"Servilismo umiliante". Milei consegna l'Argentina agli USA

"Servilismo umiliante". Milei consegna l'Argentina agli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nelle prime ore di venerdì, il presidente argentino Javier Milei e il generale Laura Richardson, comandante del Comando Sud degli Stati Uniti (SouthCom), hanno avuto un incontro a Ushuaia, la città più meridionale del Paese sudamericano.

Durante un discorso al personale militare di entrambi i Paesi, il fanatico ultra-liberista ha ribadito la volontà di stringere una "alleanza strategica" con gli Stati Uniti e i suoi alleati, suggerendo che SouthCom parteciperà alla "Base navale integrata".

Inizialmente proposta dall'amministrazione di Alberto Fernandez (2019-2023), questa base navale includerà un porto per la riparazione e il rifornimento delle navi, che sarà la struttura più vicina all'Antartide e "la porta d'accesso al continente bianco", ha detto Milei.

La visita del comandante del SouthCom in Patagonia ha scatenato le critiche delle personalità argentine, che hanno sottolineato la subordinazione del presidente di estrema destra agli interessi statunitensi. 

"Milei, vestito da soldato coloniale per incontrare il comandante del SouthCom - il partner dell'invasore britannico - è determinato a cedere il controllo geopolitico, strategico e di sfruttamento delle risorse e dei beni naturali del nostro Paese", ha dichiarato Alicia Castro, ex ambasciatrice dell'Argentina nel Regno Unito.

"Abbiamo già visto cosa hanno fatto gli Stati Uniti quando hanno collaborato in Iraq, Libia e Afghanistan... Abbiamo visto come il SouthCom, la CIA e la School of the Americas hanno partecipato e partecipano a tutti i colpi di Stato nella nostra regione", ha commentato criticamente.

Tuttavia, Milei ha affermato che difenderà la sovranità argentina "costruendo alleanze strategiche con coloro con i quali condividiamo una visione del mondo".

Martedì sera, il generale Richardson è atterrato a Buenos Aires per iniziare la sua terza visita ufficiale in Argentina. Nei giorni scorsi ha avuto incontri con alti funzionari dell'amministrazione Milei e con personale militare di alto livello.

Secondo le versioni ufficiali statunitensi, questi incontri hanno avuto lo scopo di approfondire le relazioni bilaterali in termini di cooperazione regionale in materia di difesa. A questo proposito, il portavoce presidenziale Manuel Adorni ha annunciato che la portaerei USS George Washington visiterà l’Argentina a maggio.

Milei è stato fortemente criticato dall’ex presidente argentino Alberto Fernández per il suo discorso "sottomesso" al capo del Comando Sud degli Stati Uniti, Laura Richarson.

Dal suo account sul social network X, Fernández ha espresso dure critiche al leader libertario, che ha accusato di aver espresso un "umiliante servilismo" rispetto a Richardson e il suo entourage.

"Il presidente argentino, parlando di 'espansioni territoriali', travestito da militare accanto a un'autorità dell'esercito statunitense, ci riempie di vergogna come nazione. Ha tenuto un discorso inutile che esprime la sottomissione dell'Argentina a una nazione straniera".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti