Saif Gheddafi torna a parlare al popolo libico

Saif Gheddafi torna a parlare al popolo libico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Tramite il proprio gruppo politico il figlio del Colonnello, spesso definito "causa di forza maggiore" dagli avvoltoi occidentali (per esempio nel momento di negare le elezioni ed impedire che il popolo libico lo elegga Presidente), è tornato ad esprimere la propria posizione dalla città di Sebha, nel sud della Libia.

"Dichiarazione della squadra politica del Dr. Saif al-Islam Gheddafi

Nel nome di Allah Misericordiosissimo

(Non avete forse considerato coloro che hanno scambiato il favore di Dio con la miscredenza e hanno insediato il loro popolo nella dimora della perdizione?)

Un anno fa, con l'inizio del processo elettorale in questi giorni, la cosiddetta norma costituzionale non è stata discussa o contestata, e non è stata toccata né vicino né lontano.

E dopo che il processo elettorale è stato interrotto per motivi noti a tutti e a ciascuno, definiti di forza maggiore, la cosiddetta norma costituzionale è apparsa all'improvviso, e il destino del popolo libico e il futuro delle generazioni future sono stati ipotecati su di essa, in quanto i punti controversi sono stati utilizzati per impedire ai militari e ai cittadini con doppia cittadinanza di candidarsi allo scopo di escludere alcuni individui, E questo dopo che a Ginevra, il 28 giugno 2022, era stato concordato tra i rappresentanti del Consiglio di Stato e della Camera dei Rappresentanti di escludere coloro contro i quali erano state emesse sentenze giudiziarie, anche se non definitive. Anzi, è stato impedito loro il diritto di candidarsi anche se sono stati assolti e riabilitati in modo chiaro e diretto. Per una persona specifica, che porterà all'aborto delle elezioni, che tutti ritengono essere l'unica via d'uscita per il Paese dalla sua crisi intrattabile.

Coloro che ieri erano d'accordo nell'escludere una persona specifica, oggi si sono differenziati per altre persone appartenenti alle forze armate e ai detentori di altre nazionalità, facendo così entrare il Paese in un circolo vizioso senza fine, e il problema del Paese è stato ridotto a due paragrafi della norma costituzionale in evidente disprezzo della tragedia della Libia e della sofferenza del suo popolo da quasi dodici anni.

I punti controversi della norma costituzionale non sono altro che una giustificazione per l'aborto del processo elettorale da parte dei leader della scena politica che, pur essendo in disaccordo su tutto, hanno accettato di annullare le elezioni e di confiscare la volontà di cinque milioni di libici per ridurla alla volontà di cinque persone che ora controllano il destino del Paese e del suo popolo.

Il candidato presidenziale Saif al-Islam Muammar Gheddafi aveva precedentemente suggerito di rimuovere tutti i nomi controversi o di farli entrare tutti nell'arena elettorale senza escludere nessuno.
 
Di conseguenza, oggi dichiariamo apertamente la nostra opinione che tutti dovrebbero essere autorizzati a correre alle elezioni che si svolgono in una fase critica e in circostanze eccezionali che richiedono la partecipazione di tutti i candidati, perché l'esclusione di alcuni partiti potrebbe portarci a contestare i loro risultati e a non riconoscerli o a boicottarli, e la questione potrebbe persino portare ad abortirli da zero.
Inoltre, la decisione deve essere lasciata al popolo libico e si deve porre fine alla tutela delle sue decisioni e della sua volontà. Il popolo libico è diventato consapevole, conosce bene i propri interessi e distingue tra giusto e sbagliato, tra grasso e grasso.

Lascia che sia lui a decidere chi eleggere e ad assumersi la responsabilità della sua decisione.

Per quanto riguarda la riconciliazione nazionale, il candidato presidenziale Saif al-Islam Muammar Gheddafi ha risposto all'invito ufficiale rivoltogli dal Presidente della Repubblica del Congo a partecipare alla conferenza di riconciliazione libica organizzata dal suo Paese sotto la supervisione e il patrocinio dell'Unione Africana, e il suo sostegno e i suoi rappresentanti partecipano alle riunioni preparatorie.
Siamo pienamente convinti che le richieste dei libici siano le stesse, le loro tragedie siano le stesse e i loro sogni siano gli stessi, e che essi, come popolo riconciliato con se stesso, vogliano sicurezza e stabilità, preservare l'unità delle loro terre, uscire dal ciclo di guerre, dal caos della sicurezza e dalle crisi in corso, e porre fine alla marcia delle lacrime e del sangue.
 
Pertanto, dobbiamo correggere l'errore e l'incomprensione della natura della riconciliazione di cui la Libia ha bisogno, perché il conflitto in essa non è un conflitto tra nazionalità, razze, religioni, sètte o sette all'interno della società, e quindi il problema risiede nei contendenti per la spartizione del potere e delle ricchezze, poiché sono loro la causa del peggioramento della situazione nel Paese, e sono loro. Che dovrebbero riconciliarsi tra loro e non con il popolo libico.
 
Siamo fiduciosi che tutti scopriranno, attraverso questa conferenza, che il popolo libico è unito e d'accordo sui suoi obiettivi nazionali... e vuole le elezioni e cerca la sicurezza e la pace... la prosperità e la ricostruzione... la prosperità e lo sviluppo... il progresso e la prosperità.

Infine, affermiamo che la nostra posizione coincide con quella del popolo libico e con ciò che i libici vogliono e vedono.

(E hanno tramato il loro complotto, e con Dio il loro complotto, anche se fosse il loro complotto, le montagne si allontanerebbero da esso)

La squadra politica del candidato alla presidenza Saif al-Islam Muammar Gheddafi

Rilasciato a Sebha il 24.12.2022?


PER APPROFONDIRE LE VICENDE LIBICHE RECENTI:


ACQUISTA "L'URLO: SCHIAVI IN CAMBIO DI PETROLIO"


 

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti