The Guardian - L'assassinio di Soleimani potrebbe innescare la fine della presenza militare USA in Iraq

The Guardian - L'assassinio di Soleimani potrebbe innescare la fine della presenza militare USA in Iraq

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un articolo apparso nella giornata di venerdì sul quotidiano britannico The Guardian afferma che l’assassinio del generale Soleimani, comandante della Forza al Quds del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie della Repubblica Islamica dell’Iran, potrebbe “porre fine alla presenza dell’esercito statunitense in Iraq”. 

 

Il pezzo di opinione ha ricordato che il generale Soleimani era "riuscito a dissanguare le forze armate statunitensi in luoghi come l'Iraq", dove avrebbe fornito un ampio supporto consultivo alle operazioni antiterrorismo di Baghdad.

 

Ha anche accreditato al generale la possibilità di "intrappolare gli Stati Uniti nell'iniziare la propria espulsione dall'Iraq" durante il suo impegno con il paese arabo.

 

'Un eroe'

 

L'articolo ha ricordato che Soleimani avendo aiutato l'Iraq a sconfiggere il gruppo terroristico takfiro di Daesh ha ricevuto un ampio consenso come "eroe" sia nella sua terra d'origine che nella nazione araba.

 

Il suo martirio, ha aggiunto, probabilmente aumenterà la sua popolarità trasformandolo in un "grido di battaglia" tra i suoi sostenitori.

 

"Una nuova generazione di Quds Force"

 

Il quotidiano britannico ha anche accreditato al generale Soleimani la formazione di una nuova generazione di militari della Quds Force, di cui si sarebbe fidato con una vasta "autorità operativa" durante il suo comando.

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica