Sacerdoti e giornalisti arrestati: Kiev verso la messa al bando della chiesa ortodossa canonica

Sacerdoti e giornalisti arrestati: Kiev verso la messa al bando della chiesa ortodossa canonica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Clara Statello per l'AntiDiplomatico

Mentre nella Federazione Russa i cittadini si recano alle urne per le elezioni presidenziali, in Ucraina il Parlamento si prepara al voto per mettere fuori legge la Chiesa ortodossa canonica. Il 5 marzo, infatti, il Comitato umanitario della Rada ha raccomandato di sostenere in seconda lettura il disegno di legge che vieta le organizzazioni religiose legate alla Russia.

La nuova normativa, che potrebbe essere approvata entro la fine di marzo o l’inizio di aprile, mette al bando la Chiesa ortodossa russa sul territorio ucraino e proibisce qualsiasi affiliazione o rapporto di subordinazione con essa.

"Si prevede che il Servizio statale ucraino per la libertà di coscienza (DESS) effettuerà ricerche sui collegamenti di un'organizzazione religiosa con il Paese aggressore", ha spiegato Ukrinform Nikita Poturaev, capo della commissione per la politica umanitaria e d'informazione della Verkhovna Rada.

Il DESS in caso di violazioni potrà ricorrere al tribunale in caso di accertamento di violazioni. Inoltre la nuova versione del disegno di legge contiene degli emendamenti del Servizio di sicurezza dell'Ucraina, che prevedono la cessazione delle attività di un'organizzazione religiosa se il suo capo è stato condannato per collaborazionismo o alto tradimento.

Subito dopo la raccomandazione del comitato alla Rada, è partita un’ondata di arresti e detenzioni dei confronti di sacerdoti e giornalisti collegati alla Chiesa Ortodossa Ucraina (UOC) che è in armonia con il Patriarcato di Mosca, pur mantenendo la propria autonomia. Inoltre la chiesa scismatica ucraina (OCU) si è impossessata dei templi degli ortodossi canonici.

Vi presentiamo un report redatto con il contributo di attivisti ucraini per i diritti umani, sotto condizione di anonimato, con dati raccolti su fonti aperte.

Arresti e detenzioni di sacerdoti

Il 14 marzo 2024, la diocesi di Khust della UOC ha comunicato la detenzione del suo segretario. Padre Ioann Rozman è stato convocato per un interrogatorio dalla polizia. Mentre usciva, è stato fermato da “persone in passamontagna e armati” e portato via su un Mercedes con targa speciale “in una direzione sconosciuta”. Allo stesso tempo, i commissari militari hanno tentato di arrestare il suo avvocato per impedirgli  l'obiettivo di impedirgli di esercitare la sua pratica legale", ha riferito la diocesi. I militari sono stati costretti a ritirarsi perché non sono riusciti a trovare motivi per trattenere l'avvocato.

Il 13 marzo, rappresentanti della "Chiesa ortodossa dell'Ucraina", sostenuta dallo Stato, con l'assistenza della polizia, hanno sequestrato la chiesa di San Panteleimon della Chiesa ortodossa ucraina nel villaggio di Slobodka-Kulchievetskaya, nella regione di Khmelnitsky, nell'Ucraina occidentale. Lo stesso giorno è stata catturata, sempre dagli scismatici, la chiesa UOC di San Giorgio, nel villaggio di Kotsyubinskoye vicino a Kiev.

Il 6 marzo 2024, un sacerdote di Cherkasy è stato arrestato per aver definito nazisti i militari dell’Azov. Boris Brodovsky, sacerdote soprannumerario (arciprete mitrato) della diocesi della Chiesa ortodossa ucraina, è stato accusato di "giustificare l'aggressione armata della Federazione Russa, la glorificazione dei suoi partecipanti" (parti 2 e 3 dell'articolo 436-2 del codice penale dell'Ucraina). Lo si apprende da un comunicato stampa dell’associazione dei giornalisti ortodossi (UOJ).

Sul suo Facebook il sacerdote, secondo la SBU, ha definito i combattenti dell'Azov “nazisti” e ha giustificato l'aggressione armata della Federazione Russa.

Non sono forniti esempi dei post del padre di Boris. Tuttavia, è stato riferito che durante una perquisizione presso il domicilio del religioso sarebbero stati scoperti “simboli proibiti” e un telefono cellulare dal quale distribuiva propaganda antiucraina. Gli accertamenti avviati dalla SBU avrebbero confermato i fatti delle sue azioni criminali.

Precedentemente, il 27 febbraio 2024, sono stati arrestati l’abate ed un prete del monastero della diocesi di Khust, in Transcarpazia, per la “diffusione di simboli comunisti e propaganda del regime comunista”, reato disciplinato dalla parte 1 dell’articolo 436-1 del codice penale ucraino. Lo si apprende da  una nota ufficiale l’SBU.

“Entrambi i religiosi erano sostenitori ideologici del regime comunista e diffondevano la propaganda dell'ex Unione Sovietica... Gli imputati hanno diffuso pubblicamente simboli comunisti proibiti e slogan sovietici tramite Internet”.

Inoltre, “gli accertamenti avviati dalla SBU hanno confermato i fatti relativi alle attività criminali del clero”. Entrambi i “sacerdoti comunisti” rischiano 5 anni di carcere.

Il caso è talmente farlocco da suscitare un commento di amara ironia alla nostra fonte:

“Fino ad oggi, la SBU ha perseguitato sia i comunisti che i sacerdoti della Chiesa ortodossa ucraina. Adesso i Servizio ha deciso di unire queste due categorie di indesiderabili”.

La retata contro i giornalisti della UOJ

Il 12 marzo 2024, la SBU ha condotto perquisizioni tra i dipendenti del sito Internet " Unione dei giornalisti ortodossi" (UOJ), che documentavano la persecuzione dell'UOC, e dell'organizzazione civica Centro per la difesa legale dell'UOC.

Il capo del Centro, l'avvocato arciprete Nikita Chekman, ha affermato che gli agenti della SBU non gli hanno mostrato il mandato del tribunale, che conferirebbe alle forze di sicurezza il diritto di effettuare perquisizioni, come richiesto dalla legge ucraina.

Durante le perquisizioni, la SBU ha confiscato apparecchiature informatiche e telefoni a giornalisti e attivisti per i diritti umani.

Come riportato dall'UOJ il 13 marzo, sono state arrestate 6 persone: l'arciprete Sergey Chertilin, Andrey Ovcharenko, Valery Stupnitsky, Ivan Rosada, Tatyana Bezmalenko, Vladimir Bobechko.

In totale, secondo l'ufficio del procuratore generale, la SBU ha condotto più di 20 perquisizioni nella città di Kiev, nelle regioni di Kiev, Zhytomyr e Ivano-Frankivsk.

La SBU accusa  Chertilin di essere il “coordinatore della rete ” del Servizio di sicurezza federale (FSB) russo in Ucraina. Viene riportato che i membri di questa rete, oltre 15 persone, avrebbero “prodotto e diffuso in massa narrazioni filo-Cremlino e messaggi provocatori che avrebbero dovuto destabilizzare la situazione socio-politica e incitare all’odio religioso in Ucraina. Con gli attacchi informativi il nemico sperava non solo di minare la situazione socio-politica in Ucraina, ma anche di screditare il nostro Stato sulla scena internazionale, soprattutto di fronte ai partner occidentali”, viene riportato

La SBU non ha pubblicato i “messaggi provocatori ”. Quattro arrestati e altri dieci giornalisti ancora in libertà sono sospettati dei crimini di:

  • Alto tradimento, art.111 parte 2 codice penale dell’Ucraina,
  • attività di collaborazione, art. 111-1 parte 6
  • costituzione e partecipazione ad un'organizzazione criminale, art. 28 parte 4, art.255 parte 1 e 2,
  • incitamento all’inimicizia e all’odio religioso, art. 161 parte 3,
  • giustificazione, riconoscimento legale, negazione dell'aggressione armata russa, art 436-2 pp. 1,2.

Tutti rischiano l'ergastolo.

Il 12 marzo, Robert Amsterdam, un avvocato degli Stati Uniti che difende l'UOJ, ha dichiarato in relazione alle perquisizioni dei giornalisti dell'UOJ:

“Sulla base delle informazioni fornite dalle nostre fonti, queste incursioni della polizia segreta non sono basate su prove. Sono stati coreografati dalla SBU per suscitare paura e animosità e dividere ulteriormente un paese in guerra, e devono essere condannati dalle organizzazioni internazionali per la libertà di stampa. Non esiste assolutamente alcun pretesto concepibile che renda necessario che l’Ucraina bandisca un’intera religione e cancelli la culla millenaria del cristianesimo – assolutamente nessuno”.

Le perquisizioni del 12 marzo costituiscono la più grande incursione dei servizi speciali durante il periodo di persecuzione dell'UOC dopo le perquisizioni di massa del 2 dicembre 2022 nei monasteri e nelle chiese dell'UOC .

I più alti gerarchi della Chiesa ortodossa ucraina non hanno commentato questi eventi.


Verso la messa al bando della UOC

“Indubbiamente, queste incursioni, arresti e minacce contro i membri dei media sono stati coordinati per suscitare entusiasmo per il progetto di legge 8371 recentemente rivisto per vietare la Chiesa ortodossa ucraina”, afferma Amsterdam.

Dello stesso avviso è l’ex deputato del popolo Vadim Novinsky:

“Queste azioni delle autorità possono essere considerate come una pulizia dello spazio mediatico alla vigilia del voto in seconda lettura sul disegno di legge sull'effettiva messa al bando della Chiesa ortodossa ucraina in Ucraina. In relazione a ciò che sta accadendo, lo farò inviare dichiarazioni pertinenti alle organizzazioni internazionali coinvolte nel monitoraggio della situazione relativa ai diritti umani, alla libertà di parola e alla libertà religiosa", ha scritto sul suo account Facebook, annunciando che si rivolgerà presso l’Alto commissariato dell’ONU per i Diritti Umani, l’OSCE e le organizzazioni non governative Reporters Sans Frontiere e Freedom House.

Il 13 marzo, l'UOJ ha pubblicato un appello aperto alle organizzazioni internazionali per i diritti umani:

“Le accuse penali mosse contro i nostri giornalisti si basano esclusivamente sul contenuto delle pubblicazioni pubblicamente disponibili dell'Unione dei giornalisti ortodossi, della risorsa Internet Primo cosacco e sulle attività dell'unione civica “Laity” per proteggere i diritti dei credenti dell'UOC. Dunque, veniamo giudicati per i fatti pubblicati sui crimini contro la Chiesa ortodossa ucraina, la loro analisi e i giudizi di valore su questo argomento”.

Clara Statello

Clara Statello

Clara Statello, laureata in Economia Politica, ha lavorato come corrispondente e autrice per Sputnik Italia, occupandosi principalmente di Sicilia, Mezzogiorno, Mediterraneo, lavoro, mafia, antimafia e militarizzazione del territorio. Appassionata di politica internazionale, collabora con L'Antidiplomatico, Pressenza e Marx21, con l'obiettivo di mostrare quella pluralità di voci, visioni e fatti che non trovano spazio nella stampa mainstream e nella "libera informazione".

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti