Raffaella Carrà un'artista che potremmo definire nazional-popolare, nel senso gramsciano del termine, ovviamente.

di Carmen López - El Diario.es

Ha appena compiuto 75 anni e la sua corona di regina della scena non si è mossa di un centimetro dalla cima dei suoi capelli biondo platino. Il nome di Raffaella Carrà è sinonimo di divertimento ed eccessi, di "che fantastica questa festa!", ma la sua persona ha suscitato ammirazione non solo per la sua carriera professionale ma anche per la sua energia e le sue convinzioni politiche.

Nel giugno 1977 la rivista Interviú pubblicò nel suo 55esimo numero un'intervista a Raffaella Carrà dal titolo con una citazione dell'artista: "Io voto sempre comunista". Quella pagina scansionata circola ancora oggi sui social network come un documento sorprendente e un po' feticista.

L'italiana è l'epitome delle dive e, nell'immaginario collettivo, la sinistra ha indossato più il velluto a coste che la lycra con le paillettes.

La Carrà era arrivata in Spagna due anni prima, dopo aver sconvolto il Papa con la sua canzone Tuca Tuca ed essere stata la prima a mostrare l'ombelico in televisione nel suo Paese.

La sua prima apparizione è stata in Ladies and Gentlemen! di Valerio Lazarov - programma che già portava l'impronta indiscussa del regista rumeno - e visto il successo ottenuto, i direttori di Televisión Española gli regalarono nel marzo 1976 uno speciale in quattro puntate  La hora de Raffaella Carrà .

Famosa in Italia, America Latina e Spagna, quando è tornata alla televisione spagnola aveva già registrato 21 dischi -in spagnolo e italiano-, dieci film, ed era stata conduttrice di molti altri programmi in Italia, tra cui Pronto, Raffaella? e Raffaella Carrà Show. Quest'ultimo è andato in onda su TV3, nella versione originale sottotitolata in catalano, grazie ad un accordo con Silvio Berlusconi. C'erano sette ore e mezza di programmi in cui sono state raggruppate le migliori interpretazioni dell'italiana e sono state aggiunte alcune interpretazioni di artisti catalani come Llorenç de Santamaria, Héctor Vila o María Jesús Vilarroya.

Nel 1992 TVE ha presentato in anteprima il suo programma Hello Raffaella! , una delle pietre miliari nella storia dell'intrattenimento televisivo nel Paese. 

Tutti i tipi di personalità come Celia Cruz, Pedro Almodóvar, Mel Gibson, Marisa Paredes, Gina Lollobrigida, Santiago Carrillo o Alaska sono passati per il suo set, che ha presentato come: "Una donna con i capelli lunghi e grandi idee". Il gioco Se fosse un grande successo , in cui gli invitati dovevano indovinare quale personaggio fosse tramite domande o il concorso telefonico in cui la presentatrice componeva un qualsiasi numero dalle Pagine Gialle e se la persona rispondeva dicendo "Ciao!, Raffaella!" guadagnava soldi.

L'arma principale dell'italiana, oltre al suo innegabile talento per la musica e la danza, è sempre stata la sua spontaneità.

L'ambientazione in cui è stato registrato il programma era come il soggiorno di casa sua, dove ha osato raccogliere i personaggi più pittoreschi e parlare con loro in uno spagnolo impenitente, non sempre riuscito ma determinato. Ha fatto commenti come "Sto chiamando Valladolid, la culla dello spagnolo" o "Guarda, ti ho dato soldi e conoscenze. Oggi cenerai più felice" e poi ha riattaccato il telefono, come se niente fosse era successo.

Attivismo in tuta lamé

La scrittrice e sceneggiatrice Almudena Montero, lavorava nella catena televisiva in quel periodo e l'anno scorso ha pubblicato un thread su Twitter raccontando come stava lavorando l'artista che è diventato virale.

“Nei corridoi si parlava di culi della zia, appropriazione indebita e poi pene detentive. E in mezzo a tutto quell'orrore catastrofico, è apparsa Raffaella Carrà. ti squadrava e ti diceva: "Sei anemico perso". Ti chiedeva delle tue condizioni di lavoro, e quando glielo dicevi, spegneva la luce sul set. (...) La ragazza viveva perennemente in uno stato di eccitazione politica della sinistra, mentre percorreva interi reparti, vestita di lustrini rossi”.

In privato, Montero ci racconta che: "Quando è entrata dalla porta, tutti hanno taciuto per ascoltarla. Non era solo una bionda con abiti attillati e lucidi. Era una donna molto potente. Con molta forza. E che è che potevo sentirlo ovunque fosse. "Non lavorava nei suoi stessi programmi, ma "andavo a vederla nel mio tempo libero, come abbiamo fatto con molti altri. Per ammirarla, per ascoltarla, per vedere come lavorava".

Dopo che questo thread è diventato virale, il cantante si è messo in contatto con lo sceneggiatore. Tra l'altro, l'ha incoraggiata a combattere e le ha ricordato che "voto comunista" è più di una frase: "Implica uno stile di vita e una grandissima responsabilità". 

All'inizio degli anni '80, quando era ancora impensabile che una donna che guadagnava meno di un uomo potesse suscitare qualche accenno di polemica, Raffaella Carrà non esitò a rivendicare la propria ai tempi di Pronto… .Raffaella?  La RAI, la televisione pubblica italiana, l'aveva assunta per 600 milioni di pesetas l'anno per tre anni perché non andasse su Canale 5 con Berlusconi, ma anche perché quando ha saputo che c'erano conduttori che si facevano pagare più di lei mentre il suo programma l'ha portata alla catena dieci milioni di telespettatori, ha chiesto la sua parte. E gliela diedero.

A proposito dell'argomento, Montero ricorda anche un'altra situazione: "Un giorno passavo davanti alla sala dove i ballerini di un programma stavano provando la coreografia. Stavo spettegolando dalla porta ed è entrata Raffaella. Adoravo assistere alle prove. Allora, dopo una pausa di 5 minuti in cui è scomparsa, è tornata feroce, ha riunito tutti i ballerini e ha tenuto un discorso, che ora capisco come femminista. Ero un nano. Mi sono ribaltata. Ha detto cose come "gli uomini sono come i cani, odorano la paura', 'bisogna proteggersi...'”.

I testi delle sue canzoni trattano, in modo festoso e un po' subdolo, argomenti come la masturbazione femminile o l'omosessualità. In effetti, è anche un'icona gay per eccellenza. Il motivo del suo successo nel gruppo potrebbe avere molto a che fare con i testi di canzoni come Luca, un intero inno, anche se lei ha affermato che "Nella mia tomba lascerò scritto Perché i gay mi sono piaciuti così tanto?"

Nel 2017 è stata nominata regina del World Pride a Madrid, in un atto in cui dichiarava di non capire che i diritti della comunità LGTBI dovevano ancora essere rivendicati. Come ha spiegato in un'intervista rilasciata poco dopo: "Avendolo ricevuto, ho detto: Vivi questa settimana con gioia, ma le lotte non sono finite. C'è ancora molto fuoco da fare per rompere i pregiudizi. Ci riusciremo. la mia la frase preferita recita: "Puoi rimuovere tutti i fiori, ma non puoi portare via la primavera.'"

 

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990 di Gilberto Trombetta Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti