/ Speciale Venezuela: perché una riconversione monetaria?

Speciale Venezuela: perché una riconversione monetaria?

 

La nuova scala monetaria raggiunge una maggiore efficienza nel sistema di pagamento con la gestione di cifre più piccole, che facilita sia le operazioni commerciali che il calcolo di tutte le transazioni economiche



da Ministerio del Poder Popular para la Comunicacion e Informacion
 

La riconversione monetaria è un impegno a rafforzare la valuta e riaffermare l'obiettivo di stabilità dell'economia, basato sull'esecuzione di un insieme di politiche coerenti nel tempo e volte a promuovere una crescita armoniosa dell'economia e lo sviluppo socio-economico dell'economia del paese.

 

La nuova scala monetaria raggiunge una maggiore efficienza nel sistema di pagamento con la gestione di cifre più piccole, che facilita sia le operazioni commerciali che il calcolo di tutte le transazioni economiche, nonché i registri contabili.

 

La riconversione monetaria è una misura necessaria per l'economia del paese.

 

Cos'è la riconversione monetaria?

 

La riconversione è una politica monetaria che mira a porre correzioni a quegli elementi che distorcono l'economia come l'inflazione, la liquidità monetaria, il potere d'acquisto diminuito, tra gli altri.

Se consideriamo la quantità di unità monetarie pro capite, vedremo che la quantità di moneta cartacea necessaria quotidianamente in Venezuela è estremamente alta, rispetto agli standard raccomandati a livello internazionale, che non superano 18 unità, mentre nel nostro paese la media viene superata.

 

Qual è lo scopo della riconversione monetaria?

 

La misura cerca di creare le condizioni per ridurre la vulnerabilità di fronte agli elementi che destabilizzano l'economia nazionale. "Questa azione aiuterà a difendere la valuta nazionale dall'attacco finanziario perpetrato dai settori imperialisti", ha detto il presidente Maduro quando ha annunciato la conversione.

Da parte sua, Ramón Lobo, presidente della BCV, ha affermato che il Venezuela sta "affrontando un processo inflazionistico dovuto a circostanze di aggressione economica contro il paese. Pertanto, prendiamo provvedimenti per affrontare questi attacchi ".

 

Lobo ha anche indicato che la riconversione non è una misura isolata e sarà accompagnata dal nuovo cono monetario.

 

In cosa consiste?

 

In termini semplici, la riconversione monetaria sta gradualmente trasformando il segno monetario in una nuova scala, nel caso del Venezuela, è la semplice riduzione degli zeri alla valuta corrente, senza perdere il potere d'acquisto e contemporaneamente adattamento culturale, in modo che i cittadini si abituino al nuovo cono monetario, dandogli il suo nome e coerentemente il giusto valore che rappresenta quando si acquistano beni o si pagano i servizi.



 

Com’è il nuovo cono monetario del Venezuela?

 

Prima dell'eliminazione degli zeri, dobbiamo procedere verso la creazione di un nuovo cono monetario, in questo senso il presidente della Banca centrale, ha informato che il Venezuela avrà una nuova serie di monete da 0,5 centesimi e un bolivar oltre a banconote di 2, 5, 10, 20, 50, 100, 200 e 500 bolivares.

 

Benefici della riconversione

 

Tra i benefici espressi dalla riconversione economica vi sono la stabilità economica e il potere d'acquisto dei cittadini. Cerca di sanare l'economia in Venezuela. Evitare la perdita del valore nominale della moneta e della sovranità monetaria, la riduzione dell'inflazione e gli squilibri economici.

 

Perché nasce la riconversione monetaria del Bolivar Sovrano?

 

Nasce per diversi motivi, per combattere il drittamente del contante verso la Colombia, l'inflazione indotta e la speculazione nel mercato delle valute illegali, rappresenta un’alternativa efficiente, istituita dal Governo Bolivariano ed è accompagnata da una nuova famiglia di banconote, che consentirà di aumentare la disponibilità di contante nel paese.

 

È la modifica totale dell'attuale cono monetario e implica il cambiamento di scala monetaria e di tutto ciò che è espresso in bolivar.

 

Gli obiettivi che devono essere raggiunti con questo nuovo piano di riconversione monetaria puntano verso il recupero del potere d'acquisto della popolazione di utenti della valuta, questo è evidentemente legato alla diminuzione dell'inflazione.

 

Inoltre, si punta a ridurre il numero di banconote nel portafoglio di ogni venezuelano, semplificando le transazioni bancarie e commerciali della vita quotidiana, come ad esempio le code scomode e disallineate che devono essere fatte per ottenere importi di cassa irrisori.

 

È importante sottolineare che questa misura è presa dal governo, nel tentativo di rafforzare e difendere l'economia nazionale dalla speculazione e dall'inflazione senza cuore indotta dai diversi attori economici che esercitano influenza in quell'area di sviluppo.

 

Tuttavia, deve essere stabilizzata o bilanciata da altri elementi che, in modo pianificato, devono contemporaneamente attuare politiche fiscali che generano un complemento di garanzia per il successo di questo nuovo meccanismo di riconversione monetaria.

 

Il presidente Nicolás Maduro ha annunciato l'avvio del "Bolívar Sovrano", nonché il nuovo sistema di banconote, supportato da altre politiche pubbliche in materia economica, commerciale e finanziaria che accompagneranno questa seconda riconversione monetaria, promuovendo così la protezione della nostra valuta.



 

Precedenti in Venezuela: 

 

Il 6 marzo 2007, l'allora Presidente della Repubblica, Hugo Chávez, approvò in congiunto con la Banca Centrale del Venezuela (BCV), una riconversione monetaria che avrebbe avuto inizio il 1 gennaio 2008, con la previsione che "il bolivar, d'ora in poi, sarebbe diventato ‘forte’”.

 

Al fine di raggiungere l'adattamento del venezuelano al nuovo sistema, il 1° ottobre 2007, cominciò ad applicarsi la riconversione nella presentazione dei prezzi dei prodotti; a quel tempo, i commercianti applicavano i prezzi sulle etichette con i tre zeri e senza di essi.

 

Alla fine di novembre 2007, i modelli delle nuove banconote che avrebbero sostituito il vecchio conio monetario sono stati mostrati per la prima volta. Nel 2007, prima dell'inizio della riconversione monetaria, l'inflazione si attestò al 22,5%.

 

Quando il decreto divenne realtà, il 1 gennaio 2008, il cambio ufficiale passò da Bs 4.300 a Bs 4,30 per dollaro, mentre nel mercato nero era di 5,35 Bs per dollaro. Quando è iniziata la riconversione, il nuovo conio monetario ha portato con sé sei biglietti e sette monete. Da allora, la banconota del valore più alto era di 100 bolivares fuertes.

 

Il 16 gennaio 2017, le nuove banconote da 500, 1.000, 2.000, 5.000, 10.000, 20.000 e 50.000 entrano nel conio monetario, senza modificare il design del conio precedente, poiché sono stati modificati solo i colori e le cifre originali. Il processo per le nuove banconote fu lento, in quanto si verificò un "sabotaggio" da parte di altri paesi affinché rallentasse l’arrivo delle nuove contante in Venezuela.

 

Il capo dello Stato, Nicolas Maduro, ha dichiarato che il Venezuela non ha intenzione di dollarizzare e che avrebbe "difeso il bolivar e il petro", così per rafforzare entrambe le valute, il 23 marzo è stato emanato il decreto di riconversione monetaria.

 

"Per facilitare le attività commerciali della nostra gente, le attività contabili, elimineremo tre zeri della valuta", ha spiegato il presidente.

 

La riconversione monetaria annunciata dal Presidente, punta a sanare l'economia venezuelana, strozzata dalle sanzioni economiche imposte dall'impero USA e da carenze selettive e programmate da società private nazionali. A sua volta, il meccanismo cercherà di combattere il sequestro delle banconote venezuelane che avviene al confine colombiano-venezuelano, facilitare la circolazione di contante nel paese e le transazioni in bolívares.

 

Riconversione in America Latina

 

Oltre al Venezuela, diverse nazioni latinoamericane hanno convertito la propria valuta per far fronte agli squilibri economici. Dal marzo di quest'anno, il Consiglio di amministrazione della Banca della Repubblica di Colombia, sta discutendo un disegno di legge per eliminare tre zeri del peso, ha informato il ministro delle Finanze, Mauricio Cárdenas.

 

Se il progetto viene approvato dal Senato colombiano, verranno emesse nuove banconote e monete. Il presidente Juan Manuel Santos ha spiegato che cerca di escludere il denaro dei gruppi criminali dal nuovo sistema finanziario e favorire l'economia nazionale e il futuro del paese.

 

Il Brasile ha avuto nel 1967, una riconversione monetaria rimuovendo tre zeri alla valuta, poi nel 1986 vengono eliminati di nuovo altri tre zeri. Nel 1989, fu fatta una nuova riconversione e altri tre zeri furono rimossi dalla moneta, una misura che sarebbe stata ripetuta nel 1992, 1993 e 1994. In sintesi, in un decennio il Brasile eliminò un totale di 12 zeri dalla sua valuta.

 

Prima delle misure di ristrutturazione, il Brasile arrivò ad avere un'inflazione annuale superiore al 2mila percento, quando effettuò la riforma monetaria, l'inflazione scese al 70 percento.

 

Dal 1970 al 1992, l'Argentina ha applicato quattro conversioni alla sua valuta per far fronte alla situazione economica del paese a causa dell'iperinflazione.

 

Attualmente, il Congresso paraguaiano sta discutendo un progetto per la riconversione monetaria del guaraní, eliminando tre zeri. Se approvata, la nuova unità monetaria avrebbe lo stesso nome di quella attuale con l'aggiunta di "nuovo” guaraní.

 

(Traduzione dallo spagnolo per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa