/ Siria, il "portiere eroe della rivoluzione" elogiato dai media oc...

Siria, il "portiere eroe della rivoluzione" elogiato dai media occidentali inneggiava all'11 settembre e all'ISIS

 



di Federico Pieraccini


Il terrorista Siriano (Abdul Baset Al-Sarout) incensato da tutti i media come 'ribelle moderato' usava parole davvero moderate per commentare le sue intenzioni... D'altronde chi nn tollera autobombe, genocidio e civili massacrati in base alla religione di appartenenza, no?


Abdul Baset al-Sarut:

"“La nostra responsabilità verso Stato islamico e Jabhat al-Nusra si basa sull’amore perché sappiamo che questi due gruppi non sono politicizzati e hanno gli stessi obiettivi nostri e lavorano per Dio preoccupandosi dell’Islam e dei musulmani. Sfortunatamente ci considerano apostati e tossicodipendenti. Ma a Dio piacendo lavoreremo con loro quando partiremo da qui. E non siamo cristiani o sciiti che temono suicidi ed autobombe. Consideriamo queste cose come un nostro punto di forza e, a Dio piacendo, lo saranno proprio da questo. Questo messaggio è a Stato Islamico e nostri fratelli di Jabhat al-Nusra che quando usciremo (da Homs) saremo tutti uniti a combattere i cristiani senza lotte intestine tra noi. Vogliamo riprendere le terre prese dal regime, che è entrato dandola a sciiti e apostati”.".

 


Qui e qui per altre info sul portiere-terrorista.
 

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa