Svolta in Libia: Haftar consente alle navi turche attracco a Bengasi

Svolta in Libia: Haftar consente alle navi turche attracco a Bengasi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Momento di svolta in Libia: Khalifa Haftar ha dichiarato in una lettera indirizzata all'amministrazione dei porti e dei trasporti marittimi che le sue forze non si oppongono all'attracco delle navi commerciali battenti bandiera turca nel porto della provincia orientale di Bengasi, controllato dalle sue milizie.

"Non abbiamo obiezioni all'ingresso nei nostri porti di navi commerciali battenti bandiera turca che rispettano le procedure legali e la legislazione dichiarate", si legge nella lettera vergata da Haftar secondo quanto riferisce l’emittente televisiva libica Al-Hadath. 

Un cambiamento netto rispetto al passato. Nello scorso dicembre una nave turca che trasportava medicinali era stata fermata nel porto di Misurata dalle forze fedeli ad Haftar, per poi essere rilasciata qualche giorno dopo. 

Ankara e Tripoli hanno firmato due memorandum d'intesa, uno sulla cooperazione militare e l'altro sui confini marittimi dei paesi del Mediterraneo orientale.

Il 23 ottobre 2020 è stato raggiunto un cessate il fuoco sotto gli auspici delle Nazioni Unite. 

Nei giorni scorsi si è insediato un governo di transizione di unità nazionale, con il compito di traghettare il paese alle elezioni del prossimo dicembre, sostenuto anche da Haftar. Il 5 febbraio, i delegati libici hanno eletto Mohammad Menfi a capo del Consiglio presidenziale composto da tre membri e Abdul Hamid Dbeibeh il nuovo primo ministro.

La scorsa settimana, il parlamento libico ha concesso un voto di fiducia al governo di Dbeibah con 132 voti dei 133 legislatori che hanno partecipato alla sessione.

I libici sperano così di riuscire a chiudere un decennio di guerra civile seguita al rovesciamento di Ghedaffi. 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra