Sekala e Niskala: la danza bailanese del G20

Sekala e Niskala: la danza bailanese del G20

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar –  Asia Times

[Traduzione di Nora Hoppe]

 

La cultura balinese, un perpetuo esercizio di sofisticata sottigliezza, non fa distinzione tra il secolare e il soprannaturale – sekala e niskala. Sekala è ciò che i nostri sensi possono percepire. Come i gesti rituali dei leader mondiali – reali e minori – in un G20 altamente polarizzato.

Niskala è ciò che non può essere percepito direttamente e può solo essere "suggerito". E questo vale anche per la geopolitica.

L'evento clou balinese potrebbe essere stato caratterizzato da un'intersezione di sekala e niskala: il tanto sbandierato incontro faccia a faccia (o faccia a auricolare) Xi-Biden.

Il Ministero degli Affari Esteri cinese ha preferito andare al sodo, selezionando i due temi chiavi.

  1. Xi ha detto a Biden – anzi, al suo auricolare – che l'indipendenza di Taiwan è semplicemente fuori discussione.

  2. Xi spera anche che la NATO, l'UE e gli USA si impegnino in un "dialogo globale" con Mosca.

Le culture asiatiche – siano esse balinesi o confuciane – sono non conflittuali. Xi ha delineato tre livelli di interessi comuni:

  • prevenire i conflitti e gli scontri, portando a una coesistenza pacifica;
  • beneficiare del reciproco sviluppo;
  • promuovere la ripresa globale post-COVID, affrontare il cambiamento climatico e affrontare i problemi regionali attraverso il coordinamento

 

È significativo che l'incontro, durato tre ore e mezza, si sia svolto nella residenza della delegazione cinese a Bali e non nella sede del G20. Ed è stato richiesto dalla Casa Bianca.

Secondo i cinesi, Biden ha affermato che gli Stati Uniti non vogliono una nuova guerra fredda, non sostengono "l'indipendenza di Taiwan", non sostengono "due Cine" o "una Cina, una Taiwan", non cercano il "disaccoppiamento" dalla Cina e non vogliono contenere la Cina.

Lo dica agli straussiani/neo-conservatori/neoliberisti che sono decisi a contenere la Cina. La realtà dimostra che Xi ha poche ragioni per prendere "Biden" – ovvero la combo che gli scrive ogni copione sullo sfondo – per oro colato. Quindi, allo stato attuale, rimaniamo nel niskala.


Quel gioco a somma zero

 

Il presidente indonesiano Joko "Jokowi" Widodo ha avuto una mano terribile: come organizzare un G20 per discutere di sicurezza alimentare ed energetica, sviluppo sostenibile e questioni climatiche quando tutto è polarizzato dalla guerra in Ucraina.

Widodo ha fatto del suo meglio, esortando tutti i partecipanti al G20 a "porre fine alla guerra", con una sottile allusione al fatto che "essere responsabili significa creare situazioni a somma non zero".

Il problema è che gran parte del G20 è arrivato a Bali con l'obiettivo di una situazione a somma zero – cercando il confronto (con la Russia) e quasi nessuna conversazione diplomatica.

Le delegazioni di Stati Uniti e Regno Unito volevano dichiaratamente snobbare il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ad ogni passo. Per Francia e Germania il discorso è diverso: Lavrov ha parlato brevemente con Macron e Scholz. E ha detto loro che Kiev non vuole negoziati.

Lavrov ha anche rivelato qualcosa di molto significativo per il Sud Globale:  

"Gli Stati Uniti e l'Unione Europea hanno promesso per iscritto al Segretario Generale dell'ONU che le restrizioni all'esportazione di grano e fertilizzanti russi saranno rimosse – vediamo come questo verrà attuato".

La tradizionale foto di gruppo prima del G20 – un punto fermo di ogni vertice in Asia – ha dovuto essere ritardata. Perché – chi altri – "Biden" e Sunak, Stati Uniti e Regno Unito, si sono rifiutati di stare nella stessa foto con Lavrov.

Queste isterie infantili e poco diplomatiche sono profondamente irrispettose nei confronti della rituale cortesia balinese, dell'educazione e dell'etica non conflittuale.

La versione occidentale è che "la maggior parte dei Paesi del G20" voleva condannare la Russia in Ucraina. Non è vero. Fonti diplomatiche hanno lasciato intendere che in realtà si tratta di una divisione 50/50. La condanna è arrivata da Australia, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Corea del Sud, Regno Unito, Stati Uniti e UE. Non condanna da Argentina, Brasile, Cina, India, Indonesia, Messico, Arabia Saudita, Sudafrica, Turchia e, naturalmente, Russia.

Graficamente: il Sud Globale contro il Nord Globale.

Quindi la dichiarazione congiunta farà riferimento all'impatto della "guerra in Ucraina" sull'economia globale, e non alla "guerra della Russia in Ucraina".

 

Il crollo dell'economia dell'UE

 

Ciò che non stava accadendo a Bali ha avvolto l'isola in un ulteriore strato di niskala. Il che ci porta ad Ankara.

La nebbia si è addensata perché, sullo sfondo del G20, gli Stati Uniti e Russia stavano parlando ad Ankara, rappresentati dal direttore della CIA William Burns e dal direttore dell'SVR (Foreign Intel) Sergei Naryshkin.

Nessuno sa cosa si stesse negoziando esattamente. Il cessate il fuoco è solo uno dei possibili scenari. Eppure, l'accesa retorica della NATO a Bruxelles e di Kiev suggerisce che l'escalation prevale su una sorta di riconciliazione.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov è stato categorico: de facto e de jure, l'Ucraina non può e non vuole negoziare. Quindi l'operazione militare speciale continuerà.

La NATO sta addestrando nuove unità. I prossimi obiettivi possibili sono la centrale nucleare di Zaporizhzhya e la riva sinistra del Dnieper – o ancora più pressione a nord di Lugansk. Da parte loro, i canali militari russi avanzano la possibilità di un'offensiva invernale su Nikolaev: a soli 30 km dalle posizioni russe.

I seri analisti militari russi sanno quello che devono sapere anche i seri analisti del Pentagono: La Russia ha utilizzato finora, nella migliore delle ipotesi, solo il 10% del suo potenziale militare. Non ci sono forze regolari; la maggior parte sono milizie della DPR e della LPR, commando Wagner, ceceni di Kadyrov e volontari.

L'improvviso interesse degli americani a parlare e l'avvicinamento di Macron e Scholz a Lavrov indicano il nocciolo della questione: L'UE e il Regno Unito potrebbero non sopravvivere al prossimo inverno, 2023-2024, senza Gazprom.

L'Agenzia Internazionale dell'Energia ha calcolato che il deficit complessivo per allora si avvicinerà a 30 miliardi di metri cubi. E questo presuppone circostanze "ideali" per il prossimo inverno: prevalentemente mite; Cina ancora sotto sequestro; consumo di gas molto più basso in Europa; persino un aumento della produzione (dalla Norvegia?).

I modelli dell'AIE prevedono due o tre ondate di aumenti dei prezzi nei prossimi 12 mesi. I bilanci dell'UE sono già in allarme – per compensare le perdite causate dall'attuale suicidio energetico. Entro la fine del 2023, la cifra potrebbe raggiungere i 1.000 miliardi di euro.

Eventuali costi aggiuntivi e imprevedibili per tutto il 2023 significano che l'economia dell'UE collasserà completamente: chiusura dell'industria in tutti i settori, euro in caduta libera, aumento dell'inflazione, debito che corrode ogni latitudine, dalle nazioni del Club Med alla Francia e alla Germania.

La dominatrice Ursula von der Leyen, alla guida della Commissione Europea, dovrebbe ovviamente discutere di tutto questo – nell'interesse delle nazioni dell'UE – con gli attori globali a Bali. Invece la sua unica agenda, ancora una volta, è stata la demonizzazione della Russia. Nessun niskala qui; solo una pacchiana dissonanza cognitiva.

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente