World Affairs/Siria, i curdi non avrebbero mai rilasciato i terroristi dell'ISI...

Siria, i curdi non avrebbero mai rilasciato i terroristi dell'ISIS senza l'insistenza degli Stati Uniti

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


I curdi nel nord-est della Siria non avrebbero mai rilasciato i terroristi dell'organizzazione terroristica Stato islamico  dalle prigioni senza essere stati sollecitati dagli Stati Uniti, ha dichiarato oggi la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in una conferenza stampa.
 
Ha sottolineato che il rilascio della scorsa settimana di 600 terroristi dello Stato Islamico per decisione dell'autoproclamata amministrazione nel nord-est della Siria ha suscitato non poche domande a Mosca.
 
"Ovviamente, i curdi non l'avrebbero mai fatto senza essere stati sollecitati dagli americani", ha detto. "Le conseguenze pericolose di quel passaggio difficilmente spiegabile erano ovvie. Sono emerse in poco tempo."
 
Zakharova ha ricordatoche c'erano già state segnalazioni di un aumento delle operazioni da parte dei radicali islamici, che si stavano infiltrando in aree controllate dalle legittime autorità siriane e che stavano entrando in scontri di combattimento con i militari siriani.
 
"La Russia sottolinea la sua posizione invariabile e fondamentale, il suo succo è il sostegno all'unità della Siria e il rispetto per la sua integrità territoriale e sovranità", ha avvertito Zakharova. "Abbiamo sistematicamente sollecitato Damasco e le autorità autoproclamate del nord-est a condurre un dialogo costruttivo con l'obiettivo di trovare soluzioni reciprocamente accettabili nell'interesse della popolazione locale e dell'intero Paese".
 
Le forze curde nella Siria nordorientale negli ultimi anni hanno fatto affidamento sul sostegno degli Stati Uniti. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha ripetutamente attirato l'attenzione su questo. Anche dopo il ritiro della maggior parte delle forze statunitensi dalla Siria, hanno mantenuto il controllo di alcuni giacimenti petroliferi in quel paese. A settembre, il senatore statunitense Lindsey Graham ha annunciato che una compagnia americana aveva concluso un accordo diretto con i curdi.
 
Notizia del:
Notizia del: