Sovranità: l'intuizione di Putin è istruttiva per tutti i paesi

Sovranità: l'intuizione di Putin è istruttiva per tutti i paesi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La scorsa settimana, durante un incontro con i giovani imprenditori in vista del Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF) di questo mese, il Presidente Putin ha condiviso una visione cruciale della sovranità statale. Nelle sue parole, "non ci sono vie di mezzo, non c'è uno Stato intermedio: o un Paese è sovrano, o è una colonia, non importa come si chiamino le colonie". Il leader russo ha precisato che esistono almeno quattro forme di sovranità: politico-militare, economica, tecnologica e sociale. Per quanto riguarda l'ultima, ha aggiunto che "sto parlando della capacità della società di unirsi per risolvere le sfide nazionali, di rispettare la storia, la cultura, la lingua e tutte le etnie che condividono un unico territorio. Questo consolidamento della società è una delle condizioni fondamentali per la crescita. Senza consolidamento, le cose andranno a rotoli".

La transizione sistemica globale verso il multipolarismo ha subito un'accelerazione senza precedenti dopo l'inizio dell'operazione militare speciale della Russia in Ucraina e l’introduzione delle controproducenti sanzioni antirusse dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno riaffermato con successo la loro declinante egemonia unipolare sull'Europa, costringendo gli Stati vassalli a realizzare massicci danni autoinflitti alle proprie economie, assecondando le richieste anti-russe. Nessuno di questi Stati, così come quelli non occidentali come il Giappone e Singapore che hanno seguito l'esempio, può essere descritto come sovrano. Al contrario, essi incarnano le colonie post-moderne che il Presidente Putin ha descritto nel suo discorso, che ora verrà spiegato.

L'intenzione delle loro leadership di potenziare le capacità militari non è altro che una sottomissione non dichiarata ai piani del padrone nordamericano di usare il loro popolo come carne da cannone nelle guerre per procura che intende scatenare in tutto il Sud globale per tutta la durata della Nuova Guerra Fredda, specialmente in Africa (occidentale). È chiaro che non hanno alcuna sovranità politica né economica dopo essersi conformati alle sanzioni anti-russe degli Stati Uniti, mentre la loro competitività tecnologica sarà erosa quanto più a lungo rimarranno Stati vassalli statunitensi. Per quanto riguarda la sovranità sociale, questi Stati fantoccio, ad eccezione del Giappone e di Singapore, non hanno alcun rispetto per i valori tradizionali, che considerano "razzisti". Questo ha portato a sua volta a molti disordini sociali nell'ultimo decennio.

Al contrario, la sovranità militare della Russia è universalmente nota, soprattutto dopo il successo dello sviluppo di missili ipersonici. Sul fronte politico, il presidente Putin ha chiarito che il suo Paese non cederà mai su questioni di interesse nazionale per compiacere qualcun altro. La sovranità economica e tecnologica del suo stato di civiltà è solida ma può ancora migliorare, cosa che sta attivamente facendo. Per quanto riguarda la sua sovranità sociale, la Russia è leader mondiale nel mostrare come sia possibile rispettare i valori tradizionali nel contesto contemporaneo. Lo "statismo populista" e il "conservatorismo sano/moderato/ragionevole" del presidente Putin possono essere descritti collettivamente come un'ideologia non ufficiale che anche altri paesi possono attuare a modo loro.

Di queste quattro forme di sovranità, la dimensione sociale è probabilmente la più importante, senza la quale un Paese crollerà inevitabilmente, proprio come ha avvertito il leader russo. Qui sta l'importanza di quella che si può chiamare "sicurezza democratica", che si riferisce alle tattiche e alle strategie di controguerra ibrida. Esse sono diverse a seconda del Paese in cui vengono praticate e del contesto specifico, ma tutti questi approcci mirano a consolidare la solidarietà sociale su cui si fondano Stati prosperi e sicuri, senza i quali le rivoluzioni colorate diventano molto più facili da provocare. Gli Stati possono raggiungere la sovranità politico-militare, economica e tecnologica solo se le loro società sono stabili e completamente protette dalle minacce della guerra ibrida.

L'intuizione del Presidente Putin è di immensa importanza per il Sud globale, soprattutto perché si prevede che questi Paesi diventeranno teatro di innumerevoli guerre per procura nel corso della nuova guerra fredda. Sebbene alcuni di loro abbiano votato contro la Russia all'ONU sotto la costrizione dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti, letteralmente nessuno di loro ha dato seguito alla sanzione, il che dimostra che sono tutti interessati a mantenere almeno un certo grado di sovranità. Quelli che non hanno votato contro la Russia, come l'Etiopia e l'India, sono ora bersaglio di varie campagne di pressione, anche se continuano a tenere testa in modo impressionante e non hanno fatto marcia indietro sulla loro neutralità di principio nei confronti del conflitto ucraino. Questo perché i cittadini sostengono la posizione del loro governo e, nonostante alcune linee di frattura, queste società rimangono in gran parte unite.

Ogni parte del mondo avrà i propri leader che mostreranno a tutti gli altri il modo ottimale per rafforzare la propria sovranità nelle quattro dimensioni indicate dal Presidente Putin nel suo discorso. Per regione, queste sono: Cina in Asia orientale; Vietnam nel Sud-est asiatico; India in Asia meridionale; Iran, Israele e Turchia in Asia occidentale; Etiopia e Sudafrica in Africa; Ungheria e Serbia in Europa; Brasile, Cuba, Messico e Venezuela in America Latina. I mezzi con cui praticano la "sicurezza democratica" differiscono a causa delle loro particolari situazioni sociali, ma tutti si sforzano comunque di rafforzare la loro solidarietà sociale e quindi la loro sovranità. Detto questo, in un modo o nell'altro sono tutti legati al modello di globalizzazione occidentale-centrico, che a sua volta limita in qualche modo la loro sovranità.

La Russia non ha mai partecipato pienamente a questo sistema, ed è per questo che le conseguenze economiche e finanziarie delle sanzioni dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti non l'hanno colpita più di tanto. Ciò significa che il Paese è comparativamente molto più sovrano di altri, anche se sarebbe inesatto descrivere i suoi partner più strettamente integrati in questo modello come "colonie". L'India, ad esempio, aspira a diventare una potenza globale anche se è posizionata al centro del modello di globalizzazione occidentale-centrico. Questa osservazione dimostra che politiche commerciali e di investimento adeguate possono mitigare l'impatto neocoloniale della partecipazione a questo sistema. Dopotutto, la Cina è estremamente sovrana nonostante abbia beneficiato molto di questo sistema, dopo aver mostrato al mondo come battere gli Stati Uniti al loro stesso gioco di globalizzazione.

In definitiva, anche se la biforcazione del mondo in Stati sovrani e colonie non è così netta come alcuni potrebbero pensare, l'osservazione del Presidente Putin è comunque un modo estremamente accurato, anche se semplificato, di comprendere la transizione sistemica globale verso il multipolarismo. I Paesi o rimarranno volontariamente colonie dell'Occidente guidato dagli Stati Uniti o seguiranno il percorso di Cina, Etiopia, India, Iran, Venezuela e altri Paesi per rafforzare la propria sovranità. Quelli che opteranno per la seconda scelta, tuttavia, dovranno praticare solide politiche di "sicurezza democratica" per prevenire le trame di guerra ibrida che si scateneranno contro di loro come punizione. Dovrebbero inoltre continuare a collaborare più strettamente per creare un modello di globalizzazione non occidentale che serva più adeguatamente i loro interessi.

 

(Pubblicato in inglese su One World)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli