Susana Khalil: Mahmoud Abbas traditore del popolo palestinese

Susana Khalil: Mahmoud Abbas traditore del popolo palestinese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Susana Khalil* - Orinoco Tribune

Lettera solitaria al presidente de facto dell'Autorità Palestinese, Mahmoud Abbas

Ho stretto un patto con la vita che, nella mia rudimentale e disordinata lotta della diaspora per la liberazione della mia patria palestinese contro l'anacronismo coloniale israeliano, sarà intrinsecamente la mia strada e incontro con l'umanità stessa, con tutto ciò che è nobile, sano, giusto, onesto e generoso. Non parlo del bello, perché tutto questo è doloroso e lo proteggo stoicamente con il fango e il miele della dignità.

Quando morirai, non celebrerò la tua morte. Dico questo perché c'è la tendenza a celebrare la morte dei traditori. Forse morirò prima di te. E non celebrerò la tua morte proprio per non degradarmi nella miseria umana che fa soffrire, perché l'ingiustizia non mi disumanizzi. 

Mi rifugio nella condizione umana, che è il mio tempio. Quando una creatura umana giusta o ingiusta muore, è lo stesso sé umano. Quando Rulilahla Mandela è morto, era lo stesso io umano e mi sono rallegrato della sua feconda umanità. Quando il genio genocida Ariel Sharon è morto, è stato lo stesso io umano a spaventarmi con vergogna e orrore. La morte di tiranni, assetati di sangue, genocidi e traditori non è una vittoria del popolo in lotta. Non celebrerò la morte di Henry Kissinger, George Bush, José María Aznar, Tony Blair,

Per rispetto e amore per l'umanità e la vita, non celebrerò la tua morte, ma renderò chiaro, per oltraggio, che è morto un traditore del mio popolo. Il più grande traditore del mondo arabo è un palestinese.

Sento la poesia del nostro Galileo, Mahmoud Darwish che prega, scrive, che sono un arabo. Si scriverà che Mahmoud Abbas era un traditore arabo. Il tuo  criminale tradimento dell'umanità, contribuendo non solo al colonialismo ma al progetto sionista di porre fine, di far scomparire, di sterminare il nostro popolo, mettendo in pericolo anche l'esistenza e la continuità dei popoli e delle culture arabe, persiane e curde. Grande Israele.

La liberazione della Palestina contro il giogo coloniale e l'anacronismo, quella causa disperatamente giusta e tormentosamente umana, è il risultato e il contributo alla storia contemporanea e universale dell'avanzata contro la barbarie coloniale disumana, l'atrofia imperiale e contro il movimento fascista più efficace del nostro tempo, il sionismo.

Dialetticamente, anche il nemico ci fornisce forza, mantiene il fuoco della dignità, ma il tradimento del proprio fratello ti spezza emotivamente e moralmente. Sono preparata perché tutte le lotte contro il colonialismo sono dure, lunghe, amare, crudeli, sporche, corrotte, traditrici e maledette. Tu e gli intoccabili tiranni, traditori arabi, quelle vacche sacre dell'impero occidentale, per quanto devastanti e spaventose, non mi fermerete. So che provoco risate, quando dico che nessuno mi fermerà.

In un incontro con più collettivi popolari nel quartiere Guarataro di Caracas, Venezuela, da quelle agorà, proprio come Atene, un uomo ha detto che la liberazione della Palestina è la liberazione del mondo, che questo dovrebbe provocare un nuovo corso storico, che la il mondo cambierebbe in meglio. Quando un uomo a centinaia di migliaia di chilometri di distanza dalla Palestina è in grado di sentire questo e un nativo non è in grado di concepire lo stesso, ci fa sapere chi è nelle viscere dell'umanità e chi no.

Alcune storie personali per il mio popolo palestinese e per i suoi dolenti

Quando ero bambina giocavo alla guerra, alla liberazione della Palestina. Una volta presi un quadro di Jamal Abdel Nasser e mio padre mi rimproverò dicendomi che nessuno doveva toccare il suo quadro.

Dalla diaspora in Venezuela, era tradizione che se qualcuno veniva dalla Palestina, portava della terra da lì e ne metteva una manciata in un barattolo di vetro. Le famiglie palestinesi mettono il barattolo nella biblioteca di casa, alcune in camera da letto, altre in soggiorno, come un piedistallo. Lo avevamo in una finestra. 

A volte portavo a scuola il barattolo di terra e spiegavo ai bambini che era terra palestinese e che gli ebrei avevano rubato la nostra patria. Erano passati diversi giorni e il barattolo non era nella finestra. Mio padre sapeva che ce l'avevo e mi ha detto di darglielo. Gliel'ho dato ma era vuoto, senza terra. Preoccupato, mi ha chiesto dov'è il terreno. Gli ho detto piangendo che l'avevo ingoiato. Ha Con un pianto femminile impressionante mi ha chiesto perché l'avessi fatto, e io l'ho guardato negli occhi e gli ho detto, io sono Fidahiyah (combattente per la libertà) e ho iniziato a baciarlo senza sosta.

Ero seduta sulle ginocchia di mio padre a guardare la televisione; era l'apertura dei Giochi Olimpici di Montreal 1976. Quando hanno annunciato il regime coloniale di Israele, l'accoglienza è stata un'apoteosi, sono rimasta ferita e mio padre, un contadino palestinese, un sopravvissuto della Nakba, ferito, disse che erano criminali ignoranti. Ma quando sono arrivati alla P, ho gridato eccitata: "Sta arrivando la Palestina, sta arrivando la Palestina!". Hanno annunciato Pakistan, Panama, Paraguay, Perù, Polonia, Portogallo, Porto Rico e non hanno annunciato la Palestina. Mi sono girata; inginocchiata a terra ho cominciato a piangere tra le sue gambe; mi accarezzò con dolore e continuò a guardare quell'affascinante inaugurazione olimpica, che quasi tutto il pianeta stava guardando.

Ho ricreato e apprezzato i libri e i cataloghi dell'atlante, ma è stato triste, un oltraggio, umiliante e straziante vedere come avevano fatto scomparire la Palestina. Cancellato la Palestina dalla mappa del mondo (Ma oggi è spaventoso vedere come l'Autorità Palestinese sia l'unica cioè a far scomparire la mappa della Palestina all'interno dello stesso popolo palestinese, attraverso la trappola dei due stati). 

Una volta nella biblioteca della mia scuola elementare, ho preso un bellissimo grande libro e scrissi Palestina su Israele. Accusarono un ragazzo libanese e lui disse di non averlo fatto, quando gli mostarono il librone, il ragazzo rispose che era corretto, che il vero nome è Palestina. Gli contestarono che allora sì, era stato lui. Oggi penso a quel ragazzo che se ne fregava dell'accusa, era immerso nello spiegare che il nome corretto è Palestina. chiamarono i suoi genitori, mostrarono loro il grande libro e quando lo videro anche loro dissero, è vero, è la Palestina non Israele, e ribadendo felicemente di sì, era il loro figlio e se ne andarono felici. Sentì un amore arabo, magico e cattivo.

Facciamo uscire i mercanti dal Tempio

Non esistono popoli senza eroi e traditori. La crisi peggiore non è quella politica o economica, è la crisi morale e di identità. La lotta più dura è quella interna, bisogna abolire l'Autorità Palestinese (senza provocare una guerra civile, che sarebbe l'ideale per il colonialismo israeliano). 

L'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) deve essere salvata e rianimata. Il progetto sionista è far scomparire il popolo palestinese e il resto dei popoli arabo-persiano e curdo. Gli ebrei in buona fede non hanno mai negoziato con i nazisti. Ci sono ebrei che hanno negoziato con i nazisti ed era per i propri interessi economici. È un palestinese povero di pensiero che oggi crede ai due stati. Dagli accordi di Oslo, ci siamo lasciati alienare; non permettiamo a noi stessi di compiacerci. La falsa e indegna proposta dei due stati è un sedativo per lo sterminio invisibile del popolo palestinese. Torno alla mia infanzia per raccogliere il sentimento più puro, per resuscitare la causa della Liberazione della Palestina storica. Non perdiamo la nostra ragion d'essere e salviamo la nostra identità.

Abbiamo un appuntamento con la storia e un debito con l'umanità, per esecrare l'anacronismo coloniale e per rovesciare il fascismo più potente del nostro tempo, il sionismo.

Chiedo al mondo di non confondere la degna Causa Palestinese con il traditore palestinese: abbiamo il nostro dolce Gesù ma anche il traditore Giuda.

La Vergine Maria era palestinese e anche Maria Maddalena, io le amo entrambe. Che questa sia storia o mito, è storia o mito palestinese. La Palestina è un popolo che si rifiuta di scomparire.

*Politologa e ricercatrice. Fondatrice dell'Associazione Canaán. Conduttrice e produttrice del programma radiofonico "Palestine 11 thousand years of history".

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti