Sovraesposizione di Salvini. Per i liberisti e stampelle mediatiche varie il vero obiettivo è colpire il M5S

Sovraesposizione di Salvini. Per i liberisti e stampelle mediatiche varie il vero obiettivo è colpire il M5S

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco Erspamer* 


Per far vincere Salvini e liberarsi dell'unico partito che davvero dia loro fastidio, ossia il M5S, i liberisti e le loro stampelle liberal hanno importato in Italia la strategia che ha consentito loro di portare Trump alla Casa Bianca allontanando il pericolo di un populismo di sinistra alla Bernie Sanders. È una strategia molto semplice e che solo richiede la collaborazione di buona parte dei media e dei giornalisti, dunque molti soldi.



Consiste in questo: radicalizzare ogni questione demonizzando la posizione avversa, e poi accusare il personaggio che si vuole far vincere di fascismo, nazionalismo, xenofobia e dunque razzismo, omofobia, sessismo, bigotteria, luddismo, provincialismo, volgarità e rozzezza, stupidità, ignoranza, maleducazione, scorrettezza politica, connivenza con Putin e possibilmente di aver infastidito una o due donne quarant'anni fa. Badate bene: non si può lanciare una sola di queste accuse e usarla per martellare il finto avversario; ciò potrebbe effettivamente indebolirlo.



No, per rafforzarlo è necessario inventarsi ogni settimana una nuova accusa, in modio da irritare o spaventare, settimana dopo settimana, un nuovo gruppo di cittadini.

È questo lo scopo dell'indignazione mediatica per Salvini che si abboffa o che va a tavola a torso nudo o che fa fare a suo figlio un giro su una moto d'acqua della polizia. Vogliono farlo apparire al popolo come l'uomo del popolo che non è, e ci stanno riuscendo. I pentastellati non devono cadere nella trappola liberista. Non c'è bisogno che imitino Salvini ma di certo non devono disprezzarlo esponendosi al risentimento o sospetto dei tanti che sono come lui (come stupirsene dopo decenni di televisioni berlusconiane?). Il populismo becero non lo si contrasta con lo snobismo ma con un populismo politico.


*Professore alla Harvard University

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti