/ Rapporto Nazioni Unite. Venezuela migliore in termini di uguaglia...

Rapporto Nazioni Unite. Venezuela migliore in termini di uguaglianza sociale in America Latina, Colombia ultima

 


Telesur


Secondo i dati forniti da un nuovo rapporto della Commissione economica per l'America Latina e i Caraibi (CEPAL, commissione regionale delle Nazioni Unite con sede a Santiago del Cile), il Venezuela e l'Uruguay hanno le migliori percentuali in termini di distribuzione della ricchezza. Colombia e Guatemale sono le peggiori. 




I dati del rapporto indicano come il coefficiente di Gini, che valuta la disuguaglianza sociale, siano per Venezuela e Uruguay quelli migliori (0,40 o minori), in una media del continente di 0.469. Al contrario, i cinque paesi che hanno il dato peggiore sono Colombia, Guatemala, Brasile, Panama, e Gini - tutti con un coefficiente Gini superiore allo 0,50.  


Il ministro degli esteri del Venezuela, Delcy Rodriguez, ha commentato su Twitter che "i cinque paesi che sono i più diseguali sono anche quelli più interventisti nell'Osa contro il Venezuela, per essere il più eguale", in riferimento al ruolo avuto da Colombia, Guatemala, Brasile, Panama e Messico nelle azioni contro il Venezuela nell'Organizzazione degli stati americani.


“Tra il 2008 e il 2015, la diseguaglianze di reddito tra le persone in America Latina sono diminuite grazie alle priorità di sviluppo sociale intrapreso, ma l'indirizzo si è rallentato tra il 2012 e il 2015 con il livello attuale che rimane ancora troppo alto per gli obiettivi preposti”, si legge nel rapporto del CEPAL.


Il trend del rallentamento della diminuzione delle diseguaglianze è destinato a confermarsi con l'arrivo al potere di governi, come Temer in Brasile e Macri in Argentina, che hanno sostituito le esperienze progressiste del passato con politiche di austerità e privatizzazioni.


(traduzione de l'AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa