Serbia: ampia vittoria elettorale per la coalizione del presidente Vucic

Serbia: ampia vittoria elettorale per la coalizione del presidente Vucic

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La coalizione guidata dal Partito Progressista Serbo (SPP) del presidente Aleksandar Vucic ha ottenuto il 47,21% dei voti alle elezioni parlamentari, secondo quanto reso noto dalla commissione elettorale dopo che lo spoglio è quasi terminato.

Secondo i dati provenienti da 7.584 seggi elettorali su 8.273, i principali rivali dell'SPP, il blocco di opposizione filo-occidentale Serbia contro la Violenza, si è fermato al 22,9%. Al terzo posto, con il 6,67%, si trova il Partito socialista di Serbia del primo vice primo ministro e ministro degli Esteri Ivica Dacic, che fa parte della coalizione di governo.

La coalizione di governo otterrà dunque la maggioranza assoluta in Parlamento - 128, 129 o 130 seggi su 250, ha dichiarato Vucic, dalla sede del suo partito a Belgrado. Il presidente ha aggiunto che dopo le elezioni si aspetta che continui il processo di avvicinamento all’Unione Europea e proseguano i difficili negoziati sulla questione del Kosovo e Metochia. 

I cittadini serbi sono stati chiamati alle urne per le elezioni anticipate del Parlamento,  le elezioni municipali in 65 città e distretti, tra cui Belgrado, e nella provincia autonoma della Vojvodina. Sono stati aperti circa 8,3 mila seggi elettorali, di cui 81 all'estero. Oltre 6,5 milioni di serbi avevano diritto al voto. 

Alle elezioni hanno preso parte 18 blocchi e partiti e oltre 2800 candidati sono in corsa per 250 seggi dell'Assemblea. Per entrare in Parlamento è necessario superare una soglia di voti del 3%.

Secondo la legge, la Commissione elettorale serba deve annunciare i risultati finali delle elezioni entro 96 ore dalla chiusura dei seggi. Ci vogliono 30 giorni per formare un nuovo parlamento.

In ambienti europeisti ci si aspettava che la coalizione di opposizione "Serbia contro la violenza" lanciasse la sua più grande sfida per il consiglio comunale di Belgrado, e a tal proposito alcuni analisti hanno affermato che una vittoria dell'opposizione nella capitale avrebbe seriamente colpito il governo di Vucic. 

Vucic, tuttavia, ha dichiarato che il suo partito è in testa anche nel voto della capitale, anche se ha aggiunto che i negoziati di coalizione post-elettorali determineranno chi governerà a Belgrado.

"Questa è una vittoria assoluta che mi rende estremamente felice", ha dichiarato un esultante Vucic presso la sede del suo partito a Belgrado. "Sappiamo cosa abbiamo ottenuto nel periodo precedente e quanto sia difficile il periodo che ci attende".

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti