/ Roger Waters: "La Gran Bretagna con l'arresto di Assange ha viola...

Roger Waters: "La Gran Bretagna con l'arresto di Assange ha violato tutte le norme etiche, morali e legali. ╚ diventata complice volontaria degli Stati Uniti"

 

Il musicista britannico crede che Londra, arrestando il fondatore di WikiLeaks, "abbia violato tutte le leggi, morali, etiche e legali".


In un'intervista concessa a RT il co-fondatore Pink Floyd e attivista politico Roger Waters ha sostenuto che l'arresto di fondatore di Wikileaks, Julian Assange, viola il diritto internazionale, e dimostra che il Regno Unito è stato disposto complice degli Stati Uniti .
 
"Vederlo portare con la forza, credo che fosse una divisione speciale, e metterlo nel furgone e portalo porta via, è stato assolutamente agghiacciante. E pensare che il Regno Unito è diventato un complice un satellite dell'impero americano che farebbe una cosa del genere contravvenendo tutto le norme, morali, etiche e legali, è assolutamente e incredibilmente atroce", ha affermato Waters.
 

 
 
"Moreno è stato corrotto"
 
Per quanto riguarda la dichiarazione del Presidente dell'Ecuador Lenin Moreno, secondo il quale arresto è stato accelerato dopo che ha deciso di ritirare l'asilo goduto dal giornalista, il musicista britannico ha ribadito che il presidente ecuadoriano "costantemente e coerentemente mente" e "direbbe qualsiasi cosa per fare" soldi.
 
Inoltre, Waters ha insistito sul fatto che Moreno sia stato "corrotto con la promessa di un prestito del FMI di 4,7 miliardi di dollari" per prendere la decisione di permettere alla polizia del Regno Unito di entrare nell'ambasciata per catturare Assange.
 
"I suoi piani non finire con il fatto che Moreno abbandoni Assange.
Essi hanno anche in programma di consentire alla società di energia Chevron di iniziare l'estrazione del petrolio nel più grande parco nazionale in Ecuador", ha suggerito il fondatore dei Pink Floyd.
 
"La strada per la tirannia assoluta"
 
Per quanto riguarda la possibile estradizione di Assange negli Stati Uniti, Waters ha esortato il popolo britannico a impedire al suo governo di consentirglielo.
 
"Tutti dovrebbero concentrarsi su Assange, perché se permettiamo al Regno Unito di farla franca estradandolo negli Stati Uniti e permettiamo al suo governo di torturarlo e possibilmente fermarlo per il resto della sua vita, avremo permesso [ inizio] la strada verso la tirannia assoluta e probabilmente la distruzione del pianeta ", ha avvertito il musicista.
 
In questo senso, Waters ha suggerito che "la squadra Bolton, Abrahams, Pence e Trump stanno disperatamente cercando di lanciare il pianeta nella terza guerra mondiale".
 
Cosa succederà ad Assange?
 
Alla domanda sul destino che attende il fondatore di WikiLeaks e se sarà torturato a morte, Waters ha detto che le autorità statunitensi lo stanno già "uccidendo".
 
"L'hai visto quando ha lasciato l'ambasciata? Ha visto a malapena la luce del giorno in molti anni senza commettere alcun crimine, solo perché Donald Trump lo vuole morto, potrebbe davvero finire morto", ha concluso il musicista.
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa