The Guardian: Israele ha promosso l'espansione delle colonie a Gerusalemme dopo il 7 Ottobre

The Guardian: Israele ha promosso l'espansione delle colonie a Gerusalemme dopo il 7 Ottobre

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo i dati forniti dal quotidiano britannico The Guardian, il governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha accelerato la costruzione di insediamenti ad est di Al-Quds (Gerusalemme) negli ultimi sei mesi, cioè dallo scorso ottobre e dall'inizio degli attacchi israeliani alla Striscia di Gaza.

Secondo quanto si legge nei documenti di pianificazione, Israele ha accelerato la costruzione di oltre 20 progetti per un totale di migliaia di unità abitative approvate o avanzate dal 7 ottobre.

Il giornale ha rivelato che dietro i più grandi progetti controversi ci sono diversi gabinetti e ministeri di Netanyahu, a volte associati a gruppi nazionalisti di destra, con una lunga storia di tentativi di cacciare i palestinesi dalle loro case.

Un membro dell'organizzazione israeliana per i diritti umani Bimkom, Sari Kronish, in un'intervista aal media inglese, ha dichiarato che l'accelerazione di questi piani è stata “senza precedenti” negli ultimi sei mesi. “Mentre molte agenzie governative hanno chiuso o hanno limitato le operazioni dopo il 7 ottobre, le autorità di pianificazione hanno continuato ad andare avanti, portando avanti questi piani a una velocità senza precedenti”.

Allo stesso modo, i nuovi insediamenti offriranno agli ebrei in questo territorio che fu occupato nel 1967 e poi annesso unilateralmente nel 1980, una misura alla quale non è mai stata data risposta dalle Nazioni Unite (ONU).

Insediamento nel cuore del quartiere palestinese

Dall’inizio degli attacchi israeliani contro l’enclave costiera, le autorità israeliane hanno approvato due nuovi insediamenti che sono i primi ad essere approvati nella parte orientale di Al-Quds in più di un decennio.

In primo luogo, si tratta di un insediamento chiuso di massima sicurezza chiamato Kidmat Zion, situato nel cuore del quartiere palestinese di Ras al-Amud, nella parte orientale di Al-Quds, iniziato appena 48 ore dopo l’operazione del Movimento di Resistenza Islamica Palestinese (HAMAS), nota come "Tempesta di Al-Aqsa".

Allo stesso modo, due importanti progetti sono posti ai lati di Beit Safafa, la maggior parte dei quali si trova nella parte orientale di Al-Quds. Uno di loro, noto come Givat Hamatos, è stato congelato per un decennio a causa dell’opposizione internazionale. Tuttavia, il lavoro è ripreso nel 2020 e il lavoro si è intensificato dal mese scorso.

L’altro piano, noto come Givat Shaked, ha suscitato polemiche da quando ne è stata proposta la costruzione a metà degli anni ’90.

Ostacoli alla creazione di uno Stato palestinese

Il giornale ha sottolineato che l'obiettivo di Israele nella costruzione di nuovi insediamenti è quello di promuovere la città di Al-Quds come “città leader a livello internazionale nel settore economico e nella qualità della vita nello spazio pubblico”.

I progetti di Tel aviv costituiranno probabilmente un ostacolo a qualsiasi tentativo di creare uno Stato palestinese vitale con la parte orientale di Al-Quds come capitale.

Inoltre, Israele ha fermato i piani di costruzione e pianificazione della città da parte dei palestinesi.

Secondo il report, gli insediamenti israeliani nei territori palestinesi occupati si sono espansi in numeri record e rischiano di eliminare ogni possibilità pratica di uno Stato palestinese.

Quasi il 40% della popolazione della città di Al-Quds, circa un milione di abitanti, è palestinese e il mantenimento di una maggioranza ebraica nella città è stato un obiettivo dei successivi governi israeliani.

-------------

L'AntiDiplomatico e LAD edizioni sono impegnati a sostenere l'associazione "Gazzella", in prima linea nel sostegno della popolazione di Gaza. 

Con l'acquisto di "Il Racconto di Suaad" (Edizioni Q - LAD edizioni) dal nostro portale, finanzierete le attività di "Gazzella".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti