S-400, la Turchia li ha portati veramente nella base Nato di Incirlik?

S-400, la Turchia li ha portati veramente nella base Nato di Incirlik?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I sistemi antimissile russi S-400 tengono ancora banco in Turchia. Questa volta non per l’acquisto effettuato da Ankara nonostante l’irritazione e la contrarietà di Washington che ritiene il sistema di difesa missilistico prodotto dalla Russia una minaccia per i propri armamenti. 

Sky News Arabia ha affermato che "la Turchia ha portato le batterie S-400 alla base di Incirlik utilizzata dagli Stati Uniti e dalle forze della NATO" in un tweet, dove si cita un funzionario del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

La notizia è pero stata smentita da funzionari militari turchi contattati dal quotidiano Daily Sabah, secondo cui non ci sarebbe stato alcuno spostamento del sistema di difesa missilistica di produzione russa presso la base Nato di Incirlik. 

Gli S-400 costituiscono un punto di grossa tensione tra Stati Uniti e Turchia. L’acquisto del sistema missilistico russo ha messo a dura prova i legami Ankara-Washington. La decisione turca ha spinto Washington a rimuovere la Turchia dal programma F-35 Lightning II nonostante Ankara avesse già pagato per ottenere alcuni esemplari, e aziende turche producano parti importanti della fusoliera del caccia stealth di quinta generazione. Gli Stati Uniti hanno anche minacciato di imporre nuove sanzioni se la Turchia decidesse di acquistare nuovi lotti del sistema missilistico, o altri armamenti prodotti da Mosca. 

La Turchia ha però sempre ribadito che si tratta di questioni interne e ogni ingerenza su questi temi significa vulnerare la sovranità nazionale. 

Gli Stati Uniti sostengono il sistema potrebbe essere utilizzato dalla Russia per ottenere segretamente dettagli riservati sui caccia Lockheed Martin F-35 e che sia incompatibile con i sistemi Nato. La Turchia, tuttavia, insiste sul fatto che l'S-400 non sarà integrato nei sistemi Nato e costituisce una minaccia per l'alleanza.

Per l’acquisto del sistema missilistico russo la Turchia è stata sanzionata dagli Stati Uniti in base a una legge del 2017. Si è trattato della prima applicazione della Countering America's Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA) nei confronti di un paese alleato. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO