Siria. La prova che l'attacco chimico di Douma è stata una messa in scena: il rapporto degli esperti non pubblicato dall'OPCW

Siria. La prova che l'attacco chimico di Douma è stata una messa in scena: il rapporto degli esperti non pubblicato dall'OPCW

Un'indagine di un gruppo di studiosi britannici sulla base delle relazioni dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha concluso che il presunto attacco chimico sul villaggio siriano di Douma, zona rurale di Damasco, del 7 aprile 2018, è stato una messa in scena.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Concludiamo che la messa in scena a Douma ha comportato l'uccisione di almeno 35 civili", secondo quanto riferisce il gruppo di lavoro Siria, Propaganda e Media.
 
I Co-autori del nuovo rapporto Paul McKeigue, David Miller e Piers Robinson basano le loro conclusioni "sull'analisi tecnica" degli esperti delll'organismo ONU, dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, OPCW, condotta in tutto su "due cilindri cloro visti in due luoghi diversi" nella città siriana.
 
Questa valutazione tecnica non è stata inclusa nel rapporto finale dell'OPCW sul presunto bombardamento chimico, secondo il gruppo di Lavoro, che lo ha ora diffuso nel suo sito web insieme alla sua valutazione preliminare.
 



 
"Questi risultati stabiliscono oltre ogni ragionevole dubbio che il presunto attacco chimico a Douma, il 7 Aprile 2018 è stato messo in scena", ribadisce il Gruppo in base alle risultanze riassunte nel blog di Tim Hayward, professore presso l'Università di Edimburgo.
 
Il trio di investigatori denuncia anche la presunta complicità dei White Helmets-caschi bianchi nella messa in scena a Douma e "nell'omicidio di massa" di civili.
 
Secondo la loro analisi, le immagini registrate delle vittime di Douma "mostrano evidentemente che sono state esposte a un gas irritante, ma erano incapaci di fuggire".
Cercare di fuggire sarebbe stata un'azione istintiva, che li porta a sospettare che "le vittime siano state uccise da prigioniere".
 
Il risultato della valutazione tecnica dei cilindri a base di cloro che l'OPCW voleva nascondere, lancia ombre sulla presunta imparzialità e indipendenza dell'entità internazionale, secondo il Gruppo di lavoro.
 
"Le nuove informazioni che abbiamo hanno chiarito ogni dubbio che l'organizzazione è stata sequestrata da Francia, Regno Unito e Stati Uniti", hanno denunciato i docenti.
 
I coautori, comunque, non mettono in discussione l'integrità dei dipendenti e dei tecnici dell'entità responsabile dell'applicazione della Convenzione sulle armi chimiche.
 

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti